Globuli rossi (cosa sono, valori, funzione)

Contenuto di: - Curatore scientifico: Dr. Tania Catalano
Indice contenuto:
  1. Cosa sono i globuli rossi?
  2. Qual è la funzione dei globuli rossi?
  3. Quali sono i valori normali dei globuli rossi in un individuo?
  4. Qual è la struttura dei globuli rossi?
  5. Quali sono le principali patologie dovute ai globuli rossi?
  6. Quando si parla di globuli rossi piccoli?
  7. Globuli rossi alti: cause
  8. Globuli rossi bassi: cause
  9. Rapporto tra alimentazione e globuli rossi
  10. Globuli rossi bassi in gravidanza
  11. Leucociti alti: cause
  12. Leucociti bassi: cause

Cosa sono i globuli rossi?

Globuli rossi

I globuli rossi (detti anche eritrociti o emazie) sono cellule del sangue che svolgono un ruolo importante per la salute, poiché portano ossigeno fresco in tutto il corpo. I globuli bianchi, o leucociti, invece sono cellule del sangue la cui funzione è principalmente quella di attivare meccanismi di difesa del corpo (ovvero difenderlo dalle infezioni). 

Le cellule dei globuli rossi hanno forma discoidale e sono prive di nucleo, caratteristica che conferisce loro una struttura biconcava e appiattita al centro, proprio nel punto in cui hanno perso il nucleo. La forma a disco consente loro maggiore possibilità di movimento anche attraverso vasi molto stretti, come per esempio i capillari sinusoidi; la parte centrale appiattita aumenta la superficie e permette di incrementare gli scambi gassosi. Esami medici specifici, come l'emocromo, possono controllare la dimensione, forma e la salute dei globuli rossi.

Qual è la funzione dei globuli rossi?

La funzione principale degli eritrociti è quella di trasportare ossigeno dai polmoni verso i tessuti e anidride carbonica dai tessuti verso i polmoni. Il trasporto dell’ossigeno avviene grazie all'emoglobina.

L’emoglobina è una proteina globulare presente nei globuli rossi con la funzione di trasportare l’ossigeno nel sangue. E’ una proteina tetramerica costituita, cioè, da quattro subunità. Ogni subunità comprende un gruppo eme (porzione che contiene un atomo di ferro e consente il legame con l’ossigeno), quindi ogni molecola di emoglobina può legare quattro molecole di ossigeno.

I globuli rossi sono prodotti dentro le ossa, nel midollo osseo. Di norma, vivono per circa 120 giorni e poi vengono degradati dai macrofagi nella milza e nel fegato. La degradazione del gruppo eme dell'emoglobina porta alla produzione della bile.

Quali sono i valori normali dei globuli rossi in un individuo?

I valori normali di globuli rossi nell'individuo adulto sono:

  • 4.5-6 milioni per mm cubo di sangue nell'uomo
  • 4-5.5 milioni per mm cubo di sangue nella donna

Qual è la struttura dei globuli rossi?

I globuli rossi sono cellule dotate di membrana esterna e di citoplasma, ma prive di nucleo e di organelli citoplasmatici. Gli eritrociti hanno un colore rosa a causa dell'elevato contenuto di emoglobina e una forma a "disco biconcavo" che ne determina una superficie maggiore rispetto alla forma sferica.

Dimensioni globuli rossi

Le dimensioni dei globuli rossi variano:

  • normociti (dimensioni normali)
  • microciti (diminuite)
  • macrociti (aumentate)

Anche il colore può variare a seconda del grado di emoglobinizzazione

Quali sono le principali patologie dovute ai globuli rossi?

Le più note patologie legate agli eritrociti sono:

  • anemie
  • eritroblastosi fetale

Quando si parla di globuli rossi piccoli?

Parliamo, solitamente, di globuli rossi piccoli quando il paziente prrsenta una mancanza di ferro o, nei casi più gravi, anemia.  

Globuli rossi alti: cause

Per valutare il livello di globuli rossi nel sangue di norma vengono effettuati degli esami ematici. In linea di massima si considerano nella norma valori di globuli rossi (espressi in unità per micro litro) compresi tra 4 e 5,5 milioni per le donne e 4,5 e 6 milioni per gli uomini. Valori superiori a questi indicano un livello di globuli rossi alti. In questi casi si parla di policitemia. Valori elevati di globuli rossi possono segnalare che qualcosa non va nell'organismo e devono essere oggetto di approfondimento.

In caso di globuli rossi alti, in genere si fa una distinzione tra policitemia relativa (quando cioè l'aumento è dovuto a una riduzione plasmatica momentanea) o policitemia assoluta (quando l'aumento dei globuli rossi è dovuto a un vero e proprio netto incremento numerico).

Nel primo caso, tra le cause principali ci possono essere:

Le cause principali di policitemia assoluta invece sono:

  • malattie polmonari o ai bronchi, con conseguente insufficienza respiratoria
  • problemi cardiaci, caratterizzati da un'alterata comunicazione tra le regioni ventricolari destra e sinistra
  • una malattia specifica, detta metaemoglobinemia, nella quale l'emoglobina ha difficoltà a legare l'ossigeno
  • intossicazioni da monossido di carbonio
  • problemi renali o adenomi (tumori benigni nelle surreni)
  • permanenza in altura per un lungo periodo

Globuli rossi bassi: cause

La maggior parte delle persone non pensa ai globuli rossi a meno di non avere una malattia che colpisce queste cellule. Problemi con i globuli rossi possono essere causati da malattie o una mancanza di ferro o vitamine nella dieta. Alcune malattie dei globuli rossi vengono invece ereditate.

Le principali malattie dei globuli rossi sono diversi tipi di anemia, una condizione caratterizzata da una insufficiente presenza di globuli rossi, che non riescono quindi a trasportare ossigeno sufficiente in tutto il corpo. Le persone con anemia possono avere globuli rossi che hanno una forma insolita, con un aspetto normale, oppure più grandi o più piccoli del normale.

I principali sintomi di anemia comprendono stanchezza, battito cardiaco irregolare, pallore, sensazione di freddo e, nei casi più gravi, insufficienza cardiaca. I bambini che non hanno abbastanza globuli rossi sani crescono e si sviluppano più lentamente rispetto agli altri. Questi sintomi dimostrano quanto siano importanti i globuli rossi nella vita quotidiana.

Di seguito elenchiamo i tipi più comuni di anemia.

  • Anemia da carenza di ferro. Se non si dispone di abbastanza ferro nel corpo, il  corpo non sarà in grado di produrre abbastanza globuli rossi. L'anemia da carenza di ferro è la forma più comune di anemia. Tra le cause di carenza di ferro ci sono una dieta a basso contenuto di ferro, una perdita improvvisa di sangue, una perdita cronica di sangue (ad esempio nei periodi mestruali pesanti), o l'incapacità di assorbire abbastanza ferro dal cibo.
  • Anemia falciforme. In questa malattia ereditaria, i globuli rossi sono a forma di mezzaluna, piuttosto che di normali cerchi frastagliati. Questo cambiamento di forma può rendere le cellule "appiccicose" e incapaci di fluire senza intoppi attraverso i vasi sanguigni. Questo provoca un blocco nel flusso sanguigno. Questo blocco può causare dolore acuto o cronico e può anche portare a infezioni o danni degli organi. Le cellule falciformi muoiono molto più rapidamente di normali cellule del sangue in circa 10 a 20 giorni invece di 120 giorni, e questo causa una carenza di globuli rossi.
  • Anemia normocitica. Questo tipo di anemia che si verifica quando i globuli rossi sono normali per forma e dimensione, ma non ce ne sono abbastanza per soddisfare le esigenze del corpo. Le malattie che causano questo tipo di anemia sono in genere le condizioni di lungo termine, come le malattie renali, cancro, artrite reumatoide.
  • Anemia emolitica. Questo tipo di anemia si verifica quando i globuli rossi sono distrutti da un processo anomalo nel corpo, prima che la loro “vita” sia finita. Di conseguenza, il corpo non ha abbastanza globuli rossi per funzionare, e il midollo osseo non può fare abbastanza per tenere il passo con la domanda.
  • Anemia Fanconi. Questa è una malattia rara ereditaria in cui il midollo osseo non è in grado di produrre a sufficienza i principali componenti del sangue, comprese le cellule rosse. I bambini nati con questo disturbo spesso hanno gravi difetti alla nascita a causa dei problemi con il loro sangue e possono sviluppare la leucemia

Rapporto tra alimentazione e globuli rossi

Gli alimenti ricchi di ferro sono un aiuto per mantenere i globuli rossi in salute. Inoltre, anche le vitamine sono necessarie per produrre globuli rossi sani. Tra queste una delle più importanti è la vitamina E, che si trova in alimenti come le verdure verde scuro, noci e semi, mango ed avocado; vitamine B2, B12, e B3, che si trovano in alimenti come uova, cereali integrali, e banane; e i folati, disponibili nei cereali fortificati, fagioli secchi e lenticchie, succo d'arancia, e verdure a foglia verde.

Globuli rossi bassi in gravidanza

Una carenza di ferro di una madre all'inizio della gravidanza può essere causa di globuli rossi bassi e avere un effetto profondo e duraturo sullo sviluppo del cervello del bambino, anche se la mancanza di ferro, non è sufficiente a causare una grave anemia. Ecco perché è importante rilevare il livello dei globuli rossi in gravidanza mediante esami ematici. Anzi molti medici sottolineano l'importanza di monitorare lo stato del ferro di una donna incinta al di là di una situazione di anemia.

Leucociti alti: cause

Quando i leucociti o globuli bianchi nel sangue aumentano eccessivamente si parla di leucocitosi. La causa principale di un aumento esponenziale di leucociti è in genere un'infezione, di tipo virale o batterico.

Quando il corpo deve affrontare una minaccia causata da u microrganismo, la produzione di globuli bianchi da parte de midollo osseo viene aumentata. In alcuni casi, lo stress o l'assunzione di farmaci possono causare un aumento di globuli bianchi in gravidanza.

La causa più grave di aumento di globuli bianchi, infine, è la leucemia, una forma cancerosa che inibisce il regolare funzionamento del midollo osseo.

Leucociti bassi: cause

Quando si rilevano bassi livelli di globuli bianchi o leucociti nel sangue in genere si parla di leucopenia. Prima di formulare una diagnosi corretta in genere il medici richiede esami specifici per  individuare il gruppo di globuli bianchi responsabile del problema. Tra le possibili cause ricordiamo:

  • malattie congenite che causano un ridotto funzionamento del midollo osseo
  • tumori o altre malattie che possono danneggiare il midollo
  • assunzione di farmaci o presenza di malattie autoimmuni in gradi di danneggiare i leucociti
  • stati infiammatori o infezioni gravi, che causano una distruzione dei leucociti
  • chemioterapia
  • AIDS/HIV
  • carenze di vitamine come i folati
  • assunzione di alcuni farmaci (diuretici, corticosteroidi, antibiotici ecc.).