Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Farmaci
  3. Beclometasone Doc Cr 30g 0 025 Doc Generici Srl

Beclometasone Doc 0,025% crema tubo 30 g

Ultimo aggiornamento: 10 febbraio, 2021
1. Indicazioni terapeutiche
Dermatiti artificiali da causa esterna: dermatiti da contatto, irritazioni professionali. Tossicodermia da causa esterna: tossicodermie da farmaci e da alimenti. Eczema: idiopatico, allergico, infantile, da stasi alle gambe, crosta lattea. Prurito: essenziale, vulvare, anale. Dermatiti da agenti fisici: radiodermiti, eritema solare, scottature. Neurodermatiti, lichen ruber planus. Orticaria. Intertrigo, eritema intertriginoso ano-genitale dei lattanti, dermatite seborroica. Lupus eritematoso (manifestazioni cutanee). Psoriasi. Acne volgare.
2. Posologia
BECLOMETASONE DOC 0,025% Crema: preparazione a base idrofila non untuosa, particolarmente indicata in tutte le manifestazioni acute o subacute, ossia quando non è richiesto un veicolo grasso. Essendo altamente assorbibile è adatta specialmente all’applicazione su parti scoperte, umide o con peli e per il trattamento delle forme essudative. Le preparazioni BECLOMETASONE DOC 0,025% Crema devono essere applicate sulla parte opportunamente detersa in strato sottile, massaggiando dolcemente. Inizialmente l’applicazione deve essere effettuata due volte al giorno, ottenuto il miglioramento ridurre gradualmente il numero delle applicazioni. In alcune forme resistenti di dermatosi l’effetto di BECLOMETASONE DOC 0,025% Crema può essere intensificato per mezzo di un bendaggio occlusivo con materiale impermeabile, come ad es. film di politene. Le manifestazioni in cui il trattamento occlusivo è particolarmente indicato sono: eczema fissurato e infiltrato, neurodermatosi, lichen planus ipertrofico, lupus ipertrofico, lupus eritematoso e psoriasi, in zone come il gomito e il ginocchio. Bendaggio occlusivo Se si adotta la tecnica del bendaggio occlusivo, poiché esso può favorire l’assorbimento dei componenti con conseguente possibile comparsa di effetti sistemici, è consigliabile, nei casi di lesioni estese trattarne una parte per volta; in tal modo possono anche evitarsi eventuali alterazioni della omeostasi termica che si manifestano con un aumento della temperatura corporea richiedente, ove si verifichi, l’interruzione del trattamento. Le pellicole di plastica sono infiammabili e possono provocare fenomeni individuali di sensibilizzazione che rendono necessaria la sostituzione del materiale adoperato.
3. Controindicazioni
Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1. Infezioni virali o tubercolari locali. La terapia occlusiva è controindicata in soggetti con dermatite atopica.
4. Avvertenze
Se si somministra in presenza di infezioni cutanee, istituire una adeguata terapia antibatterica o antifungina e, in caso di insuccesso di questa, interrompere il trattamento corticosteroideo. L’impiego, specie se prolungato di prodotti per uso topico può dare luogo a fenomeni di sensibilizzazione. Detto impiego, soprattutto se in alte dosi, deve essere evitato nei processi infettivi dovuti ad ustioni estese, ad ulcere trofiche e nelle altre condizioni che possono favorire l’assorbimento del corticosteroide. Disturbi visivi Con l’uso di corticosteroidi sistemici e topici possono essere riferiti disturbi visivi. Se un paziente si presenta con sintomi come visione offuscata o altri disturbi visivi, è necessario considerare il rinvio a un oculista per la valutazione delle possibili cause che possono includere cataratta, glaucoma o malattie rare come la corioretinopatia sierosa centrale (CSCR), che sono state segnalate dopo l’uso di corticosteroidi sistemici e topici. Informazioni importanti su alcuni eccipienti Questo medicinale contiene clorocresolo che può causare reazioni allergiche. Questo medicinale contiene alcool cetostearilico che può provocare reazioni cutanee locali (per esempio dermatite da contatto). Questo medicinale contiene glicole propilenico che può causare irritazione cutanea. Il prodotto non è per uso oftalmico. Il prodotto deve essere tenuto fuori dalla vista e dalla portata dei bambini.
5. Interazioni
Non note.
6. Effetti indesiderati
Gli effetti indesiderati sistemici sono estremamente improbabili a causa dei bassi dosaggi impiegati. La loro comparsa, tuttavia, può essere favorita dalla terapia occlusiva o quando vengano trattate zone cutanee estese con dosi elevate e per periodi di tempo prolungati. Si tratta, in questi casi, dei disturbi classici della corticoterapia, in forma lieve e reversibile. Localmente possono manifestarsi, talora, senso di bruciore, irritazione, secchezza della cute, follicoliti, eruzioni acneiche, ipertricosi, ipopigmentazione, atrofia cutanea. La comparsa eventuale delle reazioni sopraccennate richiede l’interruzione del trattamento e, ove del caso, l’istituzione di terapia idonea. Patologie dell’occhio. visione, offuscata (vedere anche il paragrafo 4.4) Segnalazione delle reazioni avverse sospette La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/content/come-segnalare-una-sospetta-reazione-avversa.
7. Gravidanza e allattamento
Nelle donne in stato di gravidanza il prodotto va somministrato nei casi di effettiva necessità sotto il diretto controllo del medico.
8. Conservazione
Questo medicinale non richiede alcuna temperatura particolare di conservazione.
9. Principio attivo
100 g di crema contengono: Principio attivo: Beclometasone-17,21-dipropionato g 0,025. Eccipienti con effetti noti: clorocresolo, alcool cetostearilico e glicole propilenico. Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.
10. Eccipienti
Glicerolo, glicole propilenico, alcool cetostearilico, esteri poliglicolici di acidi grassi, clorocresolo, sodio fosfato monobasico monoidrato, acqua depurata.
11. Sovradosaggio
Non sono stati descritti casi di sovradosaggio.
Le informazioni pubblicate in questa pagina riportano informazioni farmaceutiche (Foglietto Illustrativo e Caratteristiche principali del Farmaco), sono da intendersi a solo scopo illustrativo; non intendono e non devono sostituirsi alle opinioni del medico. Per informazioni complete e sempre aggiornate su questo farmaco si consiglia di consultare il portale dell'AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco).