Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Farmaci
  3. Ferrotre Os 10fl 10ml Neopharmed Gentili Spa

Ferrotre 2 g/10 ml soluzione orale 10 contenitori monodose da 10 ml

Ultimo aggiornamento: 22 novembre, 2019
Tipologia:
Principio attivo:
Casa produttrice:
Anno:
Prezzo:
1. Indicazioni terapeutiche
Anemie ipocromiche da carenza di ferro.
2. Posologia
Posologia Salvo diversa prescrizione medica:1 contenitore monodose due volte al giorno. Popolazione pediatrica: 1 contenitore monodose al giorno, suddiviso in due somministrazioni. Modo di somministrazione Uso orale. Si consiglia, la sua assunzione lontano dai pasti.
3. Controindicazioni
Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1 o verso altre sostanze strettamente correlate dal punto di vista chimico. Anemia perniciosa, da cirrosi epatiche, da pancreatiti croniche; anemie aplastiche, emolitiche e sideroacrestiche.
4. Avvertenze
Si consiglia, per una migliore biodisponibilità del prodotto, la sua assunzione lontano dai pasti. La causa e la natura della siderocarenza o dell’anemia deve essere individuata. Eccipienti con effetti noti: Ferro-Tre contiene sorbitolo, pertanto pazienti con rari problemi ereditari di intolleranza al fruttosio non devono assumere questo medicinale. Ferro-Tre contiene parabeni (metile para-idrossibenzoato, propile para-idrossibenzoato) che possono causare reazioni allergiche (anche ritardate).
5. Interazioni
Il ferro può ridurre l’assorbimento o la biodisponibilità di: tetracicline, bisfosfonati, chinolonici, penicillamina, tiroxina, levodopa, carbidopa, alfa-metildopa. Ferro-Tre va quindi assunto a distanza di almeno 2 ore dall’assunzione di questi medicamenti. Il cloramfenicolo può ritardare la risposta alla terapia marziale. Data la possibilità di interazione del prodotto con alcune sostanze quali vitamine (Vit. C, Vit. E), antiacidi, ed estratti pancreatici, la terapia concomitante con questi medicinali deve essere evitata. Sostanze che si legano al ferro (quali fosfati, fitati e ossalati) contenuti nelle verdure e nel latte, caffè o tè inibiscono l’assorbimento del ferro. Ferro-Tre va quindi assunto a distanza di almeno 2 ore dall’assunzione di questi alimenti.
6. Effetti indesiderati
Patologie gastrointestinali: nausea, dolori epigastrici, diarrea, stitichezza. Segnalazione delle reazioni avverse sospette La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo http://www.agenziafarmaco.it/it/responsabili.
7. Gravidanza e allattamento
Gravidanza Gli studi sugli animali non mostrano una tossicità riproduttiva (vedere paragrafo 5.3). L’uso di Ferro-Tre durante la gravidanza può essere considerato, se necessario. Allattamento Non è noto se Ferro-Tre sia escreto nel latte materno. Il rischio per i neonati/lattanti non può essere escluso.
8. Conservazione
Non conservare a temperatura superiore ai 30°C.
9. Principio attivo
Ogni contenitore monodose da 10 ml contiene: ferro acetil-transferrina in soluzione idroglicerica (corrispondente a 40 mg di Fe3+) g 2,0. Eccipienti con effetti noti: sorbitolo, metile para-idrossibenzoato, propile para-idrossibenzoato. Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.
10. Eccipienti
Sorbitolo, metile p-idrossibenzoato, propile p-idrossibenzoato, aroma albicocca, acqua depurata.
11. Sovradosaggio
Non sono stati riportati casi di sovradosaggio. Sintomi In caso di sovradosaggio di sali di ferro, il paziente può presentare epigastralgia, nausea, vomito, diarrea ed ematemesi, spesso associati a sonnolenza, pallore, cianosi, shock, fino al coma. Trattamento Il trattamento deve essere il più sollecito possibile e consiste nella somministrazione di un emetico, seguito eventualmente da lavanda gastrica, e nel praticare idonea terapia di supporto. Va inoltre valutata l’opportunità di somministrare un chelante del ferro, quale la desferoxamina.
Le informazioni pubblicate in questa pagina riportano informazioni farmaceutiche (Foglietto Illustrativo e Caratteristiche principali del Farmaco), sono da intendersi a solo scopo illustrativo; non intendono e non devono sostituirsi alle opinioni del medico. Per informazioni complete e sempre aggiornate su questo farmaco si consiglia di consultare il portale dell'AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco).