Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Farmaci
  3. Rinovagos Spr Nas 200d4mg 14ml Valeas Ind Chim Farmac Spa

Rinovagos 0,02 mg/dose spray nasale, soluzione 200 dosi

Ultimo aggiornamento: 10 febbraio, 2021
Tipologia:
Principio attivo:
Casa produttrice:
Anno:
Prezzo:
1. Indicazioni terapeutiche
Rinite vasomotoria colinergica.
2. Posologia
Adulti Ogni spruzzo di Rinovagos eroga 0,02 mg di Ipratropio bromuro. Si consiglia la somministrazione di due spruzzi per narice (pari a 0,08 mg di Ipratropio bromuro) per 3-4 volte al giorno. Istruzioni per l’uso Non è necessario agitare il flacone prima dell’uso.Si consiglia di procedere nel modo seguente: 1. Pulire il naso con cura 2. Togliere la clip di sicurezza 3. Togliere il cappuccio protettivo 4. Tenere il flacone con l’adattatore nasale rivolto verso l’alto 5. Inserire l’adattatore in una narice e reclinare leggermente il capo all’indietro 6. Premere per ottenere lo spruzzo 7. Ripetere l’operazione nell’altra narice 8. Rimettere il cappuccio protettivo 9. Riapplicare la clip di sicurezza Prima di somministrare Rinovagos per la prima volta occorre erogare 4 spruzzi all’aria per innescare la pompetta dosatrice fino a quando lo spray nebulizzato diventi visibile. Se Rinovagos non viene utilizzato per più di una settimana occorre ripetere l’operazione di innesco erogando all’aria uno o più spruzzi fino a quando lo spray nebulizzato diventi visibile. Per una ottimale distribuzione del prodotto, erogare uno spruzzo verso la parte alta della narice e l’altro verso il basso. Non esistono studi che autorizzino l’impiego di Ipratropio bromuro nei bambini.
3. Controindicazioni
Ipersensibilità al principio attivo o a uno qualsiasi degli eccipienti. Il farmaco non va assunto da soggetti con ipersensibilità nota all’atropina, a sostanze atropino-simili. I farmaci anticolinergici, fra cui il Rinovagos, possono causare danni nei pazienti affetti da glaucoma ad angolo chiuso, da ipertrofia prostatica e da sindrome di ritenzione urinaria o di occlusione intestinale. Questi pazienti non dovranno pertanto utilizzare il Rinovagos.
4. Avvertenze
I pazienti devono essere istruiti sul corretto uso dello spray nasale per ottenere i migliori risultati terapeutici e per evitare che venga accidentalmente rivolto negli occhi, nel qual caso si riscontra dilatazione pupillare che di norma è completamente reversibile. Qualora la dilatazione pupillare dovesse essere associata a dolore oculare, si raccomanda al paziente di avvisare subito il Medico. Comunque in questi casi e qualora il prodotto venisse somministrato, nonostante la specifica controindicazione, ad un paziente con glaucoma ad angolo chiuso, possono essere somministrate gocce oculari miotiche. L’abuso e la necessità di incrementare il dosaggio possono indurre variazioni della risposta terapeutica; le condizioni del paziente in questi casi vanno comunque rivalutate. "Benzalconio cloruro (BAC) contenuto come conservante in Rinovagos, specie quando usato per lunghi periodi, può provocare un rigonfiamento della mucosa nasale. Se si sospetta tale reazione (congestione nasale persistente), deve essere usato, se possibile, un medicinale per uso nasale senza BAC. Se tali medicinali per uso nasale senza BAC non fossero disponibili, dovrà essere considerata un’altra forma farmaceutica". "Può causare broncospasmo". Tenere presenti le seguenti avvertenze riportate sulla confezione: Da vendersi dietro presentazione di ricetta medica. Attenzione: per l’uso leggere attentamente il foglio illustrativo. Tenere il medicinale fuori della portata dei bambini. Non disperdere nell’ambiente il flacone dopo l’uso.
5. Interazioni
Possono essere potenziati gli effetti di altri medicinali contenenti anticolinergici. Non sono note interazioni con alcool, tabacco e cibi.
6. Effetti indesiderati
Sono stati segnalati casi di secchezza nasale (croste), lievi striature di sangue nel secreto nasale, prurito e/o bruciore nasale. In particolare nei casi di iperdosaggio sperimentale riportati in letteratura sono stati segnalati episodi transitori di secchezza delle fauci (bocca asciutta), cefalea (mal di testa), disturbi dell’accomodazione (fastidi visivi nella messa a fuoco), disturbi urinari. Nel foglio illustrativo si raccomanda comunque al paziente di comunicare al proprio Medico curante o al proprio Farmacista qualsiasi effetto indesiderato non descritto nell’apposita sezione. Si raccomanda inoltre di controllare la data di scadenza riportata sulla confezione e di non utilizzare il prodotto dopo tale data.
7. Gravidanza e allattamento
Come per la maggior parte dei medicinali, si sconsiglia l’uso di Rinovagos in gravidanza, se non quando ritenuto assolutamente necessario da parte del Medico e comunque è bene usare particolare precauzione nel primo trimestre. Rinovagos può essere utilizzato nel periodo dell’allattamento.
8. Conservazione
Questo medicinale non richiede alcuna particolare precauzione per la conservazione.
9. Principio attivo
Un flacone di RINOVAGOS Spray nasale, soluzionecontiene: Principio attivo: Ipratropio bromuro mg 4 (pari a mg 4,17 di Ipratropio bromuro idrato) Per gli eccipienti vedere 6.1
10. Eccipienti
Gli eccipienti di Rinovagos sono: Benzalconio cloruro, Idrossipropilmetilcellulosa, Polietilenglicole 300, Acqua depurata.
11. Sovradosaggio
In considerazione dell’elevato indice terapeutico e dell’applicazione locale di Rinovagos, i rischi di sovradosaggio, seppure accidentale, sono praticamente nulli. Non sono noti infatti casi di sovradosaggio e comunque i dati sperimentali conosciuti non hanno evidenziato effetti sistemici clinicamente significativi. Una dose unica di 3 mg di Ipratropio bromuro, assunta per via orale, ha causato effetti collaterali anticolinergici non gravi, che non hanno richiesto trattamenti specifici.
Le informazioni pubblicate in questa pagina riportano informazioni farmaceutiche (Foglietto Illustrativo e Caratteristiche principali del Farmaco), sono da intendersi a solo scopo illustrativo; non intendono e non devono sostituirsi alle opinioni del medico. Per informazioni complete e sempre aggiornate su questo farmaco si consiglia di consultare il portale dell'AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco).