Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Farmaci
  3. Riopan 40cpr Mast 800mg Takeda Italia Spa

Riopan 800 mg compresse masticabili 40 compresse

Ultimo aggiornamento: 10 febbraio, 2021
Tipologia:
Principio attivo:
Casa produttrice:
Anno:
Prezzo:

Riopan (Magaldrato) è un antiacido impiegato nel trattamento dell’ulcera duodenale e gastrica, nonché dell’esofagite da reflusso. Riopan è disponibile in diverse modalità: Riopan in compresse masticabili e Riopan gel orale (reperibile, a sua volta, come Riopan in bustine o in flacone).


A cosa serve

Attraverso la neutralizzazione dell’acido gastrico, Riopan è indicato per la terapia dell’ulcera duodenale, dell’esofagite da reflusso, delle gastriti e delle gastro-duodeniti aventi anche origine diversa.


Come assumerlo

Riopan si assume un’ora dopo i pasti principali e subito prima di coricarsi. Le compresse vanno masticate o succhiate.


Gravidanza

L’uso di Riopan in gravidanza è sconsigliato: nonostante non vi siano, infatti, sufficienti dati sull’uso del medicinale durante la gestazione, si è potuto verificare che sugli animali la somministrazione di sali di alluminio è stata dannosa per la prole.


Come gastroprotettore

Riopan non è un gastroprotettore, ma piuttosto un antiacido: se si desidera utilizzarlo a questo scopo, occorre prima consultarsi con il proprio medico.


Effetti collaterali

Tra gli effetti collaterali più comuni del Riopan vi sono: feci molli e, più raramente, disturbi di stomaco, diarrea, reazioni di ipersensibilità, nausea e vomito.


Per ogni altra informazione si fa riferimento al bugiardino di Riopan.


1. Indicazioni terapeutiche
Trattamento dell'ulcera duodenale e gastrica e della esofagite da reflusso; trattamento sintomatico delle gastriti e gastro-duodeniti di varia eziologia caratterizzate da iperacidità nell’adulto e negli adolescenti di età superiore ai 12 anni.
2. Posologia
RIOPAN 800 mg compresse masticabili Posologia Adulti e adolescenti di età superiore ai 12 anni La dose raccomandata è una compressa di RIOPAN 800 mg quattro volte al giorno, un'ora dopo i pasti principali ed immediatamente prima di coricarsi. Modo di somministrazione Le compresse devono essere masticate o sciolte in bocca. RIOPAN 80 mg/ml gel orale Posologia La dose raccomandata è 10 ml (corrispondenti a due cucchiaini da the) o il contenuto di una bustina di RIOPAN gel, quattro volte al giorno, un'ora dopo i pasti principali ed immediatamente prima di coricarsi. Modo di somministrazione agitare energeticamente il flacone o omogeneizzare il contenuto della bustina, manipolandola prima della sua apertura. In caso di necessità si deve considerare un eventuale aumento dei dosaggi sopra indicati. Appena possibile, ridurre il dosaggio al minimo efficace per controllare la sintomatologia. Non superare la dose massima giornaliera di 6400 mg. Il trattamento deve essere continuato per almeno 4 settimane anche dopo la scomparsa dei sintomi. Se i sintomi persistono per più di 2 settimane durante il trattamento deve essere fatto un esame clinico per escludere un’eventuale patologia maligna. Popolazione pediatrica RIOPAN è controindicato nei bambini e negli adolescenti di età inferiore ai 12 anni (vedere paragrafo 4.3).
3. Controindicazioni
• Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1 • Porfiria • Ipofosfatemia • Gravi insufficienze renali (vedere par. 4.4) • Bambini e adolescenti di età inferiore ai 12 anni.• Stato di cachessia
4. Avvertenze
In pazienti con insufficienza renale e durante l’uso prolungato di dosi elevate, possono verificarsi depositi di alluminio, in particolare nel tessuto nervoso e osseo, e deplezione di fosfato. In pazienti con ridotta funzionalità renale (clearance della creatinina <30 ml/min) magaldrato deve essere utilizzato esclusivamente sotto regolare monitoraggio dei livelli sierici di magnesio ed alluminio. I livelli sierici di alluminio non devono superare 40 ng/ml. Possono insorgere manifestazioni di tossicità da alluminio e magnesio, che possono includere: ipermagnesemia, ipofosfatemia che può portare a rachitismo renale e osteomalacia e sintomi di eccessivo assorbimento di alluminio, ad es. costipazione e encefalopatie indotte da alluminio. Si deve avere particolare attenzione nei pazienti sottoposti a dialisi per una possibile correlazione tra gli elevati livelli di alluminio sierico e lo sviluppo di encefalopatie. Livelli moderatamente elevati di alluminio sierico sono stati occasionalmente rilevati in soggetti con funzionalità renale nella norma (vedere paragrafo 5.2 Proprietà farmacocinetiche). L’uso prolungato di antiacidi contenenti alluminio può ridurre l’assorbimento di fosfati. Un elevato pH del succo gastrico aumenta il rischio di colonizzazione da parte di organismi patogeni, che può portare all’insorgenza di polmoniti in pazienti con ventilazione artificiale. Informazioni importanti su alcuni eccipienti RIOPAN 800 mg compresse masticabili contiene sorbitolo. Questo medicinale contiene 774 mg di sorbitolo per dose. Considerato lo schema posologico raccomandato possono essere assunti fino a 3,1 grammi di sorbitolo al giorno. Ai pazienti con intolleranza ereditaria al fruttosio non deve essere somministrato questo medicinale. RIOPAN 800 mg compresse masticabili può contenere tracce di sodio che derivano dal processo di produzione del principio attivo. RIOPAN 80 mg/ml gel orale contiene meno di 1 mmol (23mg) di sodio per dose, cioè essenzialmente ‘senza sodio’.
5. Interazioni
Poiché gli antiacidi possono influenzare l'assorbimento di altri farmaci assunti contemporaneamente, devono trascorrere 1-2 ore tra l’assunzione di magaldrato e quella di altri medicamenti. In particolare, durante l’uso di antiacidi, si è osservata una sostanziale riduzione nell’assorbimento delle tetracicline e dei derivati chinolonici, come ad esempio ciprofloxacina, ofloxacina e norfloxacina. Si possono osservare modeste riduzioni dell’assorbimento di digossina, isoniazide, preparati a base di ferro, indometacina e clorpromazina quando vengono somministrati contemporaneamente a magaldrato. Può essere rilevato un potenziamento dell’effetto anticoagulante dei derivati cumarinici. L’assunzione di antiacidi contenenti alluminio con bevande acide (per es. succo di frutta e vino) o con compresse effervescenti contenenti acido citrico o tartarico aumenta l’assorbimento intestinale di alluminio. RIOPAN può influenzare l’assorbimento di benzodiazepine e acido cheno ed ursodesossicolico.
6. Effetti indesiderati
Le reazioni avverse sono elencate secondo la classificazione per sistemi e organi e per frequenza. Le frequenze sono definite come molto comune (≥1/10); comune (da ≥1/100 a <1/10); non comune (da ≥1/1.000 a <1/100); raro (da ≥1/10.000 a <1/1.000); molto raro (<1/10.000); non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili).
Frequenza/Classificazione per sistemi e organi Molto Comune Comune Non Comune Raro Molto Raro Non Noto
Patologie del sistema nervoso           Neurotossicità, encefalopatia
Patologie gastrointestinali Feci molli       Diarrea, costipazione Nausea, vomito, indigestione e dolori addominali
Esami diagnostici         ipermagnesemia ipofosfatemia
Disturbi del sistema immunitario           Reazioni di ipersensibilità
Segnalazione delle reazioni avverse sospette La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo https://www.aifa.gov.it/content/segnalazioni-reazioni-avverse.
7. Gravidanza e allattamento
Gravidanza Non sono disponibili dati clinici per il rischio in gravidanza. L’utilizzo in gravidanza non è raccomandato. La somministrazione di RIOPAN durante la gravidanza deve essere presa in considerazione solo se il beneficio atteso per la madre supera il rischio per il nascituro. Inoltre, deve essere usata una dose più bassa per evitare la possibile insorgenza di effetti tossici nel feto da alluminio. Negli studi sugli animali, la somministrazione di sali di alluminio ha avuto un effetto dannoso sulla prole. Non è noto il potenziale rischio per la specie umana. Allattamento I composti di alluminio passano nel latte materno. Considerato il basso assorbimento, si ritiene non ci siano rischi per il bambino. Fertilità Non sono disponibili dati.
8. Conservazione
RIOPAN 800 mg compresse masticabili: conservare a temperatura inferiore a 30°C. RIOPAN 80 mg/ml gel orale: non refrigerare o congelare.
9. Principio attivo
RIOPAN 800 mg compresse masticabili Una compressa contiene: magaldrato anidro 800,0 mg Eccipiente con effetti noti: sorbitolo Per l’elenco completo degli eccipienti vedere paragrafo 6.1 RIOPAN 80 mg/ml gel orale 1 ml di gel contiene: magaldrato anidro 80,0 mg Eccipiente con effetti noti: sodio Per l’elenco completo degli eccipienti vedere paragrafo 6.1
10. Eccipienti
RIOPAN 800 mg compresse masticabili Macrogol 4000, aroma caramello, calcio arachinato, aroma panna, maltolo, sorbitolo RIOPAN 80 mg/ml gel orale Gomma arabica, ipromellosa, maltolo, essenza di caramello, essenza di panna, simeticone emulsione, sodio ciclamato, clorexidina digluconato 20%, argento solfato, acqua purificata.
11. Sovradosaggio
Non sono noti fenomeni di intossicazione acuta. L’esperienza sul deliberato sovradosaggio è molto limitata. I casi di sovradosaggio con sali di alluminio si possono verificare più facilmente nei pazienti con insufficienza renale grave cronica con i seguenti sintomi: encefalopatia, convulsioni e demenza. Come in tutti i casi di sovradosaggio, il trattamento deve essere sintomatico, adottando misure di supporto generiche.
Le informazioni pubblicate in questa pagina riportano informazioni farmaceutiche (Foglietto Illustrativo e Caratteristiche principali del Farmaco), sono da intendersi a solo scopo illustrativo; non intendono e non devono sostituirsi alle opinioni del medico. Per informazioni complete e sempre aggiornate su questo farmaco si consiglia di consultare il portale dell'AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco).