Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Farmaci
  3. Valontan Bb 4cpr Riv 25mg Recordati Spa

Valontan bambini 25 mg compresse rivestite 4 compresse

Ultimo aggiornamento: 10 febbraio, 2021
1. Indicazioni terapeutiche
Prevenzione e trattamento della nausea, del vomito e della vertigine, proprie delle naupatie (mal di mare, d'auto, di treno, d'aereo).
2. Posologia
Nei bambini di età fra 2-6 anni : 1 compressa o 1 supposta di VALONTAN bambini fino ad un massimo di 3 volte al di, secondo le necessità. Nei bambini in età fra 7-12 anni: 1-2 compresse o supposte di VALONTAN bambini 2-3 volte al dì. Si consiglia l'assunzione circa 30 minuti prima di ottenere l'effetto desiderato. Non somministrare a bambini di età inferiore ai 2 anni (vedi 4.3) Nono superare le dosi consigliate. Non usare per trattamenti prolungati.
3. Controindicazioni
Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Controindicato nei bambini di età inferiore ai 2 anni. Generalmente controindicato durante la gravidanza e l'allattamento.
4. Avvertenze
L'uso degli antiistaminici contemporaneamente a certi antibiotici o altri farmaci ototossici può mascherare i primi segni di ototossicità, la quale può rivelarsi solo quando il danno è irreversibile. Usare con cautela in soggetti affetti da glaucoma, ipertrofia prostatica, altre sindromi di ritenzione urinaria, ostruzione intestinale, ipertensione arteriosa, malattie cardiovascolari, asma bronchiale, bronchite cronica o enfisema, ipertiroidismo. Il medicinale può esacerbare disordini convulsivi. Va pertanto impiegato con molta cautela nei soggetti affetti da epilessia. Le compresse contengono saccarosio, non sono quindi adatte per i soggetti con intolleranza ereditaria al fruttosio, malassorbimento di glucosio-galattosio o deficit di saccarasi-isomaltasi.
5. Interazioni
Durante il trattamento, allo scopo di impedire fenomeni additivi di sedazione, si dovrà evitare che al bambino siano somministrati farmaci che agiscono sul Sistema Nervoso Centrale.
6. Effetti indesiderati
Il più frequente effetto secondario degli antiistaminici è la sedazione che può manifestarsi come sonnolenza. Con l'impiego degli antiistaminici possono verificarsi secchezza delle fauci, fotosensibilità, disturbi dell'accomodazione, disturbi della minzione, cefalea, anoressia, nausea, reazioni cutanee su base allergica. Meno frequentemente vertigini, astenia, insonnia (specialmente nei bambini), euforia, tremori, ipotensione, tachicardia e, ad alte dosi, specie nei bambini, convulsioni.
7. Gravidanza e allattamento
Se ne sconsiglia l'uso durante la gravidanza. Nelle pazienti che allattano occorre decidere se rinunciare a nutrire al seno il bambino e iniziare il trattamento o, viceversa, proseguire l'allattamento evitando la somministrazione del prodotto.
8. Conservazione
Nessuna.
9. Principio attivo
Compresse rivestite : Ogni compressa rivestita contiene: Principio attivo Dimenidrinato 25 mg Supposte : Ogni supposta contiene: Principio attivo Dimenidrinato 25 mg Per gli eccipienti : vedi 6.1
10. Eccipienti
Compresse rivestite : Ogni compressa rivestita contiene: Eccipienti: Saccarosio 15,0 mg, polivinilpirrolidone 2,0 mg, silice precipitata 1,5 mg, magnesio stearato 1,5 mg, amido di mais 45,0 mg, idrossipropilmetilcellulosa 1,875 mg, polietilenglicole 400   0,1875 mg, titanio biossido 0,9375 mg. Supposte : Ogni supposta contiene: Eccipienti: Silice precipitata 10 mg, gliceridi semisintetici 1500 mg.
11. Sovradosaggio
La sonnolenza è il sintomo più usuale di iperdosaggio. Dosi tossiche possono produrre: convulsioni, coma e depressione respiratoria. Nel caso attuare una terapia sintomatica; quando necessario, assistenza respiratoria.
Le informazioni pubblicate in questa pagina riportano informazioni farmaceutiche (Foglietto Illustrativo e Caratteristiche principali del Farmaco), sono da intendersi a solo scopo illustrativo; non intendono e non devono sostituirsi alle opinioni del medico. Per informazioni complete e sempre aggiornate su questo farmaco si consiglia di consultare il portale dell'AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco).