Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Donazioni in calo e prospettive future: ne parliamo in occasione del Giorno del Dono 2020

Donazioni in calo e prospettive future: ne parliamo in occasione del Giorno del Dono 2020

Ultimo aggiornamento – 02 ottobre, 2020

Giorno del Dono

In collaborazione con Istituto Italiano della Donazione (IID).


Manca davvero poco alla celebrazione del Giorno del Dono, il prossimo 4 ottobre, come previsto per Legge. Quest'anno, l'Istituto Italiano della Donazione (IID) e AISLA - Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica - vedranno unite le loro forze per chiudere questa nuova edizione di raccolta fondi #Donafuturo, invitando chiunque lo voglia a donare.

Ma qual è il trend delle donazioni nel nostro Paese?

E' bene fermarsi a riflettere, dati in mano. Si tratta di un trend in leggero rallentamento per gli italiani nel 2019. Ad affermarlo, lo studio "Noi doniamo - Edizione 2020", condotto dall'Istituto Italiano della Donazione (IID) e diffuso oggi in occasione del prossimo 4 ottobre.

Si è analizzata la generosità concreta dei cittadini nel 2019, aprendo anche una finestra sulla lettura del 2020 e sull'impatto della pandemia su tali pratiche. 

"In occasione del Giorno del Dono - spiega il presidente dell'IID, Stefano Tabò - forniamo un'analisi che permette di avere una panoramica dell'andamento delle pratiche di dono e di sostegno al non profit relativi all'anno precedente, uno "stato dell'arte" utile a tutti coloro che operano nel mondo del terzo settore e non solo. Il focus del Rapporto sono gli italiani: la loro disponibilità economica ad aiutare gli altri, il loro impegno diretto nel volontariato, la loro volontà di donare sangue, organi e tessuti per aiutare chi sta male. Mettendo insieme autorevoli dati riusciamo a dare una panoramica rappresentativa della situazione e a leggere meglio la società in cui opera il terzo settore". 

Nel 2019 le donazioni sono risultate in calo

"Il 2019 - aggiunge il Segretario Generale IID, Cinzia Di Stasio - ha visto un trend in calo o stabile su tutti i fronti del dono indagati, un trend inaspettato visti i segnali positivi degli anni precedenti. In questo si è inserita una situazione di emergenza sanitaria e sociale che ha generato una mobilitazione forte anche in termini di donazioni, ma riferibili alla sola emergenza e che pongono molte incognite sui prossimi mesi. Per questo occorre sostenere e facilitare il lavoro del terzo settore, perché senza il dono degli italiani tutto il mondo della solidarietà si ferma e il nostro Paese non può permettersi di fare a meno del terzo settore stesso".

Gli italiani sono in difficoltà? 

Più basso, nel 2019, di 585.000 unità, passando dal 14,5 al 13,4%, la quota di italiani che donano ad associazioni, secondo i dati dell'indagine Istat. 

Stesso trend è presentato nel contributo di BVA Doxa che nella sua indagine campionaria quantifica nel 45% il numero degli italiani che hanno complessivamente donato ad associazioni o in modo informale, a fronte del 49% del 2018. 

Più alto, però, l'ammontare della donazione media: secondo WaldenLab è salita dai 70 euro del 2018 ai 77 degli ultimi 12 mesi. Le cause per cui si dona sono soprattutto la ricerca medico-scientifica, al primo e indiscusso posto in tutte le classifiche, e, in forma più limitata ma consistente, il contrasto alle povertà e il sostegno a malati e disabili. 

Cosa aspettarci dopo la pandemia?

Non mancano le incognite dei prossimi mesi, quando parliamo di donazione: certo è che generosità e attenzione non sono mancate in questi mesi di emergenza sanitaria - secondo WaldenLab è salito al 28% il numero degli italiani che hanno donato nei primi 6 mesi del 2020 a fronte del 21% dei mesi precedenti. In realtà, però, sono molte le associazioni che accusano un calo delle loro entrate. 

Infatti secondo il monitoraggio avviato da IID a marzo e ad agosto, sono il 62% le ONP che dichiarano di aver diminuito le loro entrate: di queste per il 20% il calo è stato più del 50 % per arrivare ad un 7,5% che denuncia di aver perso il 100% delle entrate. 

Risulta, quindi, chiara la propensione a donare a favore della protezione civile e delle strutture sanitarie.

Mostra commenti
Carotidi ostruite: i campanelli d’allarme
Carotidi ostruite: i campanelli d’allarme
Al via Digital Health Summit 2020: dal 6 al 9 ottobre, una quinta edizione 100% online
Al via Digital Health Summit 2020: dal 6 al 9 ottobre, una quinta edizione 100% online
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Rinite allergica: l’immunoterapia potrebbe davvero risolvere il problema?
Rinite allergica: l’immunoterapia potrebbe davvero risolvere il problema?
Alito cattivo? Tutta colpa del fegato!
Alito cattivo? Tutta colpa del fegato!
L’AIDS del ventunesimo secolo, la malattia di Chagas
L’AIDS del ventunesimo secolo, la malattia di Chagas
Linnea Passaler intervistata da Il Messaggero
Linnea Passaler intervistata da Il Messaggero