Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Terapie
  4. Rocefin

ROCEFIN (ceftriaxone disodico)

ROCEFIN (ceftriaxone disodico)
Curatore scientifico
Dr. Tania Catalano
Specialità del contenuto
Farmacia Medicina generale

Cosa è il Rocefin?

Il Rocefin è il nome commerciale di un farmaco antibatterico beta-lettamico appartenente alla categoria delle cefalosporine di terza generazione. Il principio attivo del Rocefin è il ceftriaxone disodico. Il Rocefin va assunto per via parenterale, ha un ampio spettro d'azione nei confronti di batteri Gram positivi e Gram negativi.

Come gli altri antibiotici beta-lattamici, la sua attività battericida, si esplica attraverso l'inibizione della transpeptidasi, enzima implicato nella strutturazione della parete batterica, causando uno shock osmotico e quindi la lisi del microrganismo.

In che tipo di contenitore è il Rocefin?

Il Rocefin è disponibile in forma di preparato iniettabile.

Quali patologie possono essere trattate con il Rocefin?

Il Rocefin è utilizzato nei casi di infezioni batteriche gravi, di accertata o presunta origine da Gram-negativi, resistenti ai comuni antibiotici.

Quali sono i possibili effetti collaterali del Rocefin?

Il Rocefin può causare effetti di ipersensibilità in alcuni pazienti e deve essere evitato da:

  • donne in stato di gravidanza
  • bambini nella primissima infanzia
  • neonati

Il Rocefin, inoltre, non deve essere miscelato o somministrato in contemporanea con soluzioni o prodotti contenenti calcio, anche se infusi separatamente.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Prednisone
Il prednisone è un corticosteroide sintetico (artificiale) usato per sopprimere il sistema immunitario e per controllare l'infiammazione.
Miorilassanti
I miorilassanti sono farmaci utili per far rilassare la muscolatura dell'organismo. Una panoramica sull'utilizzo, controindicazioni e mio...
Punti di sutura
I punti di sutura sono una procedura chirurgica fondamentale per avvicinare i lembi di una ferita e favorirne la cicatrizzazione.