Sei un professionista sanitario? Iscriviti

CLARITROMICINA EG 12CPR 250MG

1. Come si chiama la sostanza curativa?

CLARITROMICINA

2. A che gruppo di farmaci appartiene?

3. Il ministero della sanità come lo classifica?

MACROLIDI, LINCOSAMIDI E STREPTOGRAMINE

4. Posso farmelo prescrivere dal medico per ridurre o eliminare il costo?

CONCEDIB.ESENTE

5. Serve la ricetta del medico per comprarlo?

RR - RIPETIBILE

6. In che tipo di contenitore è il farmaco?

COMPRESSE RIVESTITE

7. Nella classificazione ATC a che gruppo appartiene?

J01FA09

8. Contiene Glutine?

9. Qual è la casa farmaceutica che lo produce?

EG SpA

10. Altre informazioni sulla rimborsabilità (classe)

A

11. Qual è la classe farmacologica del prodotto?

FARMACO GENERICO

12. Qual è la validità del farmaco?

36 MESI

13. Maggiori informazioni sul principio attivo

14. Quali sono gli eccipienti del farmaco?

15. Quali sono le indicazioni terapeutiche del farmaco?

Trattamento delle seguenti infezioni batteriche croniche ed acute, quando sono state causate da batteri suscettibili in pazienti con nota ipersensibilita' alle penicilline o quando l'impiego della penicillina e' inappropriato per altre ragioni: infezioni delle vie respiratorie superiori come faringite e sinusite; infezioni delle vie respiratorie inferiori, come attacchi acuti di bronchite cronica e polmonite acquisita in comunita'; infezioni della pelle ed infezioni dei tessuti molli,di grado da lieve a moderato; in adatta associazione con regimi terapeutici di antibatterici e un appropriato agente cicatrizzante per l'eradicazione di H. pylori in pazienti con ulcere associate a H. pylori.

16. Quali sono le controindicazioni del farmaco?

Non deve essere somministrata a pazienti con ipersensibilita' alla claritromicina, ad altri macrolidi o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Non si devono somministrare contemporaneamente claritromicina e derivati ergolinici. Trattamento concomitante con uno qualsiasi dei seguentiprincipi attivi e' controindicato: cisapride, pimozide o terfenadina.Elevati livelli di cisapride, pimozide o terfenadina sono stati riscontrati in pazienti che assumevano uno qualunque di questi principi attivi concomitantemente con la claritromicina. Cio' puo' risultare in unprolungamento dell'intervallo Q-T ed in aritmie cardiache incluso tachicardia ventricolare, fibrillazione ventricolare e Torsade de Pointes.Simili effetti sono stati osservati in somministrazione concomitantedi astemizolo ed altri macrolidi. Il farmaco non si deve somministrarea pazienti ipocaliemici (prolungamento dell'intervallo Q-T). Non deveessere usato concomitantemente con simvastatina o atorvastatina. Il trattamento con uno qualunque di questi agenti deve essere sospeso durante la terapia.

17. Qual è la posologia?

Adulti e adolescenti: la dose abituale e' di 250 mg due volte al giorno. Trattamento ad alto dosaggio: nei casi di infezioni gravi, il dosaggio puo' essere aumentato fino a 500 mg due volte al giorno. Bambini:non e' consigliato nei bambini al di sotto dei 12 anni e con peso inferiore ai 30 kg. Eradicazione di H. pylori nei pazienti (Adulti) con ulcere duodenali: la terapia tripla di prima scelta consiste nel somministrare claritromicina in dosi da 500 mg due volte al di'. Anziani: come per gli adulti. Compromissione della funzionalita' renale: l'adattamento posologico non e' abitualmente necessario, tranne che nei pazienti gravi (clearance della creatinina

18. Come si conserva il farmaco?

19. Quali sono le avvertenze?

La claritromicina viene principalmente eliminata dal fegato. Percio' si deve prestare cautela nella somministrazione a pazienti con funzioneepatica ridotta. Come per altri antibiotici quando la funzionalita' renale e' compromessa si deve adeguatamente ridurre il dosaggio a seconda del grado di compromissione. In pazienti anziani, la possibilita' di compromissione della funzionalita' renale deve essere presa in considerazione. La terapia con claritromicina per H. Pylori puo' far insorgere organismi resistenti. Pazienti che sono ipersensibili ad altri macrolidi, clindamicina e lincomicina possono pure essere sensibili allaclaritromicina. Percio' si deve prestare attenzione durante prescrizione a tali pazienti. Con l'uso di antibiotici a largo spettro si e' riscontrata colite pseudomembranosa. Percio' e' importante considerare lasua diagnosi in pazienti che sviluppano grave diarrea durante o dopola terapia con claritromicina. Il trattamento deve essere sospeso e sideve iniziare una adeguata terapia. L'uso prolungato o ripetuto di claritromicina puo' risultare in superinfezioni con organismi non suscettibili. In caso di superinfezioni, la terapia deve essere sospesa. A causa del rischio di prolungamento dell'intervallo Q-T, claritromicinadeve essere usata con cautela in pazienti affetti da vasculopatia coronarica, con una storia di aritmia ventricolare, grave insufficienza cardiaca, ipokaliemia e/o ipomagnesemia non controllate, bradicardia (

20. Quali sono le possibili interazioni farmacologiche?

La claritromicina e' un inibitore dell'enzima metabolizzante CYP3A4 edella proteina di trasporto glicoproteina-P. E' difficile predire il grado di inibizione su diversi substrati per CYP3A4. Percio' non si deve usare durante trattamenti con altri farmaci metabolizzati da CYP3A4,a meno che non siano attentamente monitorati le concentrazioni plasmatiche, l'effetto terapeutico e le reazioni avverse. Puo' essere necessaria una riduzione della dose per quei farmaci metabolizzati dal CYP3A4 se somministrati in concomitanza. Alternativamente, il trattamento con questi farmaci puo' essere sospeso durante la terapia. E' stato riportato che la claritromicina inibisce il metabolismo di cisapride e terfenadina, con un aumento di 2 fino a 3 volte dei livelli plasmatici riscontrato per terfenadina. Cio' e' stato associato ad un prolungamento dell'intervallo Q-T, aritmie cardiache incluso tachicardia ventricolare, fibrillazione ventricolare e Torsade de Pointes. Simili effetti sono stati osservati in pazienti trattati con pimozide qualora in combinazione con claritromicina. Casi con Torsades de Pointes sono stati riferiti in pazienti in cui claritromicina e' stata co-somministrata conchinidina o disopiramide. Queste combinazioni devono percio' essere evitate, o i livelli plasmatici di chinidina o disopiramide devono essere attentamente esaminati per permettere l'aggiustamento della dose. Occorre prestare attenzione quando viene somministrata a pazienti che assumono altri farmaci che possono prolungare l'intervallo QT. La claritromicina inibisce il metabolismo di alcuni inibitori della HMG-CoA riduttasi che danno luogo ad aumentate concentrazioni plasmatiche di questi farmaci. In rari casi e' stata riscontrata la rabdomiolisi in associazione ad aumentate concentrazioni plasmatiche in pazienti trattaticon claritromicina e simvastatina. Puo' produrre una simile interazione con atorvastatina ed una minore interazione con cerivastatina. Non deve essere usata concomitantemente con simvastatina ed atorvastatina.Il trattamento con alcuni di questi agenti deve essere sospeso durantetrattamento. Quando questo e' indicato in pazienti che ricevono un trattamento con cerivastatina, i pazienti devono essere monitorati per segni e sintomi di miopatia. Vasocostrittori della segale cornuta: sonostati descritti casi di ergotismo a causa di aumentati livelli plasmatici di alcaloidi ergolinici quando questi farmaci sono stati co-somministrati con macrolidi. La combinazione e' pertanto controindicata. Quando midazolam fu somministrato contemporaneamente alle compresse di claritromicina (250 mg b.i.d.) l'AUC del midazolam fu aumentato di 2,7volte dopo somministrazione endovenosa di midazolam e di 7 volte doposomministrazione orale. La somministrazione orale concomitante di midazolam e claritromicina deve essere evitata. Se midazolam e' somministrato per via endovenosa contemporaneamente alla claritromicina, il paziente deve essere attentamente monitorato per permettere l'aggiustamento della dose. Le stesse precauzioni devono essere applicate anche ad altre benzodiazepine metabolizzate dal CYP3A4, specialmente triazolam ma anche alprazolam. Per le benzodiazepine non metabolizzate dal CYP3A4(temazepam, nitrazepam, lorazepam) un'interazione con claritromicinae' improbabile. L'uso concomitante con ciclosporina o tacrolimus ha portato ad un aumento di piu' di 2 volte dei livelli Cmin di ciclosporina e tacrolimus. Si possono attendere effetti simili anche per sirolimus. Quando si inizia il trattamento con claritromicina in pazienti chegia' ricevono un qualsiasi agente immunosoppressivo, i livelli plasmatici di ciclosporina, tacrolimus o di sirolimus devono essere attentamente monitorati e le loro dosi diminuite quando necessario. Quando il trattamento viene sospeso in questi pazienti e' nuovamente necessario un monitoraggio attento dei livelli plasmatici di ciclosporina, tacrolimus o sirolimus per determinare l'aggiustamento della dose. La concentrazione di digossina puo' essere aumentata quando somministrata contemporaneamente alla claritromicina. Occorre monitorare le concentrazioniplasmatiche di digossina quando si inizia e si finisce un trattamentocon claritromicina dato che occorre aggiustare la dose della digossina. Alla co-somministrazione con teofillina e' stata associato un aumento dei livelli sierici e una tossicita' potenziale della stessa. La co-somministrazione e zidovudina a pazienti adulti infettati con HIV puo' dare luogo a livelli diminuiti di steady-state della zidovudina. Questo puo' essere ampiamente evitato scaglionando le dosi di claritromicina e zidovudina di 1-2 ore. Nessuna reazione simile e' stata descritta nei bambini. La claritromicina e' metabolizzata dall'enzima CYP3A4.Anche se le concentrazioni plasmatiche di claritromicina ed omeprazolopossono essere aumentate quando sono somministrati contemporaneamentenessuna correzione della dose e' necessaria. Puo' anche verificarsi un aumento delle concentrazioni plasmatiche di claritromicina quando e'somministrata contemporaneamente agli antacidi o alla ranitidina. Nessuna correzione del dosaggio e' necessaria. Farmaci induttori del CYP3A4 possono determinare l'aumento del metabolismo di claritromicina. Questo puo' portare a livelli subterapeutici di claritromicina comportando una riduzione dell'efficacia. Quando la claritromicina e' indicatachiaramente, puo' essere necessario aumentarne la dose ed esaminarne attentamente l'efficacia e la sicurezza. Puo' essere inoltre necessariomonitorare le concentrazioni plasmatiche dell'induttore del CYP3A4 perche' questi ultimi possono essere aumentati per l'inibizione del CYP3A4 da parte della claritromicina. La somministrazione concomitante conrifabutina risulto' in un aumento e diminuzione, rispettivamente, deilivelli sierici, seguito da un aumentato rischio di uveite. Quando laclaritromicina fu usata contemporaneamente con l'induttore di CYP3A4efavirenz e' stata notata una riduzione del 39% nell' AUC per claritromicina ed un aumento del 34% nell'AUC per il 14-idrossi metabolita attivo. Interazione nei regimi di eradicazione di H.pylori: nessun aggiustamento del dosaggio e' necessaria.

21. Quali sono gli effetti collaterali del farmaco?

Sono stati piu' frequentemente riferiti in adulti: diarrea, nausea, disgeusia, dispepsia, dolore/malessere addominale e mal di testa. Frequenze: molto comuni(>=1/10); comuni(>=1/100 =1/1000=1/10000

22. Quali sono le indicazioni in caso di gravidanza e allattamento?

I dati sull'uso durante il primo trimestre della gravidanza non mostrano alcuna chiara evidenza di effetti teratogeni o avversi sulla salutedel neonato. I dati desunti da un numero limitato di donne incinte esposte nel primo trimestre indicano un possibile aumentato rischio di aborti. Fino ad oggi non vi sono altri dati epidemiologici particolaridisponibili. I dati da studi su animali hanno dimostrato una tossicita' riproduttiva. Il rischio per la specie umana e' sconosciuto. La claritromicina deve essere data a donne incinte solamente dopo un accuratoaccertamento del rapporto rischio/beneficio. La claritromicina ed i suoi metaboliti attivi sono secreti nel latte materno. Percio', diarreaed infezioni micotiche delle membrane mucose possono verificarsi neibambini allattati al seno, tanto da dover sospendere l'allattamento. La possibilita' di sensibilizzazione deve essere tenuta presente. Il beneficio del trattamento della madre deve essere valutato in relazioneal rischio potenziale per il bambino.

I foglietti illustrativi e le informazioni relative ai farmaci presenti in questa pagina potrebbero non essere aggiornate. In caso di dubbi è possibile consultare La Banca dati Farmaci dell' AIFA.