Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Danni a reni e arterie svelati dalla pressione della caviglia e del braccio

Danni a reni e arterie svelati dalla pressione della caviglia e del braccio

Ultimo aggiornamento – 08 Giugno, 2015

Avete mai sentito parlare di indice del rapporto della pressione caviglia/braccio? È detto ABI-Index e, secondo una recente indagine della Società Italiana di Medicina Interna (Simi), pubblicata sul British Medical Journal Open, è un valore importante per diagnosticare disturbi come l’aterosclerosi e anche i danni renali.

Secondo i ricercatori la capacità di individuare questo tipo di anomalie è tale da poter utilizzare il test sui fumatori over 50, sui diabetici e sugli over 70.

Ma come funziona?

Il test si esegue molto semplicemente, misurando la pressione alla caviglia per poi porla in rapporto con quella ottenuta dal braccio. I pazienti che hanno un indice pressorio inferiore a 0.9 avranno maggiori possibilità di aterosclerosi, deterioramento dei reni e fibrillazione atriale.

La fibrillazione atriale, in particolar modo, potrebbe essere riscontrata, valutando l’associazione fra la pressione arteriosa registrata in diverse parti del corpo e il pericolo di danni renali. I ricercatori della Simi hanno valutato i dati di 900 partecipanti allo studio, condotto in tutta Italia.

La nuova analisi dei dati raccolti attraverso lo studio Arapacis ha mostrato che solo il 23% dei pazienti con fibrillazione atriale ha una funzione renale normale, uno su tre ha almeno un lieve deficit”. Sostiene Francesco Violi, coordinatore dell’indagine. “I risultati mostrano soprattutto che i soggetti ad alto rischio di rapida progressione del danno renale, e quindi a maggior rischio cardiovascolare in generale, possono essere riconosciuti efficacemente e semplicemente con un test di rapida esecuzione: basta misurare la pressione alla caviglia, al braccio e poi farne il rapporto per ottenere un’idea precisa del pericolo di insufficienza renale. Un ABI index basso, inferiore a 0.9, indica che la pressione nelle gambe è inferiore rispetto a quella della parte superiore del corpo: ciò significa che c’è un’aterosclerosi diffusa e concentrata agli arti inferiori e questo si associa a un’aterosclerosi consistente anche nel distretto renale. Da qui il maggior rischio di deterioramento rapido della funzionalità renale“.

Un test molto importante, dunque, per prevenire ulteriori complicazioni e trovare soluzioni terapeutiche adeguate, a seconda dei casi.

Mostra commenti
Manipolare il cervello durante il sonno per sradicare razzismo e sessismo
Manipolare il cervello durante il sonno per sradicare razzismo e sessismo
Filler dermici: la FDA chiede più chiarezza sui rischi
Filler dermici: la FDA chiede più chiarezza sui rischi
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Malattie croniche dell’intestino? La causa potrebbe essere nel sangue
Malattie croniche dell’intestino? La causa potrebbe essere nel sangue
Insieme a “FraParentesi” per offrire supporto a chi vive con un tumore
Insieme a “FraParentesi” per offrire supporto a chi vive con un tumore
Come eseguire un massaggio rilassante alla testa
Come eseguire un massaggio rilassante alla testa
Avete sempre fame? Ecco i motivi più frequenti
Avete sempre fame? Ecco i motivi più frequenti