Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Le cellule del naso per combattere la paralisi

Le cellule del naso per combattere la paralisi

Ultimo aggiornamento – 09 marzo, 2016

Indice

Combattere la paralisi con le cellule del naso. Come è possibile? Ve lo raccontiamo subito. 

La storia è quella di Darek Fidyka, ex pompiere polacco rimasto paralizzato nel 2010, dopo essere stato vittima di un accoltellamento. Il protagonista della triste vicenda è oggi noto ai media come l’uomo che è tornato a camminare grazie a un trapianto di cellule prelevate dal naso.

In questo modo, infatti, come descritto sulla rivista Cell Transplantation, è stato possibile riparare il midollo spinale. 

Una tecnica innovativa

La tecnica, in studio da oltre 40 anni, è stata testata con grande successo da un team di medici polacchi e inglesi e ha permesso a Darek di recuperare il controllo della propria muscolatura.

All’uomo è stato rimosso uno dei suoi bulbi olfattivi, contenente cellule specializzate, le olfactory ensheathing cells, che permettono alle fibre nervose del sistema olfattivo di rinnovarsi continuamente. In un secondo momento, sono state iniettate nel midollo spinale, dove c’era la lesione, e innestate delle fibre di tessuto nervoso prelevate dalla sua caviglia. Obiettivo: rigenerare il midollo e curare la lesione. 

Il dopo intervento

Dopo l’intervento, eseguito nel 2012 e diversi cicli di fisioterapia, circa 2 anni fa Darek Fidyka ha camminato di nuovo, grazie al sostegno di un deambulatori. Oggi i successi sembrano però ancora più evidenti: “Posso sentire ogni muscolo e pressione dei piedi sui pedali. Mi sento più forte. Un anno fa non sarei riuscito a pedalare su un triciclo“. Camminare con le stampelle è diventato possibile, così come recuperare il controllo della vescica e delle funzioni sessuali.

Un risultato incoraggiante

Il risultato è incoraggiante. Per questa ragione, gli specialisti hanno presentato ieri, 8 marzo, il Wroclaw Walk Again Project, con cui vogliono arruolare altri 2 pazienti paralizzati, con un tipo di lesione meno comune. “Se riusciamo a riempire lo spazio tra i due monconi di midollo – afferma Pawel Tabakow, capo del progetto – allora vuole dire che abbiamo trovato una cura per la paralisi e che poi potremo aiutare anche gli altri pazienti con lesioni più comuni, causate da compressione o schiacciamento’‘. 

Staremo a vedere. La speranza e la fiducia non mancano! 

Mostra commenti
Anemia: sei sicuro di non averla?
Anemia: sei sicuro di non averla?
Le cose più stravaganti che i ginecologi hanno visto
Le cose più stravaganti che i ginecologi hanno visto
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Soffrite di psoriasi? Tenete d’occhio la pressione (e viceversa)
Soffrite di psoriasi? Tenete d’occhio la pressione (e viceversa)
Reflusso gastrico: c’è un motivo ben preciso per cui gli anziani dovrebbero curarlo
Reflusso gastrico: c’è un motivo ben preciso per cui gli anziani dovrebbero curarlo
Il deodorante fa male alla salute?
Il deodorante fa male alla salute?
Gli ingredienti giusti per perdere peso!
Gli ingredienti giusti per perdere peso!