Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Pensare positivo non è sempre la scelta giusta

Pensare positivo non è sempre la scelta giusta

Ultimo aggiornamento – 01 Aprile, 2015

Sapevi che è assolutamente giusto e sano avere dei momenti negativi? Sembra ormai che si debba tutti essere ottimisti. Qualunque disgrazia ti succeda, sei tenuto a pensare positivo. La sai una cosa?

Dieci motivi per non essere ottimisti

  1. un pensiero costantemente positivo e ottimista è estremamente stressante e aberrante: la vita non è tutta rose e fiori;
  2. se ti impegni a credere che c’è un lato positivo in ogni cosa, non pensi più a un piano B e non riesci a uscire dalle situazioni negative;
  3. studi hanno dimostrato che le persone che hanno una bassa autostima e si sforzano di essere sempre positive, sono proprio quelle che stanno peggio e che vivono più emozioni negative;
  4. gli ottimisti cronici sono quelli che vivono le crisi peggiori, perché sono impreparati al peggio e non sanno gestire l’ansia;
  5. il senso di colpa: se ti convinci che puoi essere felice e poi tutto va storto, ti colpevolizzi;
  6. la negazione. Negare le situazioni negative è tipico degli ottimisti cronici, e peggiora sempre le cose. Anche la crisi attuale è stata messa in relazione con questo fenomeno tipico della società occidentale;
  7. essere sempre, costantemente, esageratamente positivi potrebbe essere segno di disturbo psichico (ad esempio, la mania è tipica del disturbo bipolare e può portare a comportamenti autodistruttivi);
  8. non serve impazzire: chiunque si faccia prendere dalla mania ottimistica può perdere il senno e la lucidità e fare cose che non farebbe mai in uno stato di normalità;
  9. un ottimismo esagerato è un modo per evitare azioni necessarie, un modo per convincerci che stiamo facendo qualcosa – anche quando non stiamo facendo assolutamente nulla. Evitando di affrontare i problemi;
  10. “pensare positivo” è anche una strategia difensiva per tentare di soffocare l’ansia… Ma lo sapevi che l’ansia è spesso necessaria? Per motivarci ad agire, per spingerci a uscire dalle crisi. Voler soffocare l’ansia, magari con una tranquillità di facciata, può peggiorare le cose.

E se invece proprio insicurezza, pessimismo, umor nero avessero effetti positivi?

  • I pessimisti trovano argomenti migliori e più persuasivi per farsi valere;
  • pensare negativo migliora la memoria, la precisione cognitiva e induce a pensare più attentamente;
  • Il pessimismo è anche un’eccellente strategia per controllare l’ansia;
  • Prepararsi al peggio significa lavorare sodo per prevenire ogni scenario negativo;
  • Ed è molto probabile che, così facendo, ci evitiamo davvero molti problemi.

Meglio essere pessimisti?

Non è che adesso dobbiamo diventare tutti pessimisti! È solo che, a conti fatti, forzarsi di fare sempre gli ottimisti non funziona, perché la negatività se la ignori non sparisce.

Le emozioni negative non vanno negate né rimosse: vanno comprese, analizzate e lasciate andare. Forse vale la pena bilanciare un moderato ottimismo e un moderato pessimismo.

In altre parole, annusa pure rose e fiori – ma attenzione alle spine.

 

Mostra commenti
Bellezza, a volte diventa un problema
Bellezza, a volte diventa un problema
Sette modi in cui uno smartphone può salvare vite umane
Sette modi in cui uno smartphone può salvare vite umane
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Prostata infiammata: come curarla (e cosa evitare)
Prostata infiammata: come curarla (e cosa evitare)
“L’Alzheimer raccontato dai lavori all’uncinetto di mia madre”
“L’Alzheimer raccontato dai lavori all’uncinetto di mia madre”
Tumore al pancreas: perché è così aggressivo?
Tumore al pancreas: perché è così aggressivo?
La percezione del dolore: ecco da cosa dipende
La percezione del dolore: ecco da cosa dipende