Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Premi Sapio: l’importanza del valore umano e individuale nella ricerca

Premi Sapio: l’importanza del valore umano e individuale nella ricerca

Ultimo aggiornamento – 14 aprile, 2020

I vincitori del premio sapio 2018
Indice

Anche quest’anno, rinnovando un impegno che ormai dura da sedici anni, il Gruppo Sapio ha dato il proprio riconoscimento agli innovatori italiani che si sono distinti nell’ambito della ricerca.

Si è infatti appena conclusa la XVI Edizione dei Premi Sapio, che ha visto la consegna di numerosi tributi a progetti nell’ambito dell’energia solare, della genomica, della spettroscopia, della circular economy e della diagnosi precoce delle malattie.

Il valore umano e individuale della ricerca

La cerimonia, nella meravigliosa cornice di Palazzo Giustiniani, è stata inaugurata dall’Onorevole Piergiorgio Cortelazzo, per essere poi arricchita dalla testimonianza di tre tra ricercatori, imprenditori e scienziati  insigniti del premio Sapio in una delle precedenti edizioni: Irma Airoldi, ricercatrice del Laboratorio Cellule staminali post natali e terapie cellulari dell’Istituto Giannina Gaslini di Genova; Luca Ravagnan, Amministratore Delegato di Wise srl e Federica Migliardo, professore associato del Dipartimento di Scienze Chimiche Biologiche, Farmaceutiche e Ambientali dell’Università di Messina.

Ma il vero protagonista, quest’anno, è stato il valore umano e individuale del lavoro di ricerca scientifica e tecnologica poichè, come ha evidenziato in apertura Alberto Dossi, presidente del Gruppo Sapio, “troppo spesso tutte le attenzioni vengono rivolte ai risultati e agli esiti delle attività di ricerca – continua – ciò che davvero conta sono i singoli individui, donne e uomini, che si dedicano a questa attività. Non vanno mai perse di vista le loro esigenze e le loro aspettative. Ancora più che altrove, è la persona che deve essere messa al centro; ed è questa la finalità più profonda del Premio”.

I premi: dall’innovazione alla sicurezza

Ad aggiudicarsi il Premio, nelle cinque categorie previste, sono stati:

  1. Premio Sapio Sicurezza – È stato assegnato a Giuseppe Ragonese e a Donetella Termini per il loro progetto “Green Safety Cover Pv Panel”, con cui hanno sviluppato un sistema meccanico per oscurare i pannelli solari, limitandone l’irraggiamento e riducendo la tensione generata a valori pressoché nulli.
  2. Premio Sapio Ricerca Junior – Antonio Casini è stato il vincitore di questo premio, con il suo progetto sulle tecnologie per un editing genomico ultra-preciso e sicuro, praticamente privo di effetti collaterali.
  3. Premio Sapio Innovazione –  Miriam Serena Vitiello è stata insignita del premio Sapio Innovazione per la sua ricerca sui dispositivi fotonici e nanoelettronici per la generazione, manipolazione e rivelazione di impulsi ultra-brevi a frequenze Terahertz (THz).
  4. Premio Sapio Start-Up – Nell’ambito delle Start-Up, Sapio ha deciso di premiare BioInnoTech, fondata da Rosita Pavone, Maria Pisano e Erika Andriola, per il lavoro di recupero, valorizzazione e trasformazione del siero del latte, attraverso un innovativo processo biotecnologico, per l’ottenimento di prodotti ad elevato valore aggiunto.
  5. Premio Sapio Ricerca – Vincitore del premio Sapio Ricerca è il professor Claudio Luchinat con il suo progetto di ricerca, che ha evidenziato che è possibile definire per ogni individuo un profilo metabolico caratteristico e stabile nel tempo, che si trasforma in presenza di alterazioni importanti come l’insorgenza di una malattia.

Uno spazio per gli studenti

Anche gli studenti, però, hanno avuto il proprio e meritato spazio all’interno dell’iniziativa del Gruppo Sapio.

Sono infatti stati nominati Alfieri del Lavoro per i loro meriti scolastici cinque studenti di medicina – Vito Busco, Angela Marella Cenname, Lorenzo Faruggio e Chiara Mengoni –. Come si stanno approcciando al mondo della ricerca? Quali sfide professionali e intellettuali si prospettano per loro? Questo il focus principale, di estrema attualità.

Fare ricerca, oggi in Italia, è difficile – ha sottolineato ancora il presidente Alberto Dossi -. E proprio per misurarci con questa difficoltà, con l’idea di dare un contributo concreto al Paese, che ci impegniamo, ormai dal 1999, su questo fronte, convinti che la ricerca scientifica faccia e farà la differenza per la vita di tutti noi”.

Mostra commenti
Tumore alla prostata: un (nuovo) test del sangue ti dice se è maligno
Tumore alla prostata: un (nuovo) test del sangue ti dice se è maligno
Sudore maleodorante e mal di testa: e se la colpa fosse dello stress?
Sudore maleodorante e mal di testa: e se la colpa fosse dello stress?
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Andate al bagno spesso di notte? Attenzione ai sintomi associati!
Andate al bagno spesso di notte? Attenzione ai sintomi associati!
Sindrome di Patau: per saperne di più
Sindrome di Patau: per saperne di più
Banca del DNA: un nuovo sistema per la lotta al crimine
Banca del DNA: un nuovo sistema per la lotta al crimine
Pronti per il vaccino JOHNSON & JOHNSON? Una guida completa
Pronti per il vaccino JOHNSON & JOHNSON? Una guida completa