Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Un senso dell’umorismo insolito potrebbe essere sintomo di demenza

Un senso dell’umorismo insolito potrebbe essere sintomo di demenza

Ultimo aggiornamento – 18 novembre, 2015

Notate uno strano senso dell’umorismo in uno dei vostri cari più anziani? Forse, non si tratta solo di buon umore.

Una nuova ricerca, infatti, ha scoperto che l’umorismo alterato potrebbe essere sintomo di demenza.

Lo studio

Lo studio, condotto presso l’University College di Londra (UCL), ha esaminato 48 pazienti affetti da demenza frontotemporale (FTD) – che colpisce la regione dietro la fronte – e con il morbo di Alzheimer. Utilizzando una serie di questionari, è stato chiesto ad amici e parenti dei partecipanti che tipo di commedia preferissero: se Mr. Bean o la commedia dell’assurdo, come quella dei Monty Python. Hanno poi confrontato i risultati con 21 persone sane della stessa età.

I dati, che sono stati pubblicati sul Journal of Alzheimer, hanno dimostrato che tutti i pazienti con demenza tendono a preferire le commedie come quella di Mr. Bean e del cinema muto.

Lo studio ha anche rilevato un senso molto alterato di umorismo nel gruppo di persone con una specifica forma di FTD, chiamata variante comportamentale FTD (bvFTD). Questa è una forma rara di demenza, che è meno associata alla perdita di memoria e ha più a che fare con il cambiamento di personalità e la perdita di inibizioni.

Hanno anche usato prove aneddotiche ottenute dal racconto di amici e familiari, a cui è stato chiesto di riflettere sugli ultimi anni e notare eventuali cambiamenti di comportamento particolari. Molti hanno riferito di un umorismo inadeguato e fuori luogo.

Il pensiero degli esperti

La dr.ssa Camilla Clark, che ha guidato la ricerca, ha detto in una dichiarazione: “Come il senso dell’umorismo ci definisce e viene utilizzato per costruire relazioni con le persone intorno a noi, i cambiamenti in quello che troviamo divertente hanno un impatto importante; oltre a fornire indizi per cogliere i cambiamenti cerebrali sottostanti, sono spia di demenza“.

Il dottor Simon Ridley, dell’Alzheimer Research UK, ha anche sottolineato l’importanza di questo studio per aiutare i medici a identificare e diagnosticare la demenza in forma preventiva: “Mentre la perdita di memoria è spesso la prima cosa che viene in mente quando sentiamo la parola demenza, questo studio mette in evidenza l’importanza di guardare i diversi sintomi che impattano sulla vita quotidiana“.

 

Mostra commenti
I rischi dell’anestesia per il cervello
I rischi dell’anestesia per il cervello
Gambe forti sono sinonimo di un cervello giovane
Gambe forti sono sinonimo di un cervello giovane
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Sali d’alluminio dei deodoranti: un fattore di rischio per il cancro al seno
Sali d’alluminio dei deodoranti: un fattore di rischio per il cancro al seno
6 cose che sarebbe meglio pulire tutti i giorni
6 cose che sarebbe meglio pulire tutti i giorni
Scoperta una proteina che causa il diabete
Scoperta una proteina che causa il diabete
Tutte le proprietà della Moringa
Tutte le proprietà della Moringa