Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Tedmed Paziente Ruolo

Il ruolo del paziente: punti di vista a confronto con TEDMED

Alessandra Lucivero | Editorial Manager a Pazienti.it

Ultimo aggiornamento – 30 Luglio, 2014

Il ruolo del paziente: punti di vista a confronto con TEDMED

Qual è il ruolo del paziente oggi? 

Una domanda ricca di riflessioni interessanti, affrontata da TEDMED nel 2012 che ha suscitato numerosi dibattiti e vivi confronti.  

Bisognerebbe partire dall'approccio che le compagnie di assicurazione per medici e pazienti, e gli ospedali stessi, hanno con le persone che trovano in loro un punto di riferimento. Il paziente, spesso, assume i contorni di un "cliente", un consumatore a cui prestare un servizio. 

Questa doppia personalità del paziente-cliente, così definita dalla società moderna, trasforma anche il tradizionale ruolo del medico, che si pone in un rapporto di minore o maggiore responsabilità verso chi richiede il suo aiuto.

Ma qual è il punto di vista dei talker di TEDMED?

Alexandra Drane, presidente e co-fondatore di Eliza Corporation, un fornitore leader di strategie di comunicazione sanitaria integrata, durante il suo intervento ha sottolineanto come il rapporto consueto tra medico e paziente sia cambiato, anche grazie all'informazione che ci consente di valutare ed essere più esigenti, per scegliere a chi dare fiducia. 

La discussione e gli interventi di questo Great Challenges si sono poi focalizzati sul ruolo di responsabilità del professionista sanitario e della nuova ottica del consumatore di salute, che pone al centro un bisogno, una priorità, lo star bene, che deve essere soddisfatta. 

Una comunicazione di qualità tra operatori sanitari e pazienti può essere particolarmente difficile per entrambe le parti, questa è la sfida per raggiungere un nuovo rapporto soddisfacente. "Abbiamo bisogno di guardare a ciò che i pazienti stanno cercando di raggiungere, dobbiamo presentare le opzioni che servono per valutare le loro scelte", ha detto Ted Eytan da Kaiser Permanente.

Un dibattito ancora acceso, a distanza di due anni, che potrebbe portare a nuovi punti di vista interessanti. Il mondo della sanità è in continua evoluzione e TEDMED vuole fermarsi a riflettere sui cambiamente e sulle direzioni da prendere. 

TEDMED… ancora una volta per riflettere insieme sul mondo della salute

Ancora una volta, TEDMED riunisce brillanti menti pronte a discutere insieme di salute e sanità. Venerdì 12 settembre, dalle 09:00 alle 18:00, a Milano si svolgerà il TEDMED Live 2014 Fightthestroke, una proiezione esclusiva dagli Stati Uniti dell'evento di risonanza globale TEDMED: tutto su medicina, tecnologia, innovazione, futuro.

La visione dei talk in inglese sarà alternata a momenti di 'open discussion' con esperti scientifici di risonanza internazionale. L’evento è gratuito ed aperto a innovatori, appassionati di tecnologia, scienze e medicina, operatori del settore, medici e pazienti. 

Il numero limitato dei biglietti, offerti gratuitamente alla comunità, è rivolto a persone con talento, entusiasmo e voglia di dare il meglio. Attraverso un sito dedicato all'evento sarà possibile iscriversi e registrarsi per partecipare. 
 

Mostra commenti
Grave epidemia di Ebola in Africa occidentale: continuano ad aumentare i casi di contagio
Grave epidemia di Ebola in Africa occidentale: continuano ad aumentare i casi di contagio
Fecondazione eterologa: ecco tutti i punti chiave del nuovo decreto
Fecondazione eterologa: ecco tutti i punti chiave del nuovo decreto
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Yogurt? Ok, ma solo se è al 100% naturale
Yogurt? Ok, ma solo se è al 100% naturale
Diabete di tipo 2: i pro e contro della metformina
Diabete di tipo 2: i pro e contro della metformina
Sono arrivati i 60 anni? La dieta che riduce il rischio di mortalità
Sono arrivati i 60 anni? La dieta che riduce il rischio di mortalità
Vitamina A: non fa bene alle ossa, quando assunta in eccesso
Vitamina A: non fa bene alle ossa, quando assunta in eccesso