Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Minifrattura Metatarso Terapia

Che terapia seguire in caso di minifrattura al metatarso?

Salve dottore, sono un uomo di 45 anni, peso 72 kg alto 1,78. 10 giorni fa, ho avuto un piccolo incidente in scooter da fermo, la pedana mi ha schiacciato l'avampiede provocando una minifrattura alla base del II metatarso dx. All'inizio, ho sottovalutato l'incidente, anche se appoggiando avvertivo dolore. La notte del giorno stesso, il piede era molto gonfio e sono andato al pronto soccorso, dove l'ortopedico assieme al gessista, in base alla frattura non grande, decidono che posso comprare una scarpa di tipo buratto talus, con scarico avampiede, da mettere per 35 giorni, una Ivor 3,500 al giorno sulla pancia ed antinfiammatori con controllo dopo 35 giorni. Dopo 2 giorni ritorno al pronto soccorso in ortopedia perchè il piede era ancora più gonfio, insistono per continuare la solita terapia, ma la mia paura mi porta a farmi fare un gesso fin sotto il ginocchio per 30 giorni, con le solite prescrizioni. Oggi, dopo 10 giorni, sento i dolori spariti, pratico a domicilio cicli di magnetoterapia che mi stanno aiutando. Tra 10 giorni farò un rx per vedere se la frattura si è saldata. Se dovesse uscire il risultato di non frattura oppure un esito positivo di saldatura, potrei levare il gesso che mi tiene bloccato a letto e passare alla scarpa prescritta in precedenza prima del gesso o ad altro apparecchio di sostituzione? Quando posso cominciare a caricare il piede leggermente, magari con una scarpa protetta? Da 10 giorni, sono a letto a piede alto, senza mai metterlo a terra, praticando alla lettera le prescrizioni. Sono obbligato a portare il gesso tutto il tempo visto che all'inizio se non per mia insistenza nemmeno volevano metterlo? In attesa. Grazie.

Infatti, il gesso non era necessario. Bastava indossare la scarpa tipo talus che scaricava l'avampiede. Quando si può, si deve evitare l'apparecchio gessato. L'immobilizzazione rigida, specie del piede, rallenta la circolazione e a volte danneggia il microcircolo.

Che puoi fare ora? Intanto fatti togliere il gesso e camminare con la scarpa talus almeno per 35-40 gg dopo la frattura. Consulta un ortopedico-traumatologo se è il caso di farti fare un ciclo di fisiokinesiterapia dopo appunto 40 gg dal trauma.

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Vincenzo Del Prete
Dr. Vincenzo Del Prete
(0)
Brindisi - Via Ponchielli, 2, San Donaci
Altre risposte di questo specialista
Sclerosi del tetto acetabolare riduzione interlinea articolare: cosa significa?
Per sclerosi del tetto acetabolare, s'intende un'ispessimento della cartilagine che riveste la coppa che riceve la testa del femore. Questo equivale ad iniziale...
Ozonoterapia: è dolorosa?
No, sia perché si usano aghi sottilissimi, sia perché si spruzza normalmente il ghiaccio spray prima di inserire l'ago. Nessuna conseguenza collaterale. Non sono mai...
Frattura pregressa vertebra l1: che terapia seguire?
Dipende da quando hai avuto la frattura. Entro 20-30 giorni, è consigliabile eseguire un intervento chirurgico di vertebroplastica, che consiste nell'immettere cemento acrilico nel corpo della...
Prescrizione del busto: a chi portare i referti?
Se si vuole comprare un busto ortopedico, basta recarsi da una sanitaria che ha come dipendente o come consulente un tecnico ortopedico. Meglio avere una...
Neuroma di Morton: dove operarsi a Brindisi?
Certo che lo puoi operare a Brindisi. E' un intervento molto semplice ed i colleghi di Brindisi sono senz'altro all'altezza. In linea...
Vedi tutte

Risposte simili

Terapia manuale in fisioterapia: che cos'è?
La terapia manuale è l'insieme delle terapie che vengono eseguite dal fisioterapista manualmente, agendo su tessuti come muscoli e tendini o in modo diretto sui...
Mal di testa da cervicale: la fisioterapia aiuta?
Il "mal di testa" può avere un'origine muscolo-tensiva, molto spesso legata alle tensioni alla muscolatura delle spalle e della nuca, che sono in continuità con...
Fisioterapia drenante: che cos'è?
L'effetto drenante in fisioterapia si ottiene con il linfodrenaggio manuale o strumentale, detto anche pressoterapia. Il drenaggio coinvolge i distretti corporei...