Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Terapie
  4. Amikacina

Amikacina

Amikacina
Curatore scientifico
Elisabetta Ciccolella
Specialità del contenuto
Farmacia Medicina generale

Amikacina: alcune informazioni importanti

Prima di sottoporsi ad un trattamento con amikacina è importante informare un medico per discutere sull’opportunità di iniziare le cure e sull’eventuale dosaggio del medicinale.

L’amikacina è utile soltanto contro i batteri, non per comuni infezioni virali.

È importante assumere questo farmaco per tutto il trattamento, affinché le forme batteriche vengano definitivamente eliminate. In caso contrario, invece, c’è il rischio che i batteri si abituino alle cure, rendendo più difficile un eventuale futuro trattamento.

Un uso eccessivo di questo antibiotico non è salutare, perché può causare una seconda infezione.

L’amikacina va utilizzata con cautela, soprattutto in pazienti anziani e neonati, i sensibili ad eventuali effetti collaterali.

Amikacina e controindicazioni

È sconsigliata l’assunzione di amikacina se si soffre di:

  • problemi di udito
  • disturbi nervosi
  • dolori muscolari
  • malattie renali
  • morbo di Parkinson
  • problemi di disidratazione
  • recenti trasfusioni di sangue

Alcuni medicinali possono interagire con l’amikacina. È importante consultare un medico sui farmaci che si stanno assumendo prima di iniziare qualsiasi trattamento con amikacina.

Amikacina: come si assume?

Bisogna sempre assumere l’amikacina come è indicato dal medico, secondo il corretto dosaggio.

L’amikacina è somministrata tramite un’iniezione endovenosa o intramuscolare.

È raccomandato bere molti più liquidi del solito durante la sua assunzione.

Amikacina: effetti collaterali

In linea generale, gli amminoglicosidi possono determinare importanti effetti collaterali dose-dipendenti che aumentano con la durata del trattamento, tra cui spiccano ototossicità (amikacina) e nefrotossicità. L’assunzione di amikacina può causare diversi effetti collaterali, anche con un dosaggio nella norma.

Ecco i principali:

  • difficoltà respiratorie
  • orticaria, prurito, eruzioni cutanee
  • gonfiore del viso
  • disturbi renali (sangue nelle urine, minzione dolorosa, grande aumento di peso)
  • disturbi nervosi
  • problemi all’udito (anche la perdita permanente)
  • offuscamento della vista
  • vertigini e problemi di equilibrio
  • svenimenti
  • debolezza muscolare
  • stato confusionale
  • convulsioni
  • dolori e tremori articolari
  • diarrea
  • nausea e vomito
  • insolito senso di stanchezza
  • depressione
  • sonnolenza

Alcuni di questi effetti indesiderati possono non aver bisogno di cure mediche: quando l’organismo si abitua al trattamento, infatti, potrebbero scomparire da soli.

Purtroppo alcuni effetti collaterali dell’amikacina possono presentarsi anche al termine della cura.

Amikacina e gravidanza

L’amikacina può causare danni al feto, anche se non esistono dati certi su gravidanze umane.

È stato verificato, tuttavia, un alto rischio di nefrotossicità fetale e di ototossicità dopo l'esposizione ad altri tipi di aminoglicosidi durante il periodo della gravidanza.

L’amikacina va quindi somministrata in gravidanza soltanto se non esistono altre alternative e solo se i benefici superano i rischi.

L’amikacina viene escreta nel latte materno in piccole quantità. Anche se la tossicità sistemica nel lattante è improbabile, è consigliato non allattare al seno durante l’assunzione di amikacina oppure bisogna sospendere la somministrazione del farmaco.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Prednisone
Il prednisone è un corticosteroide sintetico (artificiale) usato per sopprimere il sistema immunitario e per controllare l'infiammazione.
Miorilassanti
I miorilassanti sono farmaci utili per far rilassare la muscolatura dell'organismo. Una panoramica sull'utilizzo, controindicazioni e mio...
Punti di sutura
I punti di sutura sono una procedura chirurgica fondamentale per avvicinare i lembi di una ferita e favorirne la cicatrizzazione.