Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Terapie
  4. Corporoplastica

Corporoplastica

Curatore scientifico
Dr. Giuseppe Dovinola
Specialità del contenuto
Andrologia

Cosa è la corporoplastica?

La corporoplastica è un intervento chirurgico utile alla correzione dell’incurvamento del pene.

Questa condizione si verifica quando si è soggetti alla malattia di Peyronie, una patologia caratterizzata dalla formazione di tessuto fibroso e cicatriziale nei pressi dei corpi cavernosi del pene.

Questo disturbo è doloroso ed incide negativamente anche sulla funzionalità erettile maschile.

La corporoplastica: come intervenire in caso di pene curvo

Qualsiasi tipo di tecnica per correggere questa deformità del pene può causare un accorciamento dello stesso. La corporoplastica è un procedimento che riduce al minimo tale rischio. L’operazione viene condotta generalmente in anestesia locale o generale (dipende dalla tecnica che si sceglie) Le linee guida internazionali dicono che, se la curvatura provocata dalla malattia è inferiore ai 45° o se non si si ha dolore e/o difficoltà di penetrazione l’intervento è sconsigliato.

Prima dell’intervento si procede con un’iniezione di prostaglandine, così da stimolare un’erezione artificiale e rendere del tutto visibile l’incurvamento del pene.

Il metodo prevede l’esecuzione di incisioni trasversali cutanee e sottocutanee della zona interessata per produrre un raddrizzamento del pene. Queste incisioni sono poi suturate e rivestite con innesti di tunica albuginea rimossa dai corpi cavernosi o con materiale protesico.

Esistono diversi tipi di procedura:

  • Corporoplastica semplice: rivestimento con tessuto del lato opposto all’incisione
  • Corporoplastica con chirurgia di placca: il tessuto fibrotico asportato è sostituito con altri materiali
  • Impianto di una protesi del pene

Quando la curvatura del pene comporta anche una disfunzione erettile, è quasi sempre necessario l’impianto di una protesi.

In assenza di complicazioni, la degenza ospedaliera post operatoria è al massimo di due giorni.

Al momento non sono state ancora riscontrate gravi complicanze e questa tecnica di raddrizzamento del pene si sta rivelando molto efficace.

Poiché la maggior parte dei risultati sono però ancora preliminari, è in corso uno studio approfondito per implementare le tecniche di intervento e testarle su un numero maggiore di pazienti.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Vasectomia
La vasectomia è un intervento chirurgico al quale si sottopongono gli uomini per impedire la fuoriuscita degli spermatozoi nel liquido s...
Orchidopessi
L’orchidopessi è un’operazione chirurgica che si pratica nei casi di criptorchidismo per portare il testicolo nella giusta sede, lo scrot...
Sildenafil
Il sildenafil, conosciuto anche come Viagra, è un medicinale che appartiene alla classe degli inibitori della fosfodiesterasi di tipo 5, ...