Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Terapie
  4. Crioelettroforesi

Crioelettroforesi

Curatore scientifico
Dr. Riccardo Gazzola
Specialità del contenuto
Medicina estetica

Che cos'è la crioelettroforesi?

La crioelettroforesi è una tecnica che consente la veicolazione transcutanea di farmaci o principi attivi naturali opportunamente congelati tramite una specifica apparecchiatura.

Qual è la funzione della crioelettroforesi?

Lo scopo di tale tecnica è quello di veicolare un farmaco nel tessuto e farlo permanere in zona il più a lungo possibile. In particolare essa si dimostra molto efficace in medicina fisica e sportiva nel trattamento delle patologie articolari e tendinee, in medicina estetica (varici, cellulite, lifting del viso).

Come si esegue un trattamento di crioelettroforesi?

La crioelettroforesi consiste nell'introdurre nei tessuti, a basse temperature, in modo mirato e profondo sostanze medicamentose od omeopatiche idrosolubili tramite una specifica apparecchiatura che ne consente la penetrazione e l'assorbimento a livelli profondi (6-8 cm). Una speciale apparecchiatura, dopo il congelamento della soluzione impiegata, fa passare una corrente pulsata attraverso le zone di incipiente fusione, con trascinamento del farmaco che, in tali condizioni, penetra in profondità nella zona da curare.La frequenza deve essere rapportata al peso molecolare della sostanza da introdurre e alla profondità da raggiungere. La soluzione, congelata a temperatura tra -5 e 0 gradi centigradi, veicola gli ioni del principio attivo; non incontrando nel loro percorso elettricamente guidato ostacoli o superfici che ne possano rallentare o bloccare il flusso, gli ioni raggiungono in alta concentrazione gli strati profondi sottofasciali.

Quante sedute sono necessarie per un trattamento di crioelettroforesi e con che frequenza?

I benefici compaiono dopo 4-5 sedute e, per mantenere i risultati raggiunti, è necessario perseverare in qualche seduta di mantenimento (almeno 1/mese). Un ciclo completo di trattamenti va dalle quattro alle dodici sedute, con una frequenza di due volte a settimana.

In quali casi può essere utilizzata la crioelettroforesi?

La crioelettroforesi risulta utile per:

  • cellulite
  • adiposità localizzate
  • grasso
  • rilassamento cutaneo

Tale tecnica trova un'ottima collocazione in traumatologia poiché rimuove molto rapidamente l’evento sintomatologico principale di queste affezioni: il dolore; presenta indubbi vantaggi anche in patologie frequenti nella popolazione:

  • lesioni acute: contusioni, ematomi, distrazioni, distrazioni capsulo medicamentose, sublussazioni–lussazioni, algopatie post traumatiche, sindrome compartimentale
  • lesioni croniche: esiti post traumatici, tendinopatie inserzionali, fibrosi capsulari, tendinopatie fibro calciche, rigidità articolari, algopatie da non uso
  • patologie apparato locomotore: artrosi, artriti, sinoviti reattive, radicolopatie, sindrome del tunnel carpale, algopatie generalizzate, coccigodinie
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Acido glicolico
L’acido glicolico è un prodotto di origine naturale che si usa nella cura della pelle e nella medicina estetica. È conosciuto anche con i...
Acido mandelico
L'acido mandelico è un acido presente in natura in alcuni frutti ed è utilizzato in dermatologia come agente peeling nel trattamento di r...
Pulizia del viso
Una regolare pulizia del viso aiuta a preservare la pelle anche dal deposito di batteri, dagli accumuli di sebo sulla pelle e aiuta a pre...