Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Farmaci
  3. Esilgan 30cpr 1mg Takeda Italia Spa

Esilgan 1 mg compresse 30 compresse

Ultimo aggiornamento: 10 febbraio, 2021

Esilgan (Estazolam) è un medicinale appartenente alla classe delle benzodiazepine e disponibile in compresse da 1 mg o da 2 mg.


A cosa serve

Esilgan è indicato per il trattamento a breve termine dell'insonnia, nei casi in cui il disturbo è grave e causa disagio nella normale vita quotidiana e quando altre terapie per l'insonnia non hanno funzionato.


Sovradosaggio

In caso di sovradosaggio di Esilgan rivolgersi immediatamente al medico o al più vicino ospedale.


Effetti collaterali

Tra gli effetti indesiderati di Esilgan possono esservene molti di frequenza non nota, ma è opportuno rivolgersi immediatamente al medico, che sospenderà il trattamento, nel caso si manifestino: irrequietezza, agitazione, irritabilità, aggressività, delusione, collera, incubi, allucinazioni, psicosi e alterazioni del comportamento.


Senza ricetta

Esilgan è un medicinale soggetto a prescrizione medica di tipo RR (ricetta ripetibile); pertanto, non è possibile un acquisto di Esilgan senza ricetta.


Prezzo

Il costo di una confezione di Esilgan da 30 compresse da 2 mg è di circa 15,00 euro.


Per ogni altra informazione si fa riferimento al bugiardino di Esilgan.

1. Indicazioni terapeutiche
Trattamento a breve termine dell’insonnia. Le benzodiazepine sono indicate solamente quando il disturbo è grave, disabilitante o sottopone il soggetto a grave disagio.
2. Posologia
La durata del trattamento dovrebbe essere la più breve possibile: generalmente varia da pochi giorni a due settimane, fino a un massimo di quattro settimane, compreso un periodo di sospensione graduale. Talvolta può rendersi necessario prolungare il periodo di trattamento oltre al massimo; in tal caso questo non deve aver luogo senza aver prima rivalutato la condizione clinica del paziente. Il trattamento dovrebbe essere iniziato con la dose consigliata più bassa. La dose massima non dovrebbe essere superata. Il dosaggio va rapportato all'età, allo stato generale del paziente e alla sintomatologia. Per la reattività molto variabile agli psicofarmaci, l'uso e la posologia di Estazolam devono improntarsi a criteri prudenziali nei pazienti anziani, debilitati, in quelli con modificazioni organiche cerebrali (specie arteriosclerotiche) o con disfunzione epatica o renale o insufficienza cardiorespiratoria. Si consigliano le seguenti dosi: insonnia comune, con sintomatologia lieve e nel paziente anziano: 0,5-2 mg la sera prima di coricarsi (mezza compressa da 1 mg, o 1 compressa da 1 mg o 1 compressa da 2 mg); insonnia ostinata, insonnia legata a malattie psichiche o dovuta a fatti nevrotici, insonnia conseguente a malattie somatiche: 2-4 mg la sera prima di coricarsi (1-2 compresse da 2 mg).
3. Controindicazioni
Miastenia grave. Ipersensibilità al principio attivo, alle benzodiazepine o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1. Insufficienza respiratoria grave. Sindrome di apnea nel sonno. Insufficienza epatica grave. Età pediatrica. Primo trimestre di gravidanza (vedere paragrafo 4.6).
4. Avvertenze
Tolleranza: Dopo un uso ripetuto per alcune settimane, si può verificare una riduzione dell’effetto ipnoinducente delle benzodiazepine. Dipendenza: L’uso delle benzodiazepine può portare a una dipendenza fisica e psicologica a questi farmaci. Il rischio di dipendenza aumenta in funzione del dosaggio e della durata del trattamento. È inoltre maggiore nei pazienti con precedenti di abuso di alcool o sostanze stupefacenti. Nei casi in cui si sia sviluppata dipendenza fisica, l’interruzione brusca del trattamento provocherà sintomi da sospensione che possono includere cefalea, dolori muscolari, ansia estrema, tensione, irrequietezza, confusione ed irritabilità. In casi gravi possono verificarsi i seguenti sintomi: derealizzazione, depersonalizzazione, iperacusia, intorpidimento e formicolio alle estremità, ipersensibilità alla luce, al rumore e al contatto fisico, allucinazioni o attacchi epilettici. Rischio dovuto all’uso concomitante di oppioidi: L'uso concomitante di Esilgan e oppioidi può causare sedazione, depressione respiratoria, coma e morte. A causa di questi rischi, la prescrizione concomitante di farmaci sedativi come benzodiazepine o farmaci correlati come Esilgan con oppioidi deve essere riservata a quei pazienti per i quali non sono possibili opzioni alternative di trattamento. Se viene presa la decisione di prescrivere Esilgan in concomitanza con gli oppioidi, deve essere usata la dose minima efficace e la durata del trattamento deve essere la più breve possibile (vedere anche la raccomandazione generale sulla dose, paragrafo 4.2). I pazienti devono essere seguiti attentamente per segni e sintomi di depressione respiratoria e sedazione. A tale riguardo, si raccomanda fortemente di informare i pazienti e chi li assiste (se possibile) affinché siano a conoscenza di questi sintomi (vedere paragrafo 4.5). Insonnia di rimbalzo: Alla sospensione del trattamento può verificarsi una sindrome transitoria che consiste nella ricomparsa, in forma accentuata, dei sintomi che avevano indotto al trattamento con benzodiazepine. Essa può essere accompagnata da altre reazioni come: cambiamenti di umore, ansia, irrequietezza o disturbi del sonno. Poichè il rischio di sintomi da astinenza o da rimbalzo è più accentuato dopo una brusca interruzione del trattamento, si raccomanda di ridurre gradualmente le dosi. Durata del trattamento: La durata del trattamento dovrebbe essere la più breve possibile (vedere paragrafo 4.2), ma non dovrebbe superare le quattro settimane, compreso un periodo di sospensione graduale. Non si dovrebbe prolungare il trattamento oltre i suddetti limiti senza avere effettuato prima una nuova valutazione della situazione clinica. Può essere utile informare il paziente, all’inizio del trattamento, che questo sarà di durata limitata e spiegare esattamente come dovrà progressivamente essere ridotto il dosaggio. Inoltre è importante che il paziente sia a conoscenza della possibilità che si verifichino fenomeni di rimbalzo riducendo così al minimo l’ansia provocata da tali sintomi nel caso questi dovessero insorgere nella fase di sospensione del farmaco. Sembra che, nel caso di benzodiazepine a breve emivita, i fenomeni da sospensione possano manifestarsi nell’intervallo tra due assunzioni, specie se il dosaggio è alto. Amnesia: Le benzodiazepine possono indurre amnesia anterograda. Spesso questo effetto si manifesta diverse ore dopo l’assunzione del farmaco; per ridurre tale rischio i pazienti devono quindi essere sicuri di poter avere un periodo di sonno ininterrotto di 7-8 ore (vedere “Effetti indesiderati”). Reazioni psichiatriche e paradosse: Con l’uso di benzodiazepine possono verificarsi: irrequietezza, agitazione, irritabilità, aggressività, ansia, delusione, collera, tendenze suicide, disturbi del sonno, così come reazioni psicologiche: allucinazioni, incubi, psicosi, disturbi del comportamento. Qualora ciò si verificasse, l’uso del farmaco deve essere sospeso. La comparsa di tali reazioni è più frequente nei bambini e negli anziani. Gruppi specifici di pazienti: Il farmaco deve essere somministrato con cautela nei seguenti casi: pazienti debilitati, pazienti anziani, pazienti con disturbi epatici o renali e pazienti nei quali la funzione respiratoria è seriamente depressa. Le benzodiazepine non dovrebbero essere somministrate ai bambini senza valutazione attenta dell’effettiva necessità del trattamento; la durata del trattamento deve essere la più breve possibile. Gli anziani dovrebbero assumere una dose ridotta (vedere paragrafo 6.2). Le benzodiazepine e i prodotti correlati devono essere usati con cautela negli anziani, per il rischio di sedazione e/o effetto miorilassante che può portare a cadute, spesso con gravi conseguenze in questa popolazione. Egualmente una dose più bassa è suggerita per i pazienti con insufficienza respiratoria cronica a causa del rischio di depressione del respiro. Le benzodiazepine non sono indicate nel trattamento dei pazienti con grave insufficienza epatica, poichè questi farmaci possono precipitare l’encefalopatia. Le benzodiazepine non sono raccomandate come trattamento primario delle malattie psicotiche. Le benzodiazepine non dovrebbero essere utilizzate in monoterapia nel trattamento della depressione o dell’ansia associata a depressione (in tali pazienti può aumentare il rischio di suicidio). Le benzodiazepine devono essere usate con estrema cautela in pazienti con precedenti di abuso di alcool o di stupefacenti. Questo medicinale contiene lattosio. I pazienti affetti da rari problemi ereditari di intolleranza al galattosio, da deficit totale di lattasi, o da malassorbimento di glucosio-galattosio, non devono assumere questo medicinale. Tenere il medicinale fuori dalla vista e dalla portata dei bambini.
5. Interazioni
L’assunzione concomitante con alcool va evitata. L’effetto sedativo può essere aumentato se il farmaco viene assunto congiuntamente ad alcool. Ciò compromette la capacità di guidare veicoli e di usare macchinari. Associazione con i deprimenti del SNC: in caso di uso in associazione con antipsicotici (neurolettici), ipnotici, ansiolitici/sedativi, antidepressivi, analgesici narcotici, farmaci antiepilettici, anestetici ed antistaminici sedativi e miorilassanti, si può verificare un aumento dell’effetto deprimente a livello centrale. Questo può portare a sonnolenza, vigilanza ridotta, capacità di concentrazione e aumentare la possibilità di riflessi involontari. Nel caso di analgesici narcotici, si può manifestare anche un’accentuazione dell’euforia, che induce un aumento della dipendenza psichica. È previsto che la somministrazione concomitante con ritonavir, possa comportare l'inibizione competitiva sul citocromo P 450 causando un notevole aumento della concentrazione ematica di estazolam e può causare eccessiva sedazione e depressione respiratoria. Le sostanze che inibiscono alcuni enzimi epatici (in particolare il citocromo P450) possono aumentare l’attività delle benzodiazepine. In grado inferiore questo si applica anche alle benzodiazepine che sono metabolizzate soltanto per coniugazione. Oppioidi: L'uso concomitante di farmaci sedativi come le benzodiazepine o farmaci correlati come Esilgan con oppioidi aumenta il rischio di sedazione, depressione respiratoria, coma e morte a causa dell'effetto depressivo additivo sul SNC. Il dosaggio e la durata dell'uso concomitante devono essere limitati (vedere paragrafo 4.4). Miorilassanti: Il paziente deve essere monitorato durante l’assunzione concomitante di estazolam con rilassanti muscolari dato che l'effetto sedativo e miorilassante è considerato potenzialmente reciproco. Questo può portare a un rischio d’incremento della sedazione o della depressione respiratoria.
6. Effetti indesiderati
Le reazioni avverse sono elencate secondo la classificazione per sistemi e organi e per frequenza. Le frequenze sono definite come molto comune (≥1/10); comune (da ≥1/100 a <1/10); non comune (da ≥1/1.000 a <1/100); raro (da ≥1/10.000 a <1/1.000); molto raro (<1/10.000); non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili).
Frequenza/Classificazione per sistemi e organi* Molto Comune Comune Non Comune Raro Molto Raro Non Noto
Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche           Depressione respiratoria
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo           Reazioni cutanee allergiche come rash, prurito
Disturbi psichiatrici           Dipendenza, Irritabilità, Aggressività, Agitazione, Abuso di benzodiazepine
Patologie gastrointestinali           Nausea, Bocca secca e Stipsi
Patologie del tessuto muscoloscheletrico e del tessuto connettivo           Debolezza muscolare***
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione           Sindrome da Astinenza*, Reazione a farmaco paradossa, Astenia
Patologie dell’occhio           Diplopia***
Patologie dell’apparato riproduttivo e della mammella           Disturbo della libido
Patologie del sistema nervoso           Ottundimento delle emozioni***, Allerta ridotta***, Confusione***, Cefalea***, Atassia***, Sonnolenza, Capogiro***, Amnesia anterograda **
Note: • * interruzione brusca dopo l'uso continuativo può causare sintomi da astinenza. Pertanto, quando questo farmaco viene interrotto, è necessario ridurre gradualmente la dose. • ** che può verificarsi a dosi terapeutiche, ma il rischio è maggiore con dosi più elevate. • *** possono verificarsi principalmente all’inizio della terapia e solitamente scompaiono proseguendo il trattamento. Amnesia: Anche a dosaggi terapeutici può verificarsi amnesia anterograda, ma il rischio è maggiore con dosi più elevate. Gli effetti amnesici possono associarsi con alterazioni del comportamento (vedere paragrafo 4.4). Depressione: Durante l’uso di benzodiazepine possono rendersi manifesti stati di depressione preesistenti. È noto che durante l’uso di benzodiazepine o composti benzodiazepino-simili possono verificarsi le seguenti reazioni: reazioni paradosse, irrequietezza, agitazione, irritabilità, aggressività, delusione, collera, incubi, allucinazioni, psicosi, alterazione del comportamento. Tali reazioni possono essere abbastanza gravi. Sono più probabili nei bambini e negli anziani. Dipendenza: L’uso continuato di benzodiazepine (anche alle dosi terapeutiche) può portare allo sviluppo di dipendenza fisica: l’interruzione della terapia può causare fenomeni di rimbalzo o da astinenza soprattutto se somministrato a dosi elevate (vedere paragrafo 4.4), quindi l’interruzione del farmaco dovrebbe essere attuata riducendo gradualmente le dosi. Si può verificare dipendenza psichica. È stato segnalato abuso di benzodiazepine. Segnalazione delle reazioni avverse sospette. La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo https://www.aifa.gov.it/content/segnalazioni-reazioni-avverse.
7. Gravidanza e allattamento
L’uso di Estazolam non è raccomandato nelle donne in gravidanza o che intendano intraprendere una gravidanza. Non somministrare nel primo trimestre di gravidanza. Se il farmaco viene prescritto ad una donna di età fertile questa deve essere avvertita di contattare il medico per la sospensione del trattamento, nel caso intenda intraprendere una gravidanza o sospetti di essere incinta. Estazolam deve essere somministrato alle donne in gravidanza o alle donne che intendono intraprendere una gravidanza solo se si ritiene che il beneficio terapeutico atteso superi il possibile rischio. Se per assolute necessità mediche Estazolam viene somministrato durante l’ultima fase della gravidanza, o durante il travaglio a dosi elevate, si possono prevedere sul neonato effetti quali ipotermia, ipotonia e depressione respiratoria moderata, causati dall’azione farmacologica del farmaco. Inoltre, i bambini nati da madri che hanno assunto benzodiazepine in maniera cronica durante le ultime fasi della gravidanza possono aver sviluppato dipendenza fisica e avere qualche rischio di sviluppare sintomi da sospensione nel periodo post-natale. Poichè le benzodiazepine sono escrete nel latte materno, Estazolam non deve essere somministrato alle madri durante l’allattamento al seno.
8. Conservazione
Questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conservazione.
9. Principio attivo
ESILGAN 1 mg compresse. Una compressa contiene: Principio attivo: estazolam 1 mg. ESILGAN 2 mg compresse. Una compressa contiene: Principio attivo: estazolam 2 mg. Eccipiente con effetti noti: lattosio. Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.
10. Eccipienti
Lattosio, amido di mais, idrossipropilcellulosa, magnesio stearato.
11. Sovradosaggio
Sintomi Come con altre benzodiazepine una dose eccessiva non dovrebbe rappresentare un rischio per la vita, a meno che queste non siano state assunte in concomitanza ad altre sostanze deprimenti il sistema nervoso centrale (incluso l’alcool). Il sovradosaggio di benzodiazepine si manifesta principalmente per gradi di depressione del SNC e può andare dalla sonnolenza al coma. Nei casi lievi i sintomi includono sonnolenza, confusione mentale e letargia. Nei casi gravi, i sintomi possono includere atassia, ipotonia, ipotensione e depressione respiratoria, raramente coma e molto raramente morte. Trattamento Nel trattamento dell’iperdosaggio da qualsiasi specialità medicinale, è necessario tenere presente che potrebbero essere state assunte contemporaneamente più sostanze. In caso di sovradosaggio di benzodiazepine per uso orale dovrebbe essere indotto il vomito (entro un’ora) se il paziente è cosciente o intrapresa una lavanda gastrica, con protezione delle vie respiratorie se il paziente è in stato di incoscienza. Se lo svuotamento dello stomaco non dovesse portare alcun vantaggio, somministrare carbone attivo per ridurre l’assorbimento. Attenzione speciale dovrebbe essere prestata alle funzioni respiratorie e cardiovascolari nella terapia di urgenza. L’iperdosaggio di benzodiazepine si manifesta solitamente con vari gradi di depressione del sistema nervoso centrale che variano dall’obnubilamento al coma. Nei casi lievi i sintomi includono obnubilamento, confusione mentale e letargia. Nei casi più gravi i sintomi possono includere atassia, ipotonia, ipotensione, depressione respiratoria, raramente coma e molto raramente morte. Il flumazenil può essere utile come antidoto. Il flumazenil può stimolare convulsioni, specialmente nel paziente epilettico.
Le informazioni pubblicate in questa pagina riportano informazioni farmaceutiche (Foglietto Illustrativo e Caratteristiche principali del Farmaco), sono da intendersi a solo scopo illustrativo; non intendono e non devono sostituirsi alle opinioni del medico. Per informazioni complete e sempre aggiornate su questo farmaco si consiglia di consultare il portale dell'AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco).