Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Farmaci
  3. Minidiab 30cpr 5mg Pfizer Italia Srl

Minidiab 5 mg compresse 30 compresse

Ultimo aggiornamento: 10 febbraio, 2021
1. Indicazioni terapeutiche
Diabete mellito dell’adulto non controllabile con la sola dieta.
2. Posologia
La posologia va adattata al singolo paziente sulla base dei controlli periodici della glicosuria e della glicemia. In genere il compenso glicemico si ottiene con dosi giornaliere comprese tra 2,5 e 20 mg di Minidiab (½–4 compresse) frazionate in 2 o più somministrazioni immediatamente prima dei pasti principali. Pazienti trattati per la prima volta: iniziare con ½–1 compressa al dì, eventualmente aumentare la dose fino a compenso raggiunto. Pazienti già trattati con ipoglicemizzati orali: il dosaggio dipende dallo stato clinico–metabolico del paziente e dal trattamento precedente; anche in questo caso è consigliabile iniziare con bassi dosaggi aumentandoli gradatamente fino a compenso raggiunto. Procedere con cautela ed eventualmente lasciare trascorrere un opportuno periodo di tempo tra il termine del trattamento precedente e l’inizio del trattamento con Minidiab. Pazienti in trattamento insulinico: in alcuni casi Minidiab permette di ridurre il fabbisogno giornaliero di insulina, durante il primo periodo di trattamento è tuttavia necessario un frequente controllo dello stato glicemico del paziente.
3. Controindicazioni
Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Come le altre sulfaniluree Minidiab è controindicato: nel diabete insulino–dipendente, nel diabete chetoacidosico, nel coma e nel precoma diabetico, in caso di funzionalità renale o epatica gravemente compromesse, nell’insufficienza surrenalica. Nel diabete latente e negli stati prediabetici non è consigliabile l’uso delle sulfaniluree.
4. Avvertenze
L’uso delle sulfaniluree deve essere limitato ai pazienti con diabete mellito sintomatico insorto in età adulta, non chetogenico, non controllabile con la sola dieta e non suscettibile di trattamento insulinico. Il trattamento con sulfaniluree di pazienti con deficienza di G6PD può portare ad anemia emolitica. La glipizide deve essere pertanto utilizzata con cautela in tali pazienti e deve essere considerata un’alternativa terapeutica. Ipoglicemia: tutte le sulfaniluree, inclusa la glipizide, possono causare una grave ipoglicemia che può evolvere in coma e può richiedere il ricovero in ospedale. I pazienti che sono in una situazione di grave ipoglicemia devono essere trattati con opportuna terapia a base di glucosio e vanno monitorati da un minimo di 24 ore ad un massimo di 48 ore. L’insufficienza renale o epatica può influenzare la disponibilità della glipizide e può inoltre diminuire la capacità glucogenica; entrambi gli eventi aumentano il rischio di serie reazioni ipoglicemiche (vedere paragrafi 4.3 – Controindicazioni e 5.2 – Proprietà farmacocinetiche). Gli anziani, i soggetti debilitati o malnutriti ed i pazienti con insufficienza ipofisaria, sono particolarmente suscettibili all’azione ipoglicemica dei farmaci che abbassano il glucosio nel sangue. Può essere difficile riconoscere l’ipoglicemia negli anziani e nelle persone che assumono farmaci beta bloccanti. È più comune che l’ipoglicemia si presenti quando c’è un’insufficiente apporto calorico, dopo un importante e prolungato esercizio fisico, quando viene ingerito alcool o quando si assume più di un farmaco ipoglicemizzante. L’efficacia di qualsiasi farmaco ipoglicemizzante orale, inclusa la glipizide, nell’abbassare il glucosio nel sangue fino al livello desiderato, diminuisce in molti pazienti dopo un periodo di tempo. Ciò può essere dovuto alla progressione del diabete o ad una minore risposta al farmaco. Questo fenomeno è conosciuto come fallimento secondario, per distinguerlo dal fallimento primario in cui il farmaco è inefficace in un certo paziente quando somministrato per la prima volta. Test di laboratorio: il glucosio nel sangue deve essere periodicamente controllato. Dovrebbe essere effettuata la misurazione dell’emoglobina glicosilata e valutati gli obiettivi sulla base degli standard di cura correnti. Disturbi Renali ed Epatici: la farmacocinetica e/o la farmacodinamica della glipizide possono essere modificate nei pazienti con compromessa funzione renale o epatica. Se in questi pazienti si dovesse presentare ipoglicemia, questa potrebbe essere prolungata e dovrebbe essere iniziato un trattamento opportuno (vedere paragrafi 4.3 – Controindicazioni e 5.2 – Proprietà farmacocinetiche). Perdita di Controllo del Glucosio nel Sangue: in concomitanza di traumi, interventi chirurgici, malattie infettive e stati febbrili, può rendersi necessario instaurare temporaneamente una terapia insulinica. Informazioni per i Pazienti: il rischio di ipoglicemia, i suoi sintomi (cefalea, irritabilità, disturbi del sonno, tremore, forte sudorazione) ed il trattamento, e le condizioni che predispongono al suo sviluppo devono essere spiegati al paziente ed ai familiari. Deve inoltre essere spiegato il fallimento primario e secondario. Il medicinale contiene lattosio. I pazienti affetti da rari problemi ereditari di intolleranza al galattosio, da deficit di Lapp lattasi, o da malassorbimento di glucosio–galattosio, non devono assumere questo medicinale.
5. Interazioni
I seguenti prodotti tendono ad aumentare l’effetto ipoglicemico: Antifungini: Miconazolo – aumento dell’effetto ipoglicemico, possibile sviluppo di sintomi di ipoglicemia o anche coma. Fluconazolo – sono stati riportati casi di ipoglicemia in seguito all’assunzione della glipizide insieme al fluconazolo, risultato di un possibile aumento dell’emivita della glipizide. Voriconazolo – sebbene non sia studiato, il voriconazolo può aumentare i livelli plasmatici di sulfaniluree (es. tolbutamide, glipizide e gliburide) e può perciò causare ipoglicemia. Durante la somministrazione concomitante è raccomandato un attento monitoraggio del glucosio plasmatico. Farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) (es. fenilbutazone): aumento dell’effetto ipoglicemico delle sulfaniluree (distacco delle sulfaniluree legate alle proteine plasmatiche e/o diminuzione nell’eliminazione delle sulfaniluree). Salicilati: (acido acetilsalicilico): aumento dell’effetto ipoglicemico con alte dosi di acido acetilsalicilico (azione ipoglicemica dell’acido acetilsalicilico). Alcool: aumento dell’effetto ipoglicemico che può portare al coma ipoglicemico. Farmaci Beta–bloccanti: tutti i farmaci beta–bloccanti mascherano alcuni dei sintomi dell’ipoglicemia, es. palpitazioni e tachicardia. La maggior parte dei beta–bloccanti non cardio selettivi aumenta l’incidenza e la gravità dell’ipoglicemia. Inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina: l’uso di inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina può portare ad un aumento dell’effetto ipoglicemico nei pazienti diabetici trattati con sulfaniluree, inclusa la glipizide. Pertanto può essere necessaria una riduzione del dosaggio della glipizide. Antagonisti dei recettori H2 : l’uso degli antagonisti dei recettori H2 (es. cimetidina) può potenziare l’effetto ipoglicemico delle sulfaniluree, inclusa la glipizide. L’effetto ipoglicemico delle sulfaniluree può essere generalmente potenziato dagli inibitori delle monoaminossidasi e dai farmaci che sono fortemente legati alle proteine, come le sulfonamidi, il cloramfenicolo, il probenecid, i cumarinici (dicumarolo e suoi derivati), la ciclofosfamide e il feniramidolo. Quando questi farmaci sono somministrati a (o sospesi da) un paziente in terapia con glipizide, il paziente deve essere attentamente monitorato per il rischio di ipoglicemia (o perdita del controllo glicemico). I seguenti prodotti possono causare iperglicemia: Fenotiazine (es. clorpromazina) ad alti dosaggi (>100 mg al giorno di clorpromazina): aumento del glucosio nel sangue (riduzione del rilascio di insulina). Corticosteroidi: aumento del glucosio nel sangue. Simpaticomimetici (es. ritodrina, salbutamolo, terbutalina): aumento del glucosio nel sangue dovuto alla stimolazione dei recettori beta 2–adrenergici. Altri farmaci che possono causare iperglicemia e condurre ad una perdita del controllo, includono i tiazidici ed altri diuretici, gli ormoni tiroidei, gli estrogeni, i progestinici, i contraccettivi orali, la fenitoina, l’acido nicotinico, i farmaci che bloccano i canali del calcio, l’isoniazide e l’adrenalina. Quando tali farmaci sono sospesi da (o somministrati a) un paziente in terapia con glipizide, il paziente deve essere attentamente monitorato per il rischio di ipoglicemia (o perdita del controllo glicemico).
6. Effetti indesiderati
La maggioranza degli effetti indesiderati è correlata al dosaggio, è transitoria e risponde alla riduzione del dosaggio o alla sospensione della cura. Comunque, l’esperienza clinica fin qui ha dimostrato che, come con altre sulfaniluree, possono presentarsi alcuni effetti collaterali gravi associati ad ipersensibilità e sono stati riportati alcuni casi di morte. Le reazioni avverse riportate, che potrebbero essere associate a glipizide, sono indicate nella seguente tabella secondo la classificazione per sistemi e organi e la categoria di frequenza: molto comune (≥1/10), comune (≥1/100, <1/10), non comune (≥1/1000, <1/100), raro (≥1/10.000, <1/1000), molto raro (<1/10.000), non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili). Patologie del sistema emolinfopoietico: Non nota: agranulocitosi, leucopenia, trombocitopenia, anemia emolitica e pancitopenia. Disturbi del metabolismo e della nutrizione: Comune: ipoglicemia (vedere paragrafi 4.4 e 4.9). Non nota: è stata riportata iponatremia. Disturbi Psichiatrici: Non nota: confusione*. Patologie del sistema nervoso: Non comune: vertigini*, sonnolenza* e tremore* Non nota: cefalea*. Patologie dell’occhio: Non comune: disturbi visivi, quali vista offuscata*, Non nota: in pazienti trattati con glipizide sono stati riportati diplopia* e anomalie della vista* inclusa compromissione* e acuità visiva ridotta. Patologie gastrointestinali: Comune: nausea§, diarrea§, dolore addominale superiore§, dolore addominale Non comune: vomito Non nota: costipazione§. § Questi effetti sembrano essere correlati al dosaggio e generalmente scompaiono quando il dosaggio viene suddiviso o ridotto. Patologie epatobiliari: Non comune: ittero colestatico† Non nota: compromissione della funzionalità epatica ed epatite. † Sospendere il trattamento se si presenta ittero colestatico. Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo: Non comune: eczema‡ Non nota: dermatite allergica‡, eritema‡, reazioni morbilliformi‡ o maculopapulari‡, orticaria‡, prurito‡, reazioni di fotosensibilità. ‡ Questi effetti regrediscono spesso con il proseguimento della terapia. Comunque, se dovessero persistere, il farmaco deve essere sospeso. Patologie congenite, familiari e genetiche: Non nota: porfiria non acuta Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede somministrazione: Non nota: malessere generale*. Esami diagnostici: Non nota: aspartato amminotrasferasi aumentata||, latticodeidrogenasi ematica aumentata||, fosfatasi alcalina ematica aumentata||, urea ematica aumentata||, creatinina ematica aumentata|| || La correlazione di queste alterazioni con la glipizide Non è certa, queste raramente sono state associate a sintomi clinici. *Questi effetti sono generalmente transitori e non richiedono interruzione della terapia; inoltre possono essere sintomi di ipoglicemia. Con altre sulfaniluree sono state riportate anemia aplastica e reazioni simili al disulfiram. Segnalazione delle reazioni avverse sospette La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.
7. Gravidanza e allattamento
Gravidanza Negli studi sui ratti, la glipizide è risultata essere leggermente fetotossica. Nessun effetto teratogenico è stato rilevato negli studi sui topi e sui conigli. Si sconsiglia la somministrazione della glipizide durante la gravidanza. Allattamento Nell’allattamento il farmaco deve essere prescritto solo in caso di effettiva necessità e sotto il diretto controllo del medico. Sebbene non sia noto se la glipizide venga escreta nel latte materno, alcune sulfaniluree sono note per essere escrete nel latte materno. Poiché l’ipoglicemia può potenzialmente verificarsi nei neonati, è necessario decidere se smettere di allattare o sospendere il farmaco, tenendo presente l’importanza del farmaco per la madre. Se il farmaco viene sospeso e la sola dieta non è sufficiente a controllare il glucosio nel sangue, deve essere presa in considerazione una terapia a base di insulina.
8. Conservazione
Questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conservazione.
9. Principio attivo
Ogni compressa divisibile contiene: glipizide 5 mg. Eccipiente con effetti noti: lattosio. Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.
10. Eccipienti
Cellulosa microcristallina; amido; acido stearico; lattosio.
11. Sovradosaggio
Sono disponibili dati limitati sul sovradosaggio. Il sovradosaggio con le sulfaniluree, compresa la glipizide, può produrre ipoglicemia. Moderati sintomi ipogligemici senza perdita di coscienza o disturbi neurologici devono essere prontamente trattati mediante la somministrazione di glucosio per os e l’aggiustamento del dosaggio e/o della dieta. Serie reazioni ipoglicemiche con coma, convulsioni o altre alterazioni neurologiche si presentano di rado ma costituiscono emergenza medica che richiede immediato ricovero in ospedale. Se si diagnostica o si sospetta il coma ipoglicemico, al paziente deve essere fatta una rapida iniezione endovenosa con una soluzione concentrata di glucosio (50%). Questa deve essere seguita da un’infusione continua di una soluzione più diluita di glucosio (10%) ad una velocità tale da mantenere il livello di glucosio nel sangue sopra i 100 mg/dl (5,55 mmol/l). I pazienti devono essere controllati attentamente per un minimo di 24 ore, fino a 48 ore e, sulla base dello stato del paziente dopo tale periodo di tempo il medico deciderà se sia necessario un ulteriore controllo. La clearance della glipizide dal plasma può essere prolungata nelle persone con malattie epatiche. La dialisi non fornisce benefici a causa dell’elevato legame della glipizide con le proteine.
Le informazioni pubblicate in questa pagina riportano informazioni farmaceutiche (Foglietto Illustrativo e Caratteristiche principali del Farmaco), sono da intendersi a solo scopo illustrativo; non intendono e non devono sostituirsi alle opinioni del medico. Per informazioni complete e sempre aggiornate su questo farmaco si consiglia di consultare il portale dell'AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco).