Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Allarme Influenza In Puglia

Allarme influenza in Puglia: gravi molti pazienti

Alessandra Lucivero | Editorial Manager a Pazienti.it

Ultimo aggiornamento – 29 Gennaio, 2015

Allarme influenza in Puglia: gravi molti pazienti

L’influenza stagionale sembra aver raggiunto il suo picco in Puglia, regione tra le più colpite in Italia. Ma i dati di queste ultime ore sono più preoccupanti del solito. Tre pazienti, rispettivamente di 77, 76 e 62 anni sono morti a seguito di complicazioni derivate dal virus influenzale; ma non solo. Secondo l’Osservatorio epidemiologico regionale, altri 25 pazienti sono stati ricoverati nei reparti di rianimazione.

Quanti i pazienti colpiti in Puglia?

Il report regionale parla di 120mila persone colpite dall’inizio della stagione influenzale e, attualmente, circa 36mila pazienti ancora a letto. L’elemento che accomuna i casi più gravi è, certamente, la mancata vaccinazione anti-influenzale.

Dopo lo scoppio delle polemiche legate alla sicurezza del vaccino per prevenire i malanni di stagione, centinaia di pazienti hanno deciso di non vaccinarsi, esponendosi al rischio di complicanze.

Vaccino sì, vaccino no: queste le conseguenze

Come già sostenuto a piena voce dal Ministero della Salute, il vaccino avrebbe dovuto riguardare soprattutto le donne nel 2° e 3° trimestre di gravidanza, i soggetti a rischio di complicanze per patologie, i soggetti di età pari o superiore ai 65 anni, gli operatori sanitari che hanno contatto diretto con i pazienti e ad altri soggetti a rischio.

Purtroppo, la copertura non è stata ottimale e, come afferma Claudio Cricelli, presidente della Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (Simg), “la clamorosa catena di equivoci ed errori, che aveva attribuito al vaccino la responsabilità di alcuni decessi, ha provocato complicanze anche gravi e sicuramente decessi evitabili. Il danno provocato alla sanità pubblica è incalcolabile“.

Cosa fare per affrontare al meglio l’influenza?

L’influenza costringe a letto il paziente per almeno 5 giorni. In questo periodo di tempo, è bene che si rimanga a riposo a casa, anche per evitare di trasmettere il virus ad altre persone vicine. Importante è anche contattare il proprio medico di fiducia che, valutando il caso, saprà indicare la strada terapeutica più adatta.

Mostra commenti
Melanoma: il caffè potrebbe proteggerci
Melanoma: il caffè potrebbe proteggerci
Camminare 20 minuti al giorno allunga la vita
Camminare 20 minuti al giorno allunga la vita
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Tumore alla prostata: rischio più alto per chi soffre di patologie intestinali?
Tumore alla prostata: rischio più alto per chi soffre di patologie intestinali?
Omocisteina alta: quando il nostro cuore è a rischio
Omocisteina alta: quando il nostro cuore è a rischio
Agoaspirato del seno: cosa permette di scoprire?
Agoaspirato del seno: cosa permette di scoprire?
Quando dovremmo sottoporci a un elettrocardiogramma (e come leggerlo)
Quando dovremmo sottoporci a un elettrocardiogramma (e come leggerlo)