Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Alleniamola

Alleniamola!

Alessandra Lucivero | Editorial Manager a Pazienti.it

Ultimo aggiornamento – 15 Giugno, 2012

Avevamo già illustrato i numerosi benefici del fare con costanza gli esercizi di Kegel, inventati dall’omonimo professore per tonificare i muscoli del pavimento pelvico (cioè, della vagina) al fine di risolvere, in primis, i problemi di incontinenza urinaria femminile e, più allegramente, per aumentare il piacere femminile di lei (anche di lui, di riflesso).

Ecco un interessante update: si può velocizzare l’allenamento e toccare con mano i risultati attrezzando una vera e propria mini palestra.
I risultati sono garantiti, puntualizzando che l’allenamento è indispensabile non solo se si hanno problemi di incontinenza urinaria, se si è in procinto di partorire (nel qual caso, viassicuro, DOVRETE attrezzarvi) o se si è in menopausa, ma semplicemente perché si è donne: esattamente come tutti gli altri muscoli, se non allenati, anche quelli pelvici perdono tono, con risultati molto meno visibili ma molto più imbarazzanti.
Per facilitare l’individuazione dei muscoletti in questione – primo vero e grande scoglio, incredibilmente – e verificare i risultati in tempo reale vengono in soccorso degli attrezzi adhoc.
Il primo e più diffuso strumento, come in una qualsiasi palestra che si rispetti, è il Bilanciere di Kegel: un vero e proprio mini manubrio di acciaio, del peso di circa mezzo chilo e confinali “rigonfiati” – a forma di osso, per intenderci – che dovrete inserire da un’estremità,stringere e trattenere, costi quel che costi.
Molto meno spaventosi da vedere sono i simpatici coni vaginali di Plevnik: proiettilini di materiale plastico, di circa due cm di diametro e 4 di lunghezza, con un filo all’estremità pernon perderli, di diverso peso, crescente da 20 a 100 grammi: va inserito all’inizio il peso più leggero, e trattenuto per 15 minuti un paio di volte al giorno (nel frattempo si può pulire casa, camminare… ); mano a mano che la muscolatura si irrobustisce, si utilizza giorno dopo giorno il peso successivamente più pesante, fino al massimo. Quando tratterrete per 15 minuti il peso di 100 grammi senza fatica, sarete una forza della natura.
Meno invasiva è la molla KegelPro, la quale è una miniatura del diffuso attrezzo per allenarei muscoli adduttori: una specie di schiaccianoci a molla che si appoggia tra i due inguini e sistringe con la forza dei muscoletti della zona, senza intrusioni ma meno efficace.
I miglioramenti in termini di salute sono dimostrati da diverse ed autorevoli pubblicazioni scientifiche, mentre i miglioramenti in termini di divertimento sono facilmente verificabili interrogando il partner dopo appena un mese di mini palestra: attendiamo entusiastici feedback.

Mostra commenti
I mille usi dell’amido di riso
I mille usi dell’amido di riso
Alloggio, ma non vitto
Alloggio, ma non vitto
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Cosa mangiare (e cosa no) quando si ha il mal di gola
Cosa mangiare (e cosa no) quando si ha il mal di gola
Come leggere (e quando fare) l’esame delle urine
Come leggere (e quando fare) l’esame delle urine
Uva, utile per la salute delle ossa (e non solo)
Uva, utile per la salute delle ossa (e non solo)
Pelle secca in menopausa? Qualcosa si può fare per evitarla
Pelle secca in menopausa? Qualcosa si può fare per evitarla