Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Ansia: 5 modi per combatterla

Ansia: 5 modi per combatterla

Ultimo aggiornamento – 27 Aprile, 2015

Provate terrore all’idea di partecipare ad attività di gruppo con persone che non conoscete? Fate ricerche infinite per iniziare un nuovo progetto e poi non siete capaci di passare all’azione? Avete paura di confrontarvi e pensate troppo nelle difficoltà?

Se vi riconoscete in una di queste descrizioni, forse il vostro problema è l’ansia, che vi toglie la fiducia in voi stessi e vi paralizza.

Ecco 5 strategie per combatterla e aiutarvi a fare i primo passo

  1. Non aspettate che la vostra ansia passi da sola. L’ansia è collegata al temperamento di una persona, non scomparirà all’improvviso. Anche se al nostro cervello non piace cambiare, bisogna avere chiari i propri obiettivi e cercare di assumere un atteggiamento attivo e meno spaventato dall’incertezza. Con il tempo, si impara a vedere se stessi come qualcuno capace di agire e ci si sente efficaci.
  2. Fissare un obiettivo realistico. Non tutti abbiamo le stesse capacità, ambizioni o talento. C’è chi è particolarmente socievole e in grado di avere centinaia di amici, chi è un grande sportivo o chi è per magro per natura. Chiedetevi cosa vi piace o cosa volete fare veramente, non cosa è socialmente riconosciuto. Datevi obiettivi realizzabili e specifici, come camminare 20 minuti tre volte alla settimana.
  3. Fiducia nel cammino. Non sempre la fiducia ci accompagna prima di iniziare un percorso. Spesso nasce e cresce durante il percorso stesso. Come quando si scrive. A volte non si sa esattamente quello che si vuole dire, ma il contenuto a poco a poco emergerà e le idee saranno più chiare. Così, iniziare un progetto, compiere i primi passi migliorerà l’autostima e la fiducia.
  4. Limitare le catastrofi. Chi è ansioso tende a concentrarsi su quello che potrebbe andare storto o le conseguenze di un risultato negativo. Si perdono di vista le probabilità di successo, si sopravvalutano i rischi e si è più facilmente portati al rimpianto.
  5. Siate il vostro primo sostenitore, non critico. Non siate troppo severi con voi stessi ogni volta che raggiungete un risultato negativo. Molte cose nella vita dipendono dal caso e contengono elementi d’incertezza. Se qualcosa va storto, non significa per forza aver fatto qualcosa di sbagliato. Il cervello dell’ansioso pensa in negativo sia per tranquillizzarsi sia per trovare una giustificazione a non agire più.

Essere costruttivi

Liberarsi dall’ansia è probabilmente impossibile, ma si può scegliere di essere costruttivi, positivi e darsi nuove possibilità. Piccoli progetti e piccoli passi ci daranno maggiore fiducia in noi stessi.

Mostra commenti
Denti e ossa nel cervello di una ragazza
Denti e ossa nel cervello di una ragazza
Scoperta una proteina che causa il diabete
Scoperta una proteina che causa il diabete
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
AMICI Onlus lancia il videoconsulto con Pazienti.it per garantire sostegno ai pazienti con Malattie Infiammatorie Croniche dell’Intestino
AMICI Onlus lancia il videoconsulto con Pazienti.it per garantire sostegno ai pazienti con Malattie Infiammatorie Croniche dell’Intestino
Sinusite addio, con i rimedi omeopatici
Sinusite addio, con i rimedi omeopatici
Ashwagandha per combattere lo stress
Ashwagandha per combattere lo stress
Salvavita anziani: come funzionano e come scegliere quello giusto?
Salvavita anziani: come funzionano e come scegliere quello giusto?