Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Come migliorare i sintomi dell’artrite reumatoide

Come migliorare i sintomi dell’artrite reumatoide

Ultimo aggiornamento – 05 marzo, 2020

Stimolazione del Nervo vago
Indice

La stimolazione elettronica di un nervo in esecuzione dal cervello può contribuire ad alleviare i sintomi dell’artrite reumatoide, come una ricerca preliminare suggerisce.

Lo studio, eseguito su 17 adulti che hanno sviluppato la malattia autoimmune, ha testato gli effetti della stimolazione del nervo vago, una tecnica a lungo utilizzata per controllare le convulsioni in alcune persone con epilessia.

Si è riscontrato in più di sei settimane che la maggior parte dei pazienti ha mostrato alcuni miglioramenti nel gonfiore e in altri sintomi.

Un reumatologo ha definito questo approccio di trattamento “intrigante”.

Questa scoperta, ancora, non può essere definita una “manna dal cielo”, ma potenzialmente è una valida alternativa alle teorie già note sull’artrite reumatoide“, come ha detto il dottor David Borenstein, un reumatologo presso la George Washington University Medical Center di Washington.

I benefici della stimolazione del nervo vago

La stimolazione del nervo vago, o VNS, avviene tramite un dispositivo che viene impiantato chirurgicamente sotto la pelle del petto, con un filo che lo collega a uno dei nervi del collo. L’impianto è programmato per inviare periodicamente impulsi elettrici al nervo.

Il laboratorio di ricerca ha suggerito che la strategia potrebbe essere utile per combattere l’artrite reumatoide, come ha detto il dottor Kevin Tracey, uno dei ricercatori del nuovo studio. L’artrite reumatoide insorge quando il sistema immunitario erroneamente attacca e infiamma il rivestimento delle articolazioni in tutto il corpo, causando dolore, gonfiore e rigidità. Nel corso del tempo, l’infiammazione può causare danni irreversibili alle articolazioni.

I nervi vaghi passano attraverso il collo e il petto per arrivare nell’addome, interessando molti processi differenti nel corpo.

La ricerca sugli animali ha dimostrato che la stimolazione del nervo vago può abbassare i livelli delle sostanze infiammatorie prodotte dal sistema immunitario, tra cui il fattore di necrosi tumorale (TNF) e l’interleuchina-6.

In sostanza, ha spiegato Tracey, il nervo funge da “meccanismo di protezione naturale” contro i prodotti chimici infiammatori. In questo modo, agisce in modo simile a molti farmaci standard utilizzati per l’artrite reumatoide, ha detto Tracey, che è il presidente dell’Istituto Feinstein per la ricerca medica, a Manhasset, New York.

Quei farmaci, conosciuti come “biologici”, comprendono Enbrel (Etanercept), Humira (adalimumab) e Remicade (Infliximab). In alcune persone, Tracey ha detto, i farmaci agiscono “miracolosamente”.

Ma per molti pazienti, non sono abbastanza“, ha aggiunto. “E alcune persone preferiscono un’alternativa valida, dato che questi sono molto costosi ed hanno diversi effetti collaterali“.

Lo studio

Per il suo studio, la squadra di Tracey ha impiantato un dispositivo VNS in 17 pazienti con artrite reumatoide. Sette erano nelle prime fasi della malattia e non avevano avuto risposta con un farmaco anti-infiammatorio, chiamato metotrexato standard. Il resto era già alla fase avanzata della malattia e non era riuscito a migliorare dopo aver provato almeno due farmaci biologici.

Sei settimane dopo aver impiantato i dispositivi VNS, la maggior parte dei pazienti stava già meglio.

Circa il 70 % dei pazienti ha avuto un miglioramento del 20% sui sintomi, come la riduzione gonfiore delle articolazioni. Nel gruppo con artrite reumatoide precoce, il 57 % ha avuto un miglioramento del 50%.

Non c’era nessun “gruppo di controllo” per confrontare i pazienti, Borenstein ha sottolineato. Ma, ha detto, “i miglioramenti dei sintomi erano paragonabili a ciò che viene tipicamente rilevato con i farmaci biologici“.

Secondo Tracey, non ci sono stati effetti collaterali importanti: alcuni pazienti hanno sviluppato raucedine, che è un problema noto con l’utilizzo dei dispositivi VNS. Ci sono ancora un sacco di domande lasciate aperte però.

I risultati della stimolazione del nervo vago

Non è chiaro per quanto tempo i benefici possano continuare ad essere attivi, o quali effetti collaterali possano insorgere nel lungo periodo. Tracey ha detto che, poiché la terapia abbassa il TNF nel sangue, in teoria potrebbe avere gli stessi effetti collaterali dei farmaci biologici, come ad esempio un aumento del rischio di infezioni.

Non potremo sapere tutti gli effetti collaterali fino a quando non avremo effettuato dei test“, ha detto.

Ma, ha aggiunto Tracey, il VNS è stato usato per anni per l’epilessia e si è dimostrato essere molto sicuro per i pazienti. Borenstein ha convenuto che saranno necessari ulteriori studi per vedere come la stimolazione del nervo vago possa inserirsi nel trattamento dell’artrite reumatoide.

Egli ha anche proposto di testare altri metodi di stimolazione del nervo vago, tra cui le tecniche di respirazione semplici.

Esiste un approccio che possa essere utilizzato come terapia complementare, insieme ai farmaci?“, ha detto Borenstein.

SetPoint Medical, una società che sta sviluppando terapie di “neuromodulazione” per l’artrite reumatoide e altre malattie, ha finanziato lo studio. Tracey è un consulente di questa azienda e molti dei ricercatori che hanno partecipato allo studio lavorano qui.

Mostra commenti
Come si invecchia (inesorabilmente)
Come si invecchia (inesorabilmente)
Monito dall’Ordine dei Medici: “I dottori che sconsiglieranno i vaccini saranno radiati!”
Monito dall’Ordine dei Medici: “I dottori che sconsiglieranno i vaccini saranno radiati!”
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Come l’appetito ostacola la dieta
Come l’appetito ostacola la dieta
Gli effetti dell’obesità sulla salute
Gli effetti dell’obesità sulla salute
Bisogna essere intelligenti per essere pigri
Bisogna essere intelligenti per essere pigri
Le 10 innovazioni mediche che cambieranno in meglio la salute
Le 10 innovazioni mediche che cambieranno in meglio la salute