Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Correre Nel Freddo Tempra

Correre nel freddo, tempra!

Ezia Campise | Blogger

Ultimo aggiornamento – 21 Novembre, 2012

Correre all’aria aperta è certamente una delle routine sportive più appaganti e più ricche di benefici.
Lo sanno bene i 30mila italiani che corrono almeno una maratona l’anno.

E se per prepararsi bene è necessario un duro allenamento in qualsiasi condizione atmosferica, è anche vero che i professionisti utilizzano abitualmente qualche accorgimento, soprattutto durante l’inverno.

Per la scelta dei capi d’abbigliamento è bandito il cotone, che assorbe il sudore, ha una bassa aderenza al corpo e si raffredda molto in fretta.
È bene attrezzarsi al meglio con vestiti di materiale sintetico, preferibilmente indossati a strati, così da poter svestirsi gradualmente una volta che il fisico ha raggiunto una temperatura abbastanza alta.

Non dimenticare di proteggere le estremità, mani, piedi e testa dal freddo: sono le parti più sensibili agli sbalzi di temperatura.
Una volta finita la corsa, il sudore tenderà a far abbassare di colpo la temperatura corporea. Il consiglio è di mantenersi quindi al caldo nei minuti immediatamente successivi alla fine del percorso, coprendosi bene per evitare di cadere in spiacevoli malanni.

Mostra commenti
A rischio fuga dall’Italia la scienziata che isolò il virus dell’aviaria
A rischio fuga dall’Italia la scienziata che isolò il virus dell’aviaria
Fumi? I postumi della sbornia saranno peggiori
Fumi? I postumi della sbornia saranno peggiori
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Tumore alla prostata: rischio più alto per chi soffre di patologie intestinali?
Tumore alla prostata: rischio più alto per chi soffre di patologie intestinali?
Omocisteina alta: quando il nostro cuore è a rischio
Omocisteina alta: quando il nostro cuore è a rischio
Agoaspirato del seno: cosa permette di scoprire?
Agoaspirato del seno: cosa permette di scoprire?
Quando dovremmo sottoporci a un elettrocardiogramma (e come leggerlo)
Quando dovremmo sottoporci a un elettrocardiogramma (e come leggerlo)