Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Cosa mangiare in smart working? Te lo dice un podcast

Cosa mangiare in smart working? Te lo dice un podcast

Ultimo aggiornamento – 12 ottobre, 2020

Lavorare in modalità smart, soprattutto durante il periodo di lockdown, ha portato molti lavoratori e molte lavoratrici a riflettere sulle buone abitudini alimentari. Ci si è resi conto, infatti, di doverle modificare del tutto o, magari soltanto perfezionare.

Questa puntata di Serotonina, il nostro podcast di salute, è perciò dedicata all'alimentazione in regime di smart working, argomento che abbiamo approfondito insieme al dietologo e nostro collaboratore Francesco Tata, che ha risposto a delle domande mirate sull'argomento.

Nei primi mesi della quarantena nazionale, per il 44% degli italiani si è registrato infatti un aumento del consumo di dolci e alcol (lo rivela, infatti, un'indagine OERSA e CREA) correlato anche a un aumento di peso, per via di un apporto calorico maggiore del solito e per una drastica riduzione di attività fisica.

La sedentarietà era ed è un problema sentito anche per chi lavorava e lavora in ufficio, ma in regime agile spesso si aggiungono una consistente riduzione del movimento (e dunque un rallentamento del metabolismo) e una sovralimentazione (o comunque un’alimentazione disattenta o di scarsa qualità). 

L’importanza di una dieta sana, oltre a prevenire le complicazioni derivanti da aumenti di peso, è necessaria soprattutto per raggiungere e mantenere uno stato di benessere psicofisico. E lavorare da casa dovrebbe portare a migliorare la qualità della vita del lavoratore e, di riflesso, anche la sua salute, non peggiorarla. Facciamo quindi un ripasso delle sane abitudini alimentari: quali sono le regole per una alimentazione equilibrata in smart working

Dieta in smart working: fai così

Una alimentazione bilanciata prevede, per esempio, di fare attenzione alla qualità dei cibi ingeriti e non soltanto alla quantità, e anche riuscire a distribuirli in maniera equilibrata, sia in base all'appartenenza a un gruppo alimentare, sia in base al quantitativo calorico rapportato al momento del suo consumo (colazione, pranzo, cena e spuntini).

Soprattutto l'alimentazione dovrebbe avere come obiettivo il nutrimento, e ciò comporta limitare o eliminare cibi o bevande a basso contenuto nutritivo, spesso dal sapore eccessivamente zuccherino o salino, privilegiando invece cibi densi di elementi nutritivi. Cosa non deve mancare in una colazione sana? Quali sono i consigli pratici e veloci per il pranzo? Sono alcune delle domande che abbiamo rivolto al dottor Tata in questa nuovo episodio di Serotonina.

E infine, non soltanto cosa ma come si mangia. Cucinare a casa i propri pasti ha dei benefici? Sembra di sì: l’alimentazione, infatti, non consiste soltanto nel rifornirsi di proprietà nutrizionali, ma rappresenta anche un momento di relazione e aggregazione di ritualità, un'esperienza ben distinta dal lavoro e indispensabile per non perdere uno degli aspetti più piacevoli dell'alimentazione: il piacere e il gusto. Vuoi saperne di più? Non ti resta che ascoltare la puntata.

Ascolta "2x03 − Alimentazione e smart working" su Spreaker.

* * *

Serotonina è il nostro podcast di salute, che mette al centro la persona e il suo benessere psicofisico. Siamo su Spotify, Apple Podcast e Google Podcast: abbonati per non perdere gli aggiornamenti.

Mostra commenti
Come riconoscere e prevenire un attacco d’asma nei bambini (e cosa fare nell’immediato)
Come riconoscere e prevenire un attacco d’asma nei bambini (e cosa fare nell’immediato)
Tumore al seno: la parola alle pazienti
Tumore al seno: la parola alle pazienti
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Cosa mangiare per sciogliere il grasso accumulato nel fegato
Cosa mangiare per sciogliere il grasso accumulato nel fegato
Danni ai nervi? 7 segni potrebbero farci pensare di sì
Danni ai nervi? 7 segni potrebbero farci pensare di sì
Le cause del mal di testa
Le cause del mal di testa
Francesco: il primo ragazzo autistico a laurearsi alla Luiss
Francesco: il primo ragazzo autistico a laurearsi alla Luiss