Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. La crioterapia per eliminare la cellulite

La crioterapia per eliminare la cellulite

Ultimo aggiornamento – 14 aprile, 2020

cellulite e crioterapia
Indice

La cellulite è un problema dovuto all’aumento abnorme di cellule adipose (cellule di grasso) in alcune zone del corpo. Le zone in cui si forma la cellulite si presentano poco vascolarizzate e con pelle a buccia d’arancia. La cellulite è uno degli inestetismi più odiati dalle donne, che farebbero di tutto per eliminarla da glutei, cosce e ventre.

Eliminare il sale per ridurre la ritenzione idrica, fanghi, massaggi e addirittura chirurgia, sono alcuni dei rimedi messi in pratica per eradicare questo inestetismo, ma oggi sembra farsi strada un’altra soluzione, la crioterapia.

Che cos’è la crioterapia?

La crioterapia è un metodo alternativo alle medicine convenzionali, utilizzato per la riduzione dell’infiammazione attraverso il freddo, che favorisce la liberazione di due neurotrasmettitori, l’acetilcolina e la noradrenalina. Questi due neurotrasmettitori inibiscono i centri dell’infiammazione, bloccando anche il dolore. Inoltre, il freddo provoca la vasocostrizione, bloccando reazioni enzimatiche che distruggono i tessuti.

La procedura prevede che il corpo sia sottoposto a temperature molto basse, che innescano meccanismi di difesa utili alla circolazione sanguigna, al sistema endocrino, al sistema immunitario e al sistema nervoso centrale. La crioterapia attiva, dunque, proprietà antinfiammatorie, analgesiche, antidolorifiche e antidepressive.

Come si svolge la crioterapia?

Sotto supervisione medica e in strutture autorizzate va eseguita la criocamera a due stanze. Il paziente, che indossa materiale monouso (slip, reggiseno, mascherina e cuffia), entra in una pre-camera in cui la temperatura è di -60°C. Dopo circa trenta secondi viene fatto spostare nella camera vera e propria, dove la temperatura si abbassa fino a -130°C. La durata dell’intero percorso è di tre minuti.

A permettere temperature così basse è l’azoto liquido, contenuto in un serbatoio a -196°C. Dentro la camera, l’aria è secca e senza umidità per evitare l’ustione da contatto che l’acqua ghiacciata provocherebbe.

Per quali condizioni può essere consigliata la crioterapia?

Dal punto di vista clinico, la crioterapia riduce dolore e infiammazione, migliorando la qualità della vita dei pazienti che si sottopongono a essa. La crioterapia è consigliata per:

  • Dolore articolare
  • Artrosi della colonna vertebrale
  • Rigidità muscolare
  • Patologie infiammatorie
  • Traumi
  • Sovraccarico muscolare e tendineo
  • Patologie autoimmuni come fibromialgia, sclerosi multipla, psoriasi e artropatia psoriasica

Si possono eliminare gli inestetismi con la crioterapia?

Bastano tre minuti a seduta per ottenere gli effetti benefici previsti. Sebbene per star meglio saremmo disposti a tutto, tre minuti al gelo, sembrano essere una prova di resistenza per la quale bisogna essere preparati anche psicologicamente.

Tuttavia, oggi la crioterapia appare un sistema efficace non solo a stare meglio, ma anche a sembrare più belle.

Oltre a diminuire il dolore, la terapia del freddo, tonifica, produce collagene, brucia la cellulite, smaltisce l’acido lattico e stimola il metabolismo.

Come agisce la crioterapia contro la cellulite?

Le cellule adipose sono altamente sensibili alle basse temperature e sono, quindi, facile bersaglio della crioterapia.

«All’inizio c’era la crioterapia con azoto liquido, per eliminare verruche e altre piccole anomalie. Poi la tecnologia del freddo si è evoluta. E oggi è sempre più usata contro gli inestetismi», ha spiegato il dr. Emanuele Bartoletti, direttore del servizio di Medicina estetica dell’Ospedale Fatebenefratelli – Isola Tiberina di Roma.

«Primo bersaglio le cellule adipose, molto sensibili alle basse temperature, al contrario di pelle, vasi, nervi, muscoli. Attraverso tecniche come crioelettroforesi e criolipolisi è già possibile “snellire” zone critiche quali pancia e fianchi, provocando il congelamento degli adipociti e quindi la loro eliminazione. Ora con la crioneuromodulazione – sì, il frotox – è la volta delle rughe. Ma durata e sicurezza vanno accertate: la tecnica è ancora sperimentale».

Gli effetti benefici della crioterapia

Gli effetti clinici della crioterapia sistemica comprendono nel dettaglio:

  • effetto antidolorifico – antinfiammatorio a livello muscolare e scheletrico
  • effetto anti-edemigeno
  • effetto miorilassante
  • incremento della forza muscolare
  • potenziamento delle difese immunitarie
  • effetto antiossidante utile alla prevenzione e cura dell’osteoporosi e al rallentamento dei processi di invecchiamento
  • miglioramento dell’umore e del benessere psicofisico

Ci sono controindicazioni?

La crioterapia è un trattamento sicuro, un potentissimo antinfiammatorio privo di effetti collaterali, tuttavia, in maniera precauzionale viene sconsigliata in caso di:

*Contenuto di informazione pubblicitaria.

Mostra commenti
Far mangiare verdura ai bambini? Ecco come fare
Far mangiare verdura ai bambini? Ecco come fare
Aspettative di vita migliori per chi soffre di trisomia
Aspettative di vita migliori per chi soffre di trisomia
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Dolori vari: quando applicare il caldo e quando il freddo?
Dolori vari: quando applicare il caldo e quando il freddo?
Insieme a “FraParentesi” per offrire supporto a chi vive con un tumore
Insieme a “FraParentesi” per offrire supporto a chi vive con un tumore
Rimedi naturali per le unghie incarnite
Rimedi naturali per le unghie incarnite
Individuati i geni che causano la spina bifida
Individuati i geni che causano la spina bifida