Sei un professionista sanitario? Iscriviti
Medicina Termale Ortognatodonzia Agopuntura Allergologia Anatomia ed istologia patologica Andrologia Anestesia Angiologia Audiologia Auxologia Biochimica clinica Cardiochirurgia Cardiochirurgia pediatrica Cardiologia Check-up Chinesiologia Chiropratica Chirurgia ambulatoriale Chirurgia d'urgenza Chirurgia del piede Chirurgia dell'apparato digestivo Chirurgia dell'obesità Chirurgia della mano Chirurgia della spalla Chirurgia endoscopica Chirurgia epato biliare Chirurgia generale Chirurgia laparoscopica Chirurgia maxillo facciale Chirurgia mininvasiva Chirurgia oncologica Chirurgia orale Chirurgia pediatrica Chirurgia plastica Chirurgia refrattiva Chirurgia senologica Chirurgia toracica Chirurgia toracico-vascolare Chirurgia vascolare Consulente Olistico Consulente Professionale in Allattamento Materno Counseling Criminologia Cure termali Day hospital Day surgery Dermatologia Dermosifilopatia Detenuti Diabetologia Diagnostica per immagini Dietologia Educatore Professionale Ematologia Emodialisi Emodinamica e chirurgia endoluminale Endocrinologia Endodonzia Endoscopia Epatologia Farmacia Farmacologia clinica Fisiatria Fisiokinesiterapia Fisiopatologia della riproduzione Fisioterapia Flebologia Foniatria Gastroenterologia Genetica Geriatria Ginecologia Gnatologia Grafologia Grandi ustioni Grandi ustioni pediatriche Hospice Igiene dentale Igiene e medicina preventiva Immunologia Implantologia Infermieristica Iridologia Laboratorio analisi Logopedia Lungodegenti Malattie infettive e tropicali Medicazioni Medicina complementare Medicina del dolore Medicina del lavoro Medicina dello sport Medicina di comunità Medicina estetica Medicina fisica e riabilitativa Medicina generale Medicina interna Medicina iperbarica Medicina legale Medicina metabolica Medicina molecolare Medicina nucleare Medicina psicosomatica Medicina subacquea Medicina tropicale Microbiologia e virologia Microchirurgia Musicoterapia Naturopatia Nefrologia Nefrologia (abilitaz. al trapianto) Nefrologia pediatrica Neonatologia Neuro-riabilitazione Neurochirurgia Neurochirurgia pediatrica Neurofisiopatologia Neurologia Neuropsichiatria Neuropsichiatria infantile Neuropsicologia Neuropsicomotricità Nido Nutrizione Nutrizione e dietistica Nutrizione Olistica Oculistica Odontoiatria conservativa Odontoiatria e stomatologia Odontostomatologia Omeopatia Omotossicologia Oncoematologia Oncoematologia pediatrica Oncologia Optometria Ortodonzia Ortopedia e traumatologia Ortopedia-chirurgia della colonna vertebrale Ortottica OSA - Operatore Socio Assistenziale OSS - Operatore Socio Sanitario Ossigenoterapia Osteopatia Ostetricia Otologia Otorinolaringoiatria Parodontologia Patologia Clinica Pedagogia Clinica Pediatria Pedodonzia - odontoiatria pediatrica Pensionanti Pneumologia Podologia Posturologia Proctologia Pronto Soccorso Protesi dentaria Psichiatria Psicologia Psicoterapia Radiologia Radioterapia Radioterapia oncologica Recupero e riabilitazione funzionale Recupero e riabilitazione posturale Reumatologia Riabilitazione Riabilitazione cardiologica Riabilitazione neuromotoria e ortopedica Riabilitazione ortopedica Riabilitazione psiconeurogeriatrica Rianimazione RSA - Case di Riposo Salute mentale Scienza dell'Alimentazione Senologia Sessuologia Shiatsu Stroke unit Tecniche di radiologia medica Tecnico Audioprotesista Tecnico Ortopedia Tecnico sanitario di neurofisiopatologia Terapia del dolore Terapia intensiva Terapia intensiva neonatale Tossicologia Unità coronarica Unità spinale Urologia Urologia pediatrica Vulnologia Week surgery

Cerca

Chiudi
Specialità
Città
Medicina Termale Ortognatodonzia Agopuntura Allergologia Anatomia ed istologia patologica Andrologia Anestesia Angiologia Audiologia Auxologia Biochimica clinica Cardiochirurgia Cardiochirurgia pediatrica Cardiologia Check-up Chinesiologia Chiropratica Chirurgia ambulatoriale Chirurgia d'urgenza Chirurgia del piede Chirurgia dell'apparato digestivo Chirurgia dell'obesità Chirurgia della mano Chirurgia della spalla Chirurgia endoscopica Chirurgia epato biliare Chirurgia generale Chirurgia laparoscopica Chirurgia maxillo facciale Chirurgia mininvasiva Chirurgia oncologica Chirurgia orale Chirurgia pediatrica Chirurgia plastica Chirurgia refrattiva Chirurgia senologica Chirurgia toracica Chirurgia toracico-vascolare Chirurgia vascolare Consulente Olistico Consulente Professionale in Allattamento Materno Counseling Criminologia Cure termali Day hospital Day surgery Dermatologia Dermosifilopatia Detenuti Diabetologia Diagnostica per immagini Dietologia Educatore Professionale Ematologia Emodialisi Emodinamica e chirurgia endoluminale Endocrinologia Endodonzia Endoscopia Epatologia Farmacia Farmacologia clinica Fisiatria Fisiokinesiterapia Fisiopatologia della riproduzione Fisioterapia Flebologia Foniatria Gastroenterologia Genetica Geriatria Ginecologia Gnatologia Grafologia Grandi ustioni Grandi ustioni pediatriche Hospice Igiene dentale Igiene e medicina preventiva Immunologia Implantologia Infermieristica Iridologia Laboratorio analisi Logopedia Lungodegenti Malattie infettive e tropicali Medicazioni Medicina complementare Medicina del dolore Medicina del lavoro Medicina dello sport Medicina di comunità Medicina estetica Medicina fisica e riabilitativa Medicina generale Medicina interna Medicina iperbarica Medicina legale Medicina metabolica Medicina molecolare Medicina nucleare Medicina psicosomatica Medicina subacquea Medicina tropicale Microbiologia e virologia Microchirurgia Musicoterapia Naturopatia Nefrologia Nefrologia (abilitaz. al trapianto) Nefrologia pediatrica Neonatologia Neuro-riabilitazione Neurochirurgia Neurochirurgia pediatrica Neurofisiopatologia Neurologia Neuropsichiatria Neuropsichiatria infantile Neuropsicologia Neuropsicomotricità Nido Nutrizione Nutrizione e dietistica Nutrizione Olistica Oculistica Odontoiatria conservativa Odontoiatria e stomatologia Odontostomatologia Omeopatia Omotossicologia Oncoematologia Oncoematologia pediatrica Oncologia Optometria Ortodonzia Ortopedia e traumatologia Ortopedia-chirurgia della colonna vertebrale Ortottica OSA - Operatore Socio Assistenziale OSS - Operatore Socio Sanitario Ossigenoterapia Osteopatia Ostetricia Otologia Otorinolaringoiatria Parodontologia Patologia Clinica Pedagogia Clinica Pediatria Pedodonzia - odontoiatria pediatrica Pensionanti Pneumologia Podologia Posturologia Proctologia Pronto Soccorso Protesi dentaria Psichiatria Psicologia Psicoterapia Radiologia Radioterapia Radioterapia oncologica Recupero e riabilitazione funzionale Recupero e riabilitazione posturale Reumatologia Riabilitazione Riabilitazione cardiologica Riabilitazione neuromotoria e ortopedica Riabilitazione ortopedica Riabilitazione psiconeurogeriatrica Rianimazione RSA - Case di Riposo Salute mentale Scienza dell'Alimentazione Senologia Sessuologia Shiatsu Stroke unit Tecniche di radiologia medica Tecnico Audioprotesista Tecnico Ortopedia Tecnico sanitario di neurofisiopatologia Terapia del dolore Terapia intensiva Terapia intensiva neonatale Tossicologia Unità coronarica Unità spinale Urologia Urologia pediatrica Vulnologia Week surgery
Sei un professionista sanitario? Iscriviti

Arriva in Italia Emicizumab: una svolta per chi soffre di emofilia A

Arriva in Italia Emicizumab: una svolta per chi soffre di emofilia A

Arriva in Italia una terapia innovativa che, dopo 20 anni, apre nuovi orizzonti per il trattamento dell’emofilia A con inibitori, una patologia che – da oggi – potrà essere affrontata riducendo i problemi legati alle continue somministrazioni della classica terapia sostitutiva.

Il merito? Delle molecole a lunga durata d’azione, pensate per essere iniettate poche volte al mese.

Nello specifico, è finalmente disponibile Emicizumab, il farmaco destinato a cambiare la vita dei pazienti affetti da questa patologia.

Cerchiamo di capirne di più 👇

Cos’è l’emofilia: perché era necessario arrivare a una nuova terapia

Quando parliamo di emofilia, facciamo riferimento a una patologia genetica caratterizzata l’incapacità di produrre il giusto livello di alcuni fattori di coagulazione. Dunque, chi ne soffre non è in grado di coagulare il sangue, con conseguenze molto gravi: una piccola emorragia, ad esempio, può trasformarsi in un evento estremamente pericoloso.

Ovviamente, la gravità della malattia dipende dalla capacità delle cellule di produrre i fattori di coagulazione. Meno ne sintetizzano, peggiori saranno i sintomi. Ad oggi, si calcola che al mondo soffrano di emofilia circa 400mila persone, di cui 4 mila solo in Italia.

In passato, il trattamento dell’emofilia era molto semplice, ma poco efficace. Si ricorreva perlopiù alle trasfusioni di sangue. Negli ultimi anni, invece, si è passati alla somministrazione del fattore mancante con l’obiettivo di mantenere costante dall’esterno la quantità di fattore coagulante che il corpo non riesce a produrre. Il limite della cura sta però nel numero di somministrazioni: spesso, specie nei casi più gravi, si è obbligati a iniezioni endovena pressoché quotidiane. Non solo: il rischio di resistenza a tali molecole è piuttosto alto.

Nel 30% dei casi, infatti, accade che il sistema immunitario sviluppi anticorpi contro il fattore VIII iniettato dall’esterno, inficiando l’esito delle terapie, con aumentato rischio di sanguinamenti, danni articolari e disabilità.

Il problema, però, sembra essersi risolto, con l’arrivo di Emicizumab. “Per i pazienti che hanno sviluppato inibitori, la disponibilità di emicizumab in Italia costituisce una risposta concreta e importante fornendo una soluzione a coloro che, fino a oggi, disponevano di trattamenti sub-ottimali” – ha spiegato la dr.ssa Flora Peyvandi, Professore ordinario di Medicina Interna dell’Università degli studi di Milano.

Emicizumab per l’emofilia: il farmaco che riduce sanguinanti ed effetti collaterali

I dati parlano chiaro. Nei pazienti adulti e adolescenti con inibitori, la profilassi con Emicizumab ha determinato una riduzione del tasso di sanguinamenti dell’87% rispetto al trattamento episodico, con agenti bypassanti e del 79% rispetto alla profilassi con questi ultimi (HAVEN 1).

Anche per i pazienti pediatrici le cose cambiano. Nel 94,7% dei casi, si sono manifestati zero sanguinamenti durante la profilassi, mentre si è osservata una riduzione del 99% del tasso di sanguinamento rispetto a terapia precedente (HAVEN 2)..

Come FedEmo accogliamo sempre in modo estremamente positivo l’avvento di nuovi prodotti rivolti alla cura della patologia – ha dichiarato Cristina Cassone, Presidente FedEmo – L’incremento delle possibilità terapeutiche disponibili consente infatti ad ogni singolo paziente di trovare con più facilità il regime maggiormente appropriato alle proprie specifiche necessità, rispondendo a quel concetto di personalizzazione del trattamento che riteniamo debba costituire uno dei punti cardine nella cura delle persone con emofilia. Discorso ancor più pertinente in un ambito, quello dei pazienti con inibitori, dove le possibilità di trattamento sono ad oggi limitate e parziali, in un contesto di qualità della vita del paziente che risulta in molti casi sensibilmente compromessa”.

Il percorso di studi e sperimentazioni che ha coinvolto Emicizumab, dimostrandone il grande potenziale terapeutico, gli ha valso l’approvazione dell’EMA (European Medicines Agency), cui si è seguita la designazione di farmaco innovativo da parte di AIFA. Dunque, come pubblicato in Gazzetta Ufficiale, emicizumab è attualmente disponibile in classe A e, grazie al riconoscimento dell’innovatività terapeutica, l’accesso regionale è immediatamente garantito, tramite ospedali e aziende sanitarie locali, a carico del Sistema Sanitario.

I dati fin qui disponibili su Emicizumab (studi registrativi e uso clinico nei Paesi dove è già in commercio) incoraggiano gli emofilici, e in particolare chi è gravato dalla complicanza dell’inibitore, a sperare in un significativo miglioramento delle loro condizioni di salute e della qualità di vita in generale, grazie anche alla via di somministrazione sottocute, certamente meno problematica dell’endovenosa – ha spiega Andrea Buzzi, Presidente di Fondazione Paracelso. – Se tali dati troveranno la conferma che ci auguriamo, è presumibile che nei prossimi anni cambieranno i bisogni clinici e sociali delle persone con emofilia. Le organizzazioni di pazienti si sforzeranno di dare risposte adeguate al mutato quadro, e così siamo certi che faranno le altre componenti del sistema assistenziale, a cominciare dagli operatori e dalle istituzioni sanitarie.”


FONTI

Sono due gli studi principali che hanno dimostrato l’efficacia dell’Emicizumab per il trattamento dell’emofilia A con inibitori:

  1. A Study to Evaluate the Efficacy, Safety, and Pharmacokinetics of Prophylactic Emicizumab Versus no Prophylaxis in Hemophilia A Participants With Inhibitors (HAVEN 1).
  2. A Study of Emicizumab Administered Subcutaneously (SC) in Pediatric Participants With Hemophilia A and Factor VIII (FVIII) Inhibitors (HAVEN 2).
comments powered by Disqus