Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Glaucoma, oltre 1 milione di persone colpite in Italia: la metà non ne è consapevole

Glaucoma, oltre 1 milione di persone colpite in Italia: la metà non ne è consapevole

Ultimo aggiornamento – 26 ottobre, 2020

anatomia-occhio-su-sfondo-blu

Nel mese dedicato alla vista e alle problematiche correlate, parlare di glaucoma è quanto mai attuale. Basti pensare che al mondo sono oltre 55 milioni le persone che soffrono di glaucoma, causandone la cecità a un numero non ben precisato, sicuramente compreso tra i 4,5 e i 9 milioni. 

In Italia, purtroppo, il panorama non cambia: secondo le stime più attuali, circa 1 milione di persone sono colpite da questa patologia oculare, conosciuta anche come il «ladro silenzioso della vista». Il dato sconcertante è che la metà non ne sarebbe consapevole, a causa dell’abitudine ormai radicata a non effettuare visite oculistiche periodiche e complete. 

Eppure, gli esperti sono d’accordo: la disabilità provocata dal glaucoma si può prevenire, purché la malattia sia diagnosticata e curata in modo tempestivo.

Ed è in questo ambito che si inserisce la Fondazione Salmoiraghi&Viganò, un’istituzione no profit, innovativa e unica nel suo genere, impegnata nella promozione di iniziative di sensibilizzazione dalla forte valenza medico-scientifica: all’interno del ciclo di appuntamenti virtuali «Incontriamo l’Oculista», un panel è stato dunque completamente dedicato alla prevenzione del glaucoma, in compagnia dei massimi professionisti italiani del settore. 

Ecco come è andata.

Prevenzione del glaucoma: un incontro dedicato 

Ieri, venerdì 23 ottobre, l’attenzione è stata puntata sulla prevenzione del glaucoma, in un incontro totalmente dedicato. 

Con la mediazione della dr.ssa Livia Azzariti, abbiamo ascoltato in diretta streaming l’interessante confronto tra il dr. Marco Tavolato, primario dell’Unità Operativa Complessa di Oculistica a Chioggia, la dr.ssa Silvia Babighan, responsabile del Centro Glaucomi dell’Ospedale Sant’Antonio e il dr. Romao Altafini, Direttore della UOC di Oculistica della ULSS 3 Serenissima Distretto Mirano Dolo, quest'ultimi anche membri del Comitato Scientifico della Società Italiana del Glaucoma (SIGLA).

Numerosi gli spunti emersi. Con il dr. Tavolato, in particolare, si è approfondita la tematica relativa ai sintomi del glaucoma che, come è stato evidenziato, sono spesso silenziosi, molto difficili da rintracciare senza l’aiuto di un professionista. 

Dalle manifestazioni cliniche, si è passati poi ad affrontare il grande nodo della prevenzione per scongiurare, come ha sottolineato la dr.ssa Babighan, quelli che sono i danni irreversibili di un glaucoma tardivamente diagnosticato. 

Con il dr. Altafini, invece, il focus è passato alla cura e al monitoraggio della malattia: se è vero che il glaucoma è la seconda causa di cecità al mondo, è altrettanto provato che è possibile scongiurare la completa menomazione visiva con i dovuti trattamenti. 

Anche oggi, dunque, nel pieno di un’emergenza sanitaria, parlare di glaucoma - e di salute degli occhi in generale - è doveroso e attuale. 

I motivi? Tanti. Molti dei quali strettamente connessi alla situazione che stiamo vivendo. Si pensi al cambiamento delle nostre abitudini, all’affermarsi dello smart working come modalità di lavoro preferenziale che, come è ormai chiaro, può incidere anch’esso sul benessere (o meno!) visivo. 

Senza tralasciare il fatto che occhi e Covid-19 hanno qualcosa in comune: la congiuntivite, non a caso, può essere un chiaro segnale di un’infezione da Coronavirus in corso. Con gli specialisti di Incontriamo l’Oculista, l’iniziativa promossa dalla Fondazione Salmoiraghi & Viganò con il patrocinio della Società Oftalmologica Italiana (SOI), si è parlato anche di questo, suscitando vivo interesse degli utenti in ascolto.

Incontriamo l’oculista: le prossime tappe in diretta streaming

Per chi il 23 ottobre si fosse perso l’incontro sulla prevenzione del glaucoma, può approfittare della registrazione per conoscere più a fondo la patologia, non dimenticandosi, però, che gli appuntamenti del ciclo «Incontriamo l’Oculista» non finiscono qui.

Il 30 ottobre, infatti, sarà la volta delle malattie retiniche, con un confronto tra il prof. Francesco Bandello, il dr. Francesco Loperfido, e la dr.ssa Monica Stoppani, rispettivamente primario dell’Unità Oculistica, responsabile del Servizio di Oftalmologia Generale e responsabile del Servizio di Strabologia dell’Ospedale San Raffaele di Milano.

Anche in questo caso, verranno approfonditi tutti gli aspetti delle patologie a carico della retina, con uno spazio dedicato alla problematica della prevenzione e dell’importanza delle visite oculistiche periodiche, sia per gli adulti sia per i bambini.

Nuovamente, vi sarà la possibilità di seguire l’evento in diretta streaming. Come? In modo facile e veloce: registrandosi qui


*Contenuto di informazione pubblicitaria

Mostra commenti
Qual è il luogo dove avvengono più contagi? La risposta arriva dall'ISS
Qual è il luogo dove avvengono più contagi? La risposta arriva dall'ISS
Stanchezza cronica e apatia? Oggi ha un nome ben preciso
Stanchezza cronica e apatia? Oggi ha un nome ben preciso
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
L’acetone nei bambini: come curarlo al meglio
L’acetone nei bambini: come curarlo al meglio
Avete mai pensato di combattere l’insonnia con la melatonina?
Avete mai pensato di combattere l’insonnia con la melatonina?
Farmaci e rimedi naturali contro l’influenza
Farmaci e rimedi naturali contro l’influenza
Sclerosi multipla: conosciamo meglio le varie forme in cui si manifesta
Sclerosi multipla: conosciamo meglio le varie forme in cui si manifesta