Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Glaucoma

Glaucoma

Glaucoma Si Sviluppa nell'Occhio di un Anziano a Rischio
Curatore scientifico
Dr. Miguel Rechichi
Specialità del contenuto
Oculistica

Cos'è il glaucoma

Il glaucoma è una malattia del nervo principale della vista, chiamato nervo ottico; il nervo ottico riceve luce generata da impulsi nervosi dalla retina e li trasmette al cervello, permettendo la visione.

Il glaucoma è caratterizzato da un danno progressivo al nervo ottico che inizia, in genere, con una lieve perdita della vista laterale (visione periferica); se il glaucoma non viene diagnosticato e trattato, può progredire fino alla perdita della vista centrale e portare alla cecità.

Il glaucoma è di solito, ma non sempre, associato a elevata pressione all'interno dell'occhio (pressione intraoculare), che porta a danni al nervo ottico. In alcuni casi, il glaucoma può verificarsi in presenza di pressione oculare normale. Questa forma di glaucoma si crede possa essere causata da scarsa regolazione del flusso di sangue al nervo ottico.

Tipi di glaucoma

Ci sono diversi tipi di glaucoma. La maggior parte, tuttavia, può essere classificata come glaucoma ad angolo aperto che di solito comprende le malattie di lunga durata (croniche), o come glaucoma ad angolo chiuso, che comprende sia le malattie che si verificano improvvisamente (acute) sia quelle croniche.

Glaucoma: sintomi

I sintomi del glaucoma negli stadi precoci risultano assenti; questa patologia tende infatti a svilupparsi lentamente nel corso di molti anni, colpendo per prima cosa la visione periferica.

Perciò, molte persone non si rendono conto di avere il glaucoma, che viene scoperto soltanto durante una visita oculistica di routine.

Glaucoma: come si manifesta

I segni di glaucoma in stadi più avanzati possono includere:

Molto occasionalmente, la patologia può svilupparsi improvvisamente e causare i seguenti sintomi di glaucoma:

Chi è colpito dal glaucoma

In tutto il mondo, il glaucoma è la principale causa di cecità irreversibile. Infatti, ben 6 milioni di persone sono affette da cecità provocata da questa malattia. Il glaucoma non provoca inizialmente sintomi e, spesso, la conseguente perdita della visione laterale (visione periferica) non è riconosciuta.

Di solito è più spesso colpito da glaucoma chi ha dai 40 anni in su, una familiarità di primo grado con soggetti glaucomatosi, soffre di diabete e presenta una storia di traumi oculari.

Cause del glaucoma

La principale causa di glaucoma è la pressione elevata esercitata sul nervo ottico che determina un suo indurimento. Essa è dovuta a un cattivo drenaggio dell'umore acqueo prodotto dagli occhi: dato che l'occhio è un sistema chiuso, se il liquido non riesce a essere rimosso, si accumula determinando un aumento pressione, che arriva a compromettere le funzionalità del nervo.

Il tono e la forma dell’occhio sono infatti mantenuti dalla pressione all'interno dell'occhio (pressione intraoculare); ma quando la pressione è troppo bassa, l'occhio diventa più morbido, mentre una pressione elevata provoca un indurimento.

La parte anteriore dell'occhio contiene un liquido chiaro chiamato umore acqueo, che fornisce nutrimento alle sue strutture interne. Questo liquido viene prodotto costantemente dal corpo ciliare, che circonda la lente dell'occhio.

L'umore acqueo fluisce attraverso la pupilla e lascia l'occhio attraverso piccoli canali chiamati trabecolati. Questi canali si trovano in quello che viene chiamato l'angolo di drenaggio dell'occhio, il luogo dove la cornea trasparente, che copre la parte anteriore dell'occhio, si attacca alla base dell'iride, che è la parte colorata dell'occhio.

La cornea copre l'iride e la pupilla. La pupilla è piccola, rotonda, nera e si trova al centro dell'iride. La luce passa attraverso la pupilla e attraverso la retina arriva nella parte posteriore dell'occhio. Nella maggior parte delle persone, gli angoli di drenaggio sono spalancati, anche se in alcuni individui, possono essere più stretti.

Se il drenaggio dell’occhio non funziona bene, la pressione intraoculare aumenta. Se viene prodotto troppo liquido all'interno dell'occhio, la pressione intraoculare può diventare troppo elevata. Poiché l'occhio è un sistema chiuso, se non è possibile rimuovere il liquido, la pressione si accumula e può causare danni al nervo ottico.

Fattori di rischio del glaucoma

I principali fattori di rischio per il glaucoma includono:

  • età superiore a 45 anni;
  • diabete;
  • elevata pressione intraoculare;
  • storia clinica di lesioni agli occhi;
  • uso di cortisone;
  • ipermetropia.

Glaucoma: come si diagnostica

Un oculista può identificare le persone a rischio di sviluppare il glaucoma prima che il nervo ottico si danneggi. Il medico può diagnosticare anche danni al nervo ottico o perdita del campo visivo in pazienti già affetti da glaucoma.

I seguenti esami, che sono tutti indolore, servono a diagnosticare il glaucoma:

  • Tonometria: determina la pressione oculare, misurando il tono e compattezza della sua superficie.
  • Pachimetria: è un test relativamente nuovo, viene usata per la diagnosi e il trattamento del glaucoma. La pachimetria determina lo spessore della cornea.
  • Gonioscopia: serve per esaminare l'angolo di drenaggio e l'area di drenaggio dell'occhio.
  • Oftalmoscopia: è un esame in cui il medico utilizza un dispositivo portatile per guardare direttamente attraverso la pupilla.
  • Test del campo visivo: rilevano eventuali segni di danni causati dal glaucoma al nervo ottico. In genere, i test del campo visivo sono computerizzati.

Come curare il glaucoma

Sebbene i danni al sistema nervoso e la perdita della vista a causa del glaucoma non possano generalmente essere risolti, la malattia può però essere controllata; il trattamento del glaucoma può rendere infatti normale la pressione intraoculare, di conseguenza, impedire o ritardare ulteriori danni nervosi e la perdita della vista.

La terapia per il glaucoma può inoltre comportare l'uso di colliri, pillole (raramente), laser o chirurgia. Gli oculisti spesso prescrivono un collirio che contiene più di una classe di farmaci a pazienti che richiedono più di un tipo di principio per il controllo del loro glaucoma.

Esistono anche diverse forme di terapia laser per il trattamento del glaucoma, che consentono di drenare i liquidi nell'occhio normalmente. Sono stati creati anche dei dispositivi di drenaggio artificiali, utilizzati per abbassare la pressione oculare. Sono microscopici tubi in plastica collegati a un serbatoio.

La viscocanalostomia è una procedura chirurgica alternativa usata per abbassare la pressione oculare. Si tratta della rimozione di un pezzo della sclera per lasciare solo una sottile membrana di tessuto, attraverso la quale il fluido acquoso può essere più facilmente scaricato.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Nictalopia
La nictalopia, da non confondere con la emeralopia, indica la capacità di una persona di vedere meglio nelle ore notturne e una sua diffi...
Cicloplegia
Con il termine cicloplegia si intende la paralisi del muscolo cicliare oculare, con una compromissione della messa a fuoco, e quindi dell...
Ischemia del nervo ottico
L’ischemia del nervo ottico è un disturbo che si ha quando le cellule del nervo ottico muoiono a causa del mancato apporto sanguigno alla...