Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Infarto: le testimonianze di chi ne è stato colpito

Infarto: le testimonianze di chi ne è stato colpito

Ultimo aggiornamento – 17 marzo, 2016

Indice

Non è necessario un dolore al petto acuto perché si verifichi un attacco di cuore.

In realtà, in molte persone non si presentano i sintomi classici, come il male al petto che si irradia lungo il braccio, la mancanza di respiro o la sudorazione.

Gli attacchi cardiaci si verificano quando un’arteria ostruita ferma il flusso di sangue al cuore. Ma i sintomi che producono possono variare, a seconda dell’età, del livello di forma fisica e della gravità dell’attacco di cuore.

Ecco alcune testimonianze di chi ha avuto un infarto e per fortuna è sopravvissuto.

“Mi sentivo senza fiato, facendo le cose normali”.  – Kalun Lee, 45 anni, Washington 

Lee ha sempre camminato tre quarti di miglio per andare al lavoro in un’agenzia di Stato a Boston. Una mattina di primavera, si è sentito un po’ a corto di fiato, pensando così di aver preso l’influenza. Dopo cena, si è seduto sul divano a guardare la TV e inviare email. A quel punto, il dolore al torace è iniziato, con la sensazione sempre più crescente di vomito. “Sapevo che c’era qualcosa di molto strano“, dice Lee.

Ha fatto una ricerca su Google per verificare i sintomi dell’infarto e ha capito che poteva essere quello. Ha deciso quindi di andare in ospedale.

All’arrivo in ospedale, pallido, senza fiato e con forti dolori al petto, a Lee è stato fatto un elettrocardiogramma (ECG), che ha subito permesso di capire che si trattava di un attacco di cuore. I medici gli hanno dato le pillole di nitroglicerina per aprire le arterie e lo hanno trasportato in sala operatoria, dove hanno inserito uno stent per sbloccare il flusso sanguigno.

“Ho perso 20 chili e abbassato il mio colesterolo, così ho pensato che non poteva essere un attacco di cuore” – Paul Traynor, 44 anni, Wilmette

Traynor ha trasformato la sua vita all’età di 40 anni: ha smesso di bere e di fumare, è diventato vegetariano, ha iniziato a praticare lo yoga e ha perso 20 kg. I suoi livelli di trigliceridi e di colesterolo sono tornati alla normalità.

Quando una domenica mattina si è svegliato con il dolore ai tricipiti e al collo, ha pensato di aver fatto troppi giri di Chaturanga. Traynor non ci ha dato molto peso fino a quando ha iniziato a sentirsi “un po’ sudato e con un po’ di vertigini” . Sua moglie ha insistito per portarlo in ospedale.

Durante un test, chiamato cateterizzazione cardiaca, i medici hanno inserito un tubo sottile e flessibile attraverso un vaso sanguigno e hanno scoperto che una parte della coronaria destra era completamente bloccata. Hanno inserito uno stent per aprire l’arteria, in una procedura chiamata angioplastica.

“Pensavo di avere l’influenza” – Tom Ivany, 28 anni, Youngstown, Ohio

Il colesterolo alto viene controllato da sempre nella famiglia di Ivany. La loro famiglia ha una predisposizione genetica e la sua mamma ha subito un intervento chirurgico di bypass quadruplo a 37 anni. Quando aveva 25 anni, Ivany ha cominciato a sentirsi stordita e ad avere freddo durante lo shopping con la moglie. Ha pensato di avere l’influenza, ma siccome persisteva e ha vomitato, la moglie Haley lo ha convinto ad andare in ospedale.

Un elettrocardiogramma ha rivelato un attacco cardiaco. Hanno inserito due stent per aprire le sue arterie quasi bloccate. Quando il primo è stato inserito, “era come se avessero sollevato un milione di chili dal mio petto“, dice.

Poichè Ivany era in forma e sano non ha subito alcun danno permanente al suo cuore. Ora prende un inibitore PCSK9, appena approvato, che aiuta le persone con colesterolo alto geneticamente e che non rispondono bene ai farmaci tradizionali, come le statine. Adesso può giocare a rugby e fare CrossFit senza alcun problema.

Eppure, l’esperienza lo ha lasciato con una cicatrice mentale e adesso è in conflitto per avere figli. “Mi fa paura“, dice. “Sono stato colpito dall’infarto molto giovane e non so se sarebbe giusto far passare questo anche ai miei figli“.

Mostra commenti
Un eccezionale esperimento sul cancro al seno per combatterlo in soli 11 giorni
Un eccezionale esperimento sul cancro al seno per combatterlo in soli 11 giorni
Un cerotto bionico per trattare le insufficienze cardiache croniche
Un cerotto bionico per trattare le insufficienze cardiache croniche
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
La crosta del pane potrebbe contenere una sostanza cancerogena (presente anche nelle sigarette)
La crosta del pane potrebbe contenere una sostanza cancerogena (presente anche nelle sigarette)
Sbiancamento dei denti, dal dentista o fai-da-te? Un boom di richieste
Sbiancamento dei denti, dal dentista o fai-da-te? Un boom di richieste
Il rischio cardiovascolare nei pazienti con diabete
Il rischio cardiovascolare nei pazienti con diabete
Il laser per controllare la nostra alimentazione
Il laser per controllare la nostra alimentazione