Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. La Rivoluzione A Sessuale

La rivoluzione a-sessuale

Alessandra Lucivero | Editorial Manager a Pazienti.it

Ultimo aggiornamento – 20 Dicembre, 2010

Secondo la sessuologa Marinella Cozzolino dell’Associazione Italiana di Sessuologia Clinica una donna su tre, ed un uomo su sei, non prova alcun desiderio sessuale. Il 60% delle donne non prova l’orgasmo e molte di queste preferiscono evitare il rapporto.

La sua collega Nicoletta Suppa dichiara che “su un campione di 1215 intervistati tra i 18 e i 55 anni, il 32% degli uomini ammette ‘calo del desiderio generalizzato’. Il 19,9% rivela che questo calo è ‘relativo alla partner’ e il 27,5% considera la sessualità con la propria compagna ‘un vero e proprio peso’.

Oltreoceano non va meglio: secondo una ricerca condotta dagli studiosi Laumann e Rosen, del dipartimento di sociologia della Chicago University e pubblicata sul Journal of the American Medical Association, negli usa il 33% delle donne ed il 16% degli uomini tra i 18 e i 59 anni soffre di parziale o totale assenza del desiderio sessuale.

Se non imputabile a disturbi di natura organica (malattie, squilibri ormonali, ecc), il calo o l’assenza di desiderio è da alcuni considerato un vero e proprio disturbo, una malattia (l’”anoressia sessuale”), causa di crisi profonde della coppia e di ferite dell’amor proprio, e da altri una sfaccettatura come un’altra dell’identità sessuale di ciascun individuo, da accettare serenamente.

Chi sostiene la prima tesi attribuisce le cause di questa “malattia” a particolari situazioni del momento (periodi di stress nel lavoro, frustrazione dopo un tradimento, depressione post parto), a problemi della coppia (principalmente alla noia, anche se non è ancora ben chiaro se sia nato prima l’uovo o la gallina: è l’assenza di desiderio a mettere in crisi la coppia, oppure è la crisi che fa morire il desiderio?) o agli squilibri delle antiche dentità di genere, dove l’emancipazione femminile ha messo confusione nei ruoli uomo/donna e ha provocato la crisi del macho che fu, sempre meno cacciatore.

All’opposto c’è invece chi vive benissimo in castità e la eleva a stile di vita. Il giovane David Jay di St. Louis ha addirittura fondato l’AVEN (Asexual Visibility and Education Network), una comunità on-line a sostegno dell’asessualità, recentemente approdata anche in versione italiana, l’AVENIT: i migliaia di iscritti giurano di non avere nessun impulso sessuale e di vivere benissimo questa situazione – non essendo mossi da questioni morali o religiose – e sono certi del fatto che si tratti di una pura questione biologica che conduce ad una pacifica assenza di qualsiasi appetito sessuale. Rivendicano perfino i loro diritti a suon di volantini.

Comunque sia l’argomento è troppo complesso e delicato, e personalmente trovo stridenti entrambe le posizioni: un amico ha detto che le persone intelligenti non mettono il sesso né al primo posto né all’ultimo, e penso abbia ragione. Volendo riflettere sul calo del desiderio che contraddistingue la nostra epoca rispetto al passato – mi pare che i nostri nonni fossero meno complicati e cervellotici sul punto – mi suona bene George Bataille: nel suo celebre saggio “l’Erotismo” sostiene che il desiderio abbia bisogno di morire, per poi rinascere, mentre nel nostro mondo – per tutti i motivi che sappiamo – è come se il desiderio non avesse possibilità di morire per cui non rinasce, si limita ad affievolirsi del tutto.

Mostra commenti
Una spalla come nuova.
Una spalla come nuova.
Professionalità
Professionalità
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Come combattere i crampi muscolari? Una lista dei rimedi più efficaci
Come combattere i crampi muscolari? Una lista dei rimedi più efficaci
La dieta per chi soffre di creatinina alta
La dieta per chi soffre di creatinina alta
Incontinenza: cure farmacologiche ed esercizi mirati per guarire
Incontinenza: cure farmacologiche ed esercizi mirati per guarire
Prolattina alta: quando preoccuparsi davvero
Prolattina alta: quando preoccuparsi davvero