Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Love Film Therapy

Guardare un film romantico aiuta i rapporti, come una terapia di coppia

Benedetta Borzillo | Blogger

Ultimo aggiornamento – 17 Febbraio, 2014

Guardare un film romantico aiuta i rapporti, come una terapia di coppia

Amore, guardiamo un film stasera?

L’eterna lotta sul divano tra i film per lei e i film per lui sembra finalmente volgere a favore dei film per donne, sentimentali e divertenti. Recenti studi dimostrano che quelle storie strappalacrime che lasciano tanto indifferenti gli uomini potrebbero, invece, salvare i matrimoni. Possibile?

Fare terapia di coppia con i film romantici di Hollywood? 

È proprio quanto emerge da uno studio sorprendente guidato dal prof. Ronald Rodge dell’Università di Rochester. “Alle coppie in crisi serve parlare del proprio rapporto con leggerezza e franchezza: un film visto insieme può offrire lo spunto giusto. Avete presente Sex and the City? Uno sguardo disincantato sulle relazioni logore e fallimentari e tanta ironia. Le coppie in crisi rivedono sé stesse, ridono di sé stesse. Ritrovando la complicità”.

I ricercatori hanno selezionato un buon numero di coppie con relazioni logore e di vecchia data. Le hanno divise in due gruppi: un primo gruppo in cui le coppie venivano supportate, un secondo gruppo che non riceveva nessun aiuto.
Nel progetto di terapia per le coppie in crisi, era compreso un intervento chiamato “Love Story”. Praticamente, le coppie vedevano film d’amore e poi ne discutevano insieme.

I risultati? L'intervento "Love Story" è risultato efficace nel mantenere le coppie in crisi insieme, tanto quanto metodi terapeutici classici della terapia di coppia. Che le coppie facessero sedute intensive dal terapeuta o che guardassero film d’amore, il risultato non cambiava.

Ma perché i film d'amore aiutano le relazioni?

La maggior parte dei film detti “per donne” non parlano d’altro che di questo: relazioni, crisi, situazioni di coppia.
Per risolvere i conflitti, anche le coppie in crisi hanno bisogno di parlare del proprio rapporto. Per questo si va in terapia. Spesso però nelle sedute il confronto tra i partner è rancoroso e snervante.

Ebbene, un film non mette a disagio, è divertente e non sembra di fare un esame alla propria storia, mentre si sta a guardare. 
Ancora il dottor Rodge sostiene che "un film è un modo non minaccioso per ottenere la conversazione necessaria a capire qual è il problema. Rende molto più facile raggiungere le coppie e aiutarle a rafforzare la loro relazione”. 
Si osservano i personaggi, si ride della loro inettitudine, i loro errori sono evidenti. Poi si discute insieme delle questioni messe a fuoco nel film e si comincia a parlare del proprio rapporto.

Quale sarà il futuro per la "love film therapy"?

La love film therapy diventerà presto un nuovo supporto terapeutico per le coppie in crisi? Non si sa ancora. Il dibattito tra gli specialisti è aperto. Resta però evidente che la guida di un terapeuta continuerà ad essere necessaria anche per trovare il film giusto, quello che mette in scena il conflitto della coppia, ma soprattutto per orientare la discussione verso quei punti dolenti delle relazioni, che, anche se innamorati, da soli si continuerebbero (volentieri) ad ignorare.

Mostra commenti
In arrivo i nuovi sex toys che annullano le distanze del sesso virtuale
In arrivo i nuovi sex toys che annullano le distanze del sesso virtuale
In arrivo InsulCheck, per non dimenticarsi dell’insulina
In arrivo InsulCheck, per non dimenticarsi dell’insulina
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Colecisti, colecistite e calcoli biliari: quali sono le differenze?
Colecisti, colecistite e calcoli biliari: quali sono le differenze?
Come combattere i crampi muscolari? Una lista dei rimedi più efficaci
Come combattere i crampi muscolari? Una lista dei rimedi più efficaci
Uva, utile per la salute delle ossa (e non solo)
Uva, utile per la salute delle ossa (e non solo)
Esami del sangue in gravidanza, cosa monitorare?
Esami del sangue in gravidanza, cosa monitorare?