Patologie Dermatologiche: quali sono e come trattarle

Redazione

Ultimo aggiornamento – 25 Ottobre, 2023

donna-che-si-gratta-il-braccio

Il termine "patologie dermatologiche" si riferisce a una vasta gamma di disturbi e malattie che interessano la pelle. La pelle, essendo il più grande organo del corpo, è anche il primo scudo contro gli agenti esterni e le infezioni. Pertanto, qualsiasi anomalia o disturbo legato alla pelle non dovrebbe essere trascurato.

In questo articolo, esamineremo le principali patologie dermatologiche, le loro cause, sintomi e i possibili trattamenti.

Il medico dermatologo

Prima di iniziare l’elenco delle principali patologie dermatologiche, indicando possibili cause, sintomi e trattamento indicato nella letteratura medica riteniamo opportuno soffermarci sulla figura del dermatologo, un medico specializzato nella diagnosi, trattamento e prevenzione delle malattie e delle condizioni della pelle, dei capelli e delle unghie.

La sua formazione, che segue quella di base in medicina e chirurgia, comprende ulteriori anni di studio concentrati esclusivamente sulla dermatologia. Questa formazione approfondita gli permette di acquisire un'ampia comprensione delle diverse patologie dermatologiche, dalle più comuni alle più rare.

Le competenze del dermatologo includono:

Diagnosi: Grazie alle sue competenze, il dermatologo è in grado di riconoscere migliaia di condizioni dermatologiche, basandosi su segni visivi, storia clinica del paziente e, all'occorrenza, test di laboratorio come biopsie cutanee.

Trattamento: Il dermatologo dispone di una vasta gamma di trattamenti, che vanno dalla prescrizione di farmaci topici ed orali, alla crioterapia, alla fototerapia, ai trattamenti laser e alla chirurgia dermatologica.

Prevenzione: Il dermatologo gioca un ruolo chiave nella prevenzione di malattie della pelle, consigliando i pazienti su come proteggere la pelle dai danni del sole, riconoscendo le lesioni precancerose e promuovendo l'autoesame regolare della pelle.

Educazione: Un dermatologo informa e educa i pazienti sulle migliori pratiche per la cura della pelle, sui segni di allarme delle patologie dermatologiche e sulla gestione delle malattie croniche della pelle.

Prima di iniziare qualsiasi terapia è fondamentale rivolgersi a questa figura professionale, evitando di improvvisarsi “medici di se stessi” e affidandosi a chi ha dedicato anni di studio e ha maturato esperienza sul campo così da poter diagnosticare le possibili patologie dermatologiche e indicare il corretto percorso di cura.

Come scegliere il proprio medico dermatologo

La scelta del vostro medico dermatologo può essere fatta partendo da una segnalazione del vostro medico di base o sulla base di raccomandazioni da parte di persone (veramente) di fiducia.

Il nostro consiglio è comunque quello di verificare le credenziali via Internet dove potrete trovare anche centri specializzati proprio nell’ambito della dermatologia.

Tra quelli più conosciuti con sede a Milano vi segnaliamo ad esempio l’IDE - Istituto Dermatologico Europeo.

Principali patologie dermatologiche: cause, sintomi e trattamento

Dopo avervi presentato la figura del medico dermatologo e aver chiarito che dovrà essere il vostro riferimento per la diagnosi e il percorso di cura dei vostri disturbi, vi presentiamo qui di seguito l’elenco delle principali patologiche dermatologiche, indicando le possibili cause, i sintomi e i medicinali solitamente prescritti per il trattamento.

1. Acne

Cause: L'acne è causata principalmente da un'ostruzione dei pori della pelle a causa dell'eccesso di sebo, cellule morte e batteri.

Sintomi: Brufoli, punti neri, pustole e, nei casi gravi, cisti.

Trattamento: Detergenti e creme a base di acido salicilico, perossido di benzoile, antibiotici orali o topici e, nei casi gravi, isotretinoina.

2. Dermatite atopica (Eczema)

Cause: Una combinazione di fattori genetici, ambientali e una barriera cutanea compromessa.

Sintomi: Prurito, arrossamento, gonfiore e desquamazione della pelle.

Trattamento: Creme idratanti, corticosteroidi topici, farmaci immunosoppressori e fototerapia.

3. Psoriasi

Cause: Una risposta immunitaria anomala che porta alla produzione eccessiva di cellule della pelle.

Sintomi: Placche squamose, spesso argentee, che possono causare prurito o dolore.

Trattamento: Corticosteroidi topici, retinoidi, farmaci immunosoppressori, fototerapia e biologici.

4. Herpes Zoster (Fuoco di Sant'Antonio)

Cause: Riattivazione del virus varicella-zoster, che rimane dormiente nel corpo dopo aver avuto la varicella.

Sintomi: Dolore, prurito, e un'eruzione cutanea a vesciche su un lato del corpo.

Trattamento: Antivirali, analgesici e, in alcuni casi, corticosteroidi.

5. Vitiligine

Cause: Distruzione dei melanociti, le cellule responsabili della produzione di melanina. La causa esatta è sconosciuta ma potrebbe essere legata a una risposta immunitaria anomala.

Sintomi: Macchie bianche sulla pelle, in genere simmetriche.

Trattamento: Terapie per ripristinare il colore della pelle, come corticosteroidi topici, tacrolimus, pimecrolimus e fototerapia.

6. Tinea (Micosi cutanea)

Cause: Infezioni fungine causate dai dermatofiti.

Sintomi: Chiazze rosse, desquamate, a forma di anello con un centro chiaro.

Trattamento: Antifungini topici o orali, a seconda della gravità e della localizzazione dell'infezione.

7. Melanoma

Cause: Crescita incontrollata delle cellule melanocitarie, spesso legata a danni del DNA causati dall'esposizione ai raggi UV.

Sintomi: Mutamenti in una talpa esistente o comparsa di una nuova talpa anomala.

Trattamento: Asportazione chirurgica, immunoterapia, radioterapia o terapie mirate.

8. Rosacea

Cause: La causa esatta è sconosciuta, ma potrebbe essere legata a fattori vascolari, immunitari e infiammatori.

Sintomi: Arrossamento del viso, visibili piccoli vasi sanguigni, papule e pustole.

Trattamento: Antibiotici topici o orali, retinoidi e, in alcuni casi, trattamenti laser.

9. Alopecia areata

Cause: Una risposta immunitaria che attacca i follicoli piliferi.

Sintomi: Caduta improvvisa dei capelli in piccole chiazze circolari.

Trattamento: Corticosteroidi topici o iniezioni, minoxidil e, in alcuni casi, farmaci immunosoppressori.

10. Urticaria

Cause: Una reazione allergica o una risposta immunitaria anomala.

Sintomi: Placche pruriginose e gonfie, di solito temporanee.

Trattamento: Antistaminici, corticosteroidi orali e, in casi cronici, farmaci immunosoppressori.

Le patologie dermatologiche variano notevolmente in termini di gravità e trattamento. Mentre alcune condizioni, come l'acne, possono essere più un disturbo estetico, altre, come il melanoma, possono avere gravi implicazioni per la salute se non trattate adeguatamente.

Come abbiamo anticipato all’inizio del nostro articolo resta di fondamentale importanza consultare un dermatologo per avere una diagnosi corretta e un trattamento appropriato e personalizzato.

La pelle è un indicatore della nostra salute generale, quindi prendersi cura di essa dovrebbe essere una priorità per noi tutti.

Redazione
Scritto da Redazione

La redazione di Pazienti.it crea contenuti volti a intercettare e approfondire tutte le tematiche riguardanti la salute e il benessere psificofisico umano e animale. Realizza news e articoli di attualità, interviste agli esperti, suggerimenti e spunti accuratamente redatti e raccolti all'interno di categorie specifiche, per chi vuole ricercare e prendersi cura del proprio benessere.

Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Redazione
Redazione
in Salute

1784 articoli pubblicati

Contenuti correlati
Una dermatologa
Caviglie gonfie e macchie rosse sulle gambe

Caviglie gonfie e macchie rosse: scopri tutto quello che devi sapere sulla dermatite da stasi: cause, fattori di rischio, diagnosi e trattamenti.