Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Bisogna essere intelligenti per essere pigri

Bisogna essere intelligenti per essere pigri

Ultimo aggiornamento – 23 ottobre, 2015

Indice

La pigrizia, vista sempre in lato negativo, grazie a uno studio effettuato dalla canadese Current Biology, assume finalmente un connotato positivo. Sarebbe l’istinto a portarci ad essere pigri. Il cervello, infatti, sarebbe programmato per contenere il consumo di energia, immagazzinarla e rilasciarla solo nel reale momento del bisogno.

La mattina tutti i vostri colleghi di lavoro si alzano all’alba per farsi un’ora di jogging, mentre voi vi godete ancora il tepore sotto le coperte? Non è per colpa vostra! Finita la giornata lavorativa, vi fiondate subito a casa, saltando a piè pari la palestra? È l’istinto che vi spinge a farlo.

La vostra riserva di energia va preservata e il vostro corpo sa quando va fatto in maniera anche più intelligente di chi non sente di doversi fermare.

Quindi, sì alla pigrizia?

Per arrivare a queste conclusioni, i ricercatori hanno fatto camminare dei volontari all’interno di un esoscheletro, un macchinario che simula il corpo umano, il quale gravava in particolare sulle ginocchia, di modo che la passeggiata risultasse più faticosa. Il cambiamento è stato subito immediato; l’andatura della camminata è stata modificata per far sì che lo sforzo risultasse minimo.

L’energia risparmiata è stata del 5%, veramente un’inezia, ma questo dato è bastato perché i ricercatori arrivassero alla conclusione che il consumo, e di conseguenza, il risparmio energetico, non è dovuto ai nostri movimenti o alla nostra volontà, ma è un elemento insito in noi.

La coordinatrice della ricerca, la dottoressa Jessica Selinger, ha voluto precisare che: “Il nostro sistema nervoso è in grado, e deve, monitorare e ottimizzare il consumo di energia, in modo rapido e preciso. La conclusione è che bisogna essere intelligenti per essere pigri”.

Mostra commenti
Il formaggio: una volta che si inizia a mangiarlo non si riesce a smettere
Il formaggio: una volta che si inizia a mangiarlo non si riesce a smettere
Scoperto in Italia il primo trattamento farmacologico per l’ictus
Scoperto in Italia il primo trattamento farmacologico per l’ictus
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Gambe e piedi gonfi e pesanti: quando sono sintomi di linfedema?
Gambe e piedi gonfi e pesanti: quando sono sintomi di linfedema?
Adenoma tubulare: è un polipo oppure no?
Adenoma tubulare: è un polipo oppure no?
Chi ha più probabilità di sviluppare la sindrome del tunnel carpale?
Chi ha più probabilità di sviluppare la sindrome del tunnel carpale?
Insonnia e suicidio: qual è la relazione?
Insonnia e suicidio: qual è la relazione?