Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Pseudoartrosi: come si cura?

Pseudoartrosi: come si cura?

Ultimo aggiornamento – 14 aprile, 2020

pseudoartrosi: quali sono i sintomi
Indice

Dopo una frattura, è possibile che l’osso non si consolidi. Questa è una complicazione causata dall’interruzione dei normali processi di guarigione della frattura. La mancata consolidazione dell’osso viene, appunto, definita pseudoatrosi.

Affinché guarisca, una frattura ha bisogno di una buona stabilità e di un adeguato apporto di sangue, infatti, tramite il sangue sono trasportati tutti i componenti necessari come l’ossigeno, cellule deputate alla produzione di nuovo tessuto e i fattori di crescita.

Le due estremità ossee devono essere posizionate bene e restare ferme per tutto il tempo necessario per la guarigione. Una frattura composta può essere corretta con l’ingessatura oppure, a volte, può essere necessario un intervento chirurgico.

Quali sono le cause della pseudoartrosi?

Le pseudoartrosi sono più frequenti nei distretti in cui la vascolarizzazione ossea non è adeguata.

Ossa, come il femore prossimale e le piccole ossa del polso (ad ex. lo scafoide), sono dotate di un circolo piuttosto precario: l’afflusso di sangue può essere facilmente interrotto in caso di frattura.

Alcune ossa, come la tibia, hanno un discreto apporto ematico ma, essendo ricoperte da un sottilissimo strato di tessuti molli che può facilmente essere danneggiato in caso di traumi gravi, il trauma può compromettere l’irrorazione della zona interessata.

Quali sono i sintomi della pseudoartrosi?

Il sintomo principale è il dolore nella zona interessata che può essere costante o dovuto a carico e/o a movimento.

Come viene diagnosticata la pseudoartrosi?

La pseudoartrosi si diagnostica tramite:

  • Radiografie
  • Risonanza magnetica nucleare
  • Esami di laboratorio per escludere eventuali cause che favoriscono la pseudoartrosi, come infezioni, anemia o diabete

Come viene trattata la pseudoartrosi?

Il trattamento può essere chirurgico e non chirurgico.

  • Trattamento non chirurgico: si sono dimostrati efficaci i campi elettromagnetici pulsati (CEMP) e le onde d’urto. Entrambi i metodi richiedono l’utilizzo di apparecchiature da applicare sulla cute.
  • Trattamento chirurgico: può essere di due tipi, fissazione interna e fissazione esterna. Nel primo caso, vengono utilizzati placche e viti, oppure chiodi endomidollari; nel secondo caso, i capi osseii vengono ancorati sull’osso sano, senza apporre corpi estranei sul punto di pseudoartrosi.

Il trattamento chirurgico può prevedere degli innesti ossei:

  • Innesti ossei autologhi, il frammento osseo da innestare viene prelevato dal paziente stesso.
  • Innesti ossei omologhi, si utilizza osso proveniente da un donatore.
  • Sostituti ossei, materiali sintetici che hanno una composizione molto simile a quella dell’osso umano.

Quali sono i fattori di rischio per la pseudoatrosi?

Sono fattori di rischio tutte quelle condizioni che non permettono un’adeguata vascolarizzazione del tessuto osseo interessato. Tra queste le principali sono:

  • fumo
  • età avanzata
  • anemia
  • diabete
  • assunzione di analgesici
  • corticosteroidi
  • infezione
  • carenza di proteine, calcio, vitamina C e vitamina D

 

Mostra commenti
Fibrillazione atriale: come curarla con la cardiochirurgia
Fibrillazione atriale: come curarla con la cardiochirurgia
La classificazione delle aritmie
La classificazione delle aritmie
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Dolori vari: quando applicare il caldo e quando il freddo?
Dolori vari: quando applicare il caldo e quando il freddo?
Insieme a “FraParentesi” per offrire supporto a chi vive con un tumore
Insieme a “FraParentesi” per offrire supporto a chi vive con un tumore
Rimedi naturali per le unghie incarnite
Rimedi naturali per le unghie incarnite
Individuati i geni che causano la spina bifida
Individuati i geni che causano la spina bifida