Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Riduzione Pene

Eseguito il primo intervento al mondo di riduzione del pene

Alessandra Lucivero | Editorial Manager a Pazienti.it

Ultimo aggiornamento – 18 Febbraio, 2015

Eseguito il primo intervento al mondo di riduzione del pene

Non sempre le dimensioni contano, seppur quando si parla di pene, la convinzione generale vuole che “tanto” sia sinonimo di gloria e fierezza. Ma, a volte, “il troppo storpia”, ed è questo il caso di un giovane ragazzo di 17 anni che, in Florida, è stato costretto a sottoporsi a un intervento di riduzione del pene, per la prima volta al mondo.

Il caso

La notizia ha subito riecheggiato da Stato a Stato, superando l’oceano per giungere alle nostre orecchie attente. L’ironia si spreca, qualche sorrisino anche, ma la vera notizia sta nel valore e nella grandezza dell’intervento eseguito, che apre la strada a nuove soluzioni di terapia chirurgica. Nel caso specifico del ragazzo “super-dotato”, i medici si sono trovati davanti a un pene di 18 cm di lunghezza e 25 cm di larghezza, una dimensione eccezionale, a tal punto da limitare la vita del paziente, impossibilitato a indossare gli abiti comuni dei teenager, a praticare attività sportive e, soprattutto, ad avere una normale e sana vita sessuale.

Ovviamente, è subito partita una indagine medica, poi pubblicata sul The Journal of Sexual Medicine, dove è emerso che, tra i disturbi manifestati dal paziente, c’era anche una fastidiosa forma di priapismo, ovvero un’erezione improvvisa e involontaria che deformava l’organo sessuale, rendendolo, a dire dei medici, delle dimensioni di un pallone da rugby.

Le impressioni degli specialisti

Sembra il sogno di ogni uomo ma, sfortunatamente, nonostante la lunghezza e la durata generose, la circonferenza era esagerata, soprattutto nel mezzo“, ha spiegato il medico curante del giovane ragazzo, il dottor Rafael Carrion, urologo alla University of South in Florida.

Davanti a questo caso unico al mondo, lo specialista non ha fatto altro che scegliere la strada terapeutica più conveniente per la salute del paziente: l’intervento. Per l’operazione si è eseguita la procedura standard che si usa per trattare la malattia di Peyronie.

L’intervento è andato a buon fine. Risultato? Un pene come nuovo, di dimensioni generose, ma tutto sommato normali. “Il paziente era sorridente e completamente soddisfatto“, ha affermato il dr. Carrion, sottolineando soprattutto che l’organo non è stato assolutamente leso in sensibilità e vigore.

Un grande successo, che può far star tranquilli gli uomini.

Mostra commenti
Tremore delle palpebre: ecco cosa fare
Tremore delle palpebre: ecco cosa fare
Marijuana: una possibile cura per la depressione
Marijuana: una possibile cura per la depressione
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
I rimedi più efficaci per le labbra screpolate
I rimedi più efficaci per le labbra screpolate
Come curare le ragadi alle mani
Come curare le ragadi alle mani
Antivomito: quali sono i farmaci più indicati e i rimedi naturali più efficaci?
Antivomito: quali sono i farmaci più indicati e i rimedi naturali più efficaci?
Come riconoscere la gastroenterite (qualsiasi sia la sua natura)
Come riconoscere la gastroenterite (qualsiasi sia la sua natura)