Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Cistoscopia 28 Anni

Come si legge la cistoscopia di un ragazzo di 28 anni?

Salve, sono un ragazzo di 28 anni, un paio di settimane fa, ho fatto una visita urologica. Erano diversi anni che, a volte, avevo dei forti sintomi di andare in bagno e trovare difficoltà nella minzione. Altri fastidi erano una minzione non sempre forte e il bisogno di andare spesso in bagno. Da diverso tempo, soffrivo di eiaculazione precoce. Avendo spiegato queste cose all'urologo, mi ha fatto una radiografia ai reni e mi ha infilato un tubicino su per il pene. Infine mi ha consegnato il seguente referto: "sensazione di tenesmo vescicale, mitto ipovalido, nicturia variabile, pollachiuria variabile, difficoltoso passaggio di nelaton, 14ch, EO; genitali esterni nella norma. Addome trattabile su tutti i quadranti. Giordano negativo bilaterale, ER: prostata poco aumentata di volume (piccola albicocca) consistenza teso elastica parenchimatosa. Margini netti". L'esame delle ecografie: "reni in sede, nella norma per morfologia ecostruttura e dimensioni, capsula del parechima omogeneo e placche di randal ben visualizzate, assenza di dilatazione calico-pielica bilaterale, presenza di microlitiasi bilaterale senza evidenti formazioni indice corto-midollare nella norma. vescica ben distesa, assenza di lesioni endovescicali e/o neoformazioni aggettanti endoluminali." Dopo questa visita mi ha detto di effettuare una cistoscopia per una sospetta stenosi uretrale. Mi ha detto di fare le analisi del sangue e quelle delle urine e mi ha prescritto un antibiotico. Pochi giorni fa ho fatto la cistoscopia e dall'esame diagnostico sono state rilevate: "uretra pervia a cistoscopia flessibile, uretra prostatica deformata da medio adenoma, collo vescicale molto rilevato ed ostruente. osti uretrali visualizzati bene, vescica ampia e normodistensibile, assenza di lesioni endoluminali e/o neoformazioni aggettanti endoluminale." Mi ha prescritto sp Xatral 10 1 capsula dopo cena per 3 mesi. A cosa è attribuibile questa anomalia? Mangio in modo sano, frequento la palestra 3 volte alla settimana e assumo qualche integratore (aminoacidi e proteine). Nonostante un'accurata alimentazione ho riscontrato un valore di colesterolo di 250 sui 200 della media. Buona giornata.

Io mi sarei comportato in modo molto differente. Innanzitutto, non avrei sottoposto il paziente ad esami inizialmente invasivi, avrei fatto una esplorazione digitale rettale, avrei proposto al paziente  se fosse risultata una prostata dolente ed infiammata, un esame ecografico vescicale e prostatico con residuo post minzionale ed esame Uroflussimetrico in contemporanea. Se dopo gli esami fosse risultata la presenza di un residuo post minzionale, avrei proposto una terapia con decongestionanti prostatici a base di Serenoa Repens, Sermed 350 mg cp, una cp al mattino ed una cp alla sera, a stomaco pieno  per un periodo di 90 giorni, ottimo Nutraceutico. Avrei poi proposto al paziente un controllo dopo i 90 giorni di terapia con il Sermed.

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Umberto Santaniello
Dr. Umberto Santaniello
Crotone - Via Venezia 124
Altre risposte di questo specialista
Psa 4,86: è il caso di fare una biopsia?
Per me assolutamente no, contatta un urologo e cerca di sapere se è una congestione prostatica, in tal caso, basta una terapia decongestionante con prodotti...
Integratori per l'ipb: qual è quello più consigliato?
Buongiorno, francamente non prescrivo nè l'uno nè l'altro. Preferisco il Sermed, che è sempre un nutraceutico, ma mi ha...
Minzione notturna frequente: cosa fare?
Non è affatto normale, si è accorciato il tempo interminzionale per cause inerenti a congestione prostatica e, di conseguenza, ti alzi di notte. ...
Vedi tutte
Risposte simili
Sangue nelle urine: cosa fare?
L’ematuria da cui è affetto tuo figlio può essere dovuta a patologie renali come glomerulonefriti, ovvero infiammazioni acute o croniche del rene, oppure...
Infezione delle vie urinarie nel neonato: come si manifesta?
Ti descriverò alcuni sintomi, che però variano a seconda dell’età, ma diciamo che nel neonato si possono riscontrare: febbre oltre 38 gradi e mezzo,...
Esame citologico delle urine: cos'è?
L'esame citologico delle urine è un test diagnostico utilizzato per studiare le cellule che rivestono la parete della vescica. Parte di queste cellule vengono infatti...