Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Dispnea Cure

Come si cura la dispnea?

Sono un ragazzo di 25 anni, 170 cm, 100 kg, da sempre affetto da allergia a pollini, graminacee, polveri e acari che per anni mi ha provocato rinite, pruiti, congiuntivite, etc. 5 mesi or sono ho cominciato ad accusare sintomi di dispnea inspiratoria a riposo, sensazioni di non assumere aria a sufficienza e mi sono rivolto ad uno pneumologo. Dopo aver effettuato i test allergologici, le radiografie del torace e dei seni nasali e paranasali e i vari test del respiro, ho riscontrato un residuo al polmone alla base destra di una polmonite avuta a febbraio che ho curato con antibiotico. Da allora dopo questa polmonite sono sempre a corto di respiro congestione nasale mal di testa molto frequenti disagio personale, ansia di scendere in strada paura di affrontare la vita al di fuori della mia abitazione. Alla luce di questo, a luglio, dopo una visita con il primario, sono stata ricoverato per accertamenti in un'ottima pneumologia dove ho eseguito broncoscopia, gastroscopia, raggi, test allergici, svariati esami al cuore etc e sono stato dimesso con la diagnosi di gastrite cronica, residui di polmonte con cura antibiotica, allergia(graminacee, acari,ulivo), con cura di aerius e aliflus che ho assunto fino ad oggi. Sottoposto a spirometria e visita che hanno evidenziato condizioni buone. Arrivo al punto. Da quattro giorni di nuovo dispnea selvaggia. Stessi sintomi di sempre e conseguente condizione di assoluto disagio da parte mia. Inoltre le sto pensando tutte, versamento pleurico, pleurite, veramento pericardico, pneumotorace... tuttavia non ho altri sintomi, la dispnea non aumenta con lo sforzo, la pressione è normale per i miei standard (110-70). Torno a precisare che si tratta esclusivamente di dispnea inspiratoria, niente fischi, niente rantoli, niente di niente. Dopo tutto questo papiro, avete qualche indicazione da darmi?

Tutti gli accertamenti eseguiti dovrebbero consentire di escludere patologie pleuro-pericardiche. Potrebbe trattarsi di iperreattività bronchiale, di sindrome rino-bronchiale o di sindrome ansiosa.

Consiglio l'esecuzione di un test di broncoreattività con metacolina. 

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Antonio Giulio Piacenza
Dr. Antonio Giulio Piacenza
Monza e Brianza - Via Mario Preda,11B
Altre risposte di questo specialista
Rx ai polmoni: come si leggono?
Buongiorno, non avendo la possibilità di visualizzare le immagini e non conoscendo i dati clinici del paziente (età, fattori di rischio, co-patologie,...
Radiografia ai bronchi: come si legge?
Buongiorno, il rinforzo del disegno bronco-vasale è un reperto di frequente riscontro in una radiografia del torace, ma generalmente non è di...
Rx al torace: come si legge?
Buongiorno, dal referto cartaceo, non sembrano emergere particolari e preoccupanti problemi. Tuttavia, sono stati evidenziati segni di bronchite cronica e...
Tac toracica: come si legge?
Buongiorno, non si tratta di un referto positivo. Vi è la presenza di una massa voluminosa (larga quasi 8 cm) nel
Gorgoglii nei bronchi: quali potrebbero essere le cause?
Gentile paziente, non mi dici quanti anni hai, se fumi e che lavoro fai. Comunque. 2 mesi di
Vedi tutte
Risposte simili
Polmonite: è necessaria la terapia intensiva?
Sì, quando il quadro clinico lo richiede, qualora si verifichino complicazioni di tipo trombotico, infarto polmonare, necrosi emorragica. Per evitare che il decorso abbia...
Trapianto di polmone: quando è indispensabile?
Il trapianto di polmone viene riservato ai pazienti con deterioramento progressivo della funzione polmonare ed aspettativa di vita limitata a 12-18 mesi. Per...
Fibrosi cistica: è consigliato il trapianto di polmone?
La fibrosi cistica è una malattia genetica autosomica recessiva, causata da una mutazione del gene CFTCR (Cystic Fibrosis Transmembrane Conductance Regulator) che codifica una...