Come cuocere le castagne: ecco tutti i segreti

Mattia Zamboni | Seo Content Specialist

Ultimo aggiornamento – 17 Novembre, 2023

Uomo cuoce le castagne

Le castagne, con il loro sapore caldo e avvolgente, sono un vero e proprio simbolo dell'autunno: questi deliziosi frutti secchi sono l'ingrediente perfetto per creare piatti ricchi di sapore in questa stagione.

Viene naturale, quindi, chiedersi "come cucinare le castagne?" Cerchiamo di esplorare i vari metodi di cottura delle castagne, dai tradizionali a quelli più moderni.

La cottura tradizionale delle castagne

Ecco, di seguito, tutti i metodi per preparare le castagne.

Come si cuociono le castagne in padella

Uno dei modi più tradizionali per cucinare le castagne è nella padella. Ecco come farlo.

Cosa serve:

  • castagne fresche o essiccate;
  • un coltello affilato;
  • una padella antiaderente;
  • un coperchio.

Procedimento:

  • praticare un'incisione a forma di X sulla parte superiore di ciascuna castagna fresca. Questo impedisce che esplodano durante la cottura;
  • riscaldare la padella antiaderente a fuoco medio-alto;
  • mettere le castagne nella padella calda e coprirle con un coperchio;
  • agitare la padella di tanto in tanto per garantire una cottura uniforme;
  • cuocere le castagne per circa 15-20 minuti, finché la buccia non si spacca facilmente;
  • spegnere il fuoco e lasciarle riposare per alcuni minuti. Le castagne saranno calde e pronte da gustare.

Cucinare castagne al forno

Vediamo come fare le castagne al forno. Ecco il procedimento.

Cosa serve:

  • castagne fresche;
  • un coltello affilato;
  • una teglia da forno;
  • un coperchio o carta stagnola.

Procedimento:

  • praticare un'incisione a forma di X sulla parte superiore di ciascuna castagna fresca;
  • preriscaldare il forno a 200°C;
  • mettere le castagne nella teglia e coprirle con un coperchio o carta stagnola;
  • cuocere le castagne nel forno per circa 20-30 minuti o finché la buccia non si spacca facilmente;
  • spegnere il forno e lasciare riposare il tutto per alcuni minuti prima di servirle.

Cottura castagne al microonde

Ecco come preparare le castagne utilizzando il microonde:

Cosa serve:

  • castagne fresche;
  • un coltello affilato;
  • un piatto adatto al microonde;
  • un coperchio o un foglio di carta da cucina.

Istruzioni:

  • fare un'incisione a forma di X sulla parte superiore della castagna fresca;
  • disporre le castagne su un piatto adatto al microonde;
  • coprire le castagne con un coperchio o un foglio di carta da cucina;
  • cuocere le castagne a potenza media nel microonde per 5/7 minuti, assicurandosi di controllarle regolarmente per evitare che si brucino;
  • lasciarle riposare per qualche minuto prima di gustarle.

Alla griglia

La cottura delle castagne alla griglia è un'ottima opzione se si desidera un sapore affumicato e un tocco di croccantezza. Ecco come farla:

Ingredienti:

  • castagne fresche;
  • un coltello affilato;
  • una griglia per barbecue o una griglia da cucina.

Istruzioni:

  • praticare un'incisione a forma di X sulla parte superiore della castagna;
  • accendere il barbecue o la griglia da cucina e lasciare che le fiamme si riducano, in modo che si formi una brace moderata;
  • mettere le castagne direttamente sulla griglia e cuocerle per circa 10-15 minuti, girandole di tanto in tanto;
  • quando la buccia si spacca e la polpa risulta morbida, sono pronte per essere gustate.

Come pelare le castagne

Indipendentemente da come si cucinano, è sempre utile sapere come pelare le castagne prima di mangiarle.

Ecco come farlo correttamente:

  • dopo la cottura, lasciare raffreddare leggermente le castagne in modo che siano abbastanza calde da maneggiare ma non brucianti;
  • usare un coltello affilato, o le dita, per rimuovere la buccia esterna, partendo dall'incisione a forma di X.

Successivamente, la polpa interna sarà morbida e pronta per essere gustata.

Come conservare le castagne

Ecco come fare se si vuole conservare le castagne in modo corretto:

  • in frigorifero: le castagne fresche possono essere conservate nel cassetto del frigorifero per diverse settimane. Occorre, però, assicurarsi che siano ben asciutte prima di metterle in un sacchetto di plastica perforato;
  • congelatore: è possibile anche congelare le castagne per conservarle a lungo termine. Prima di ciò, però, occorre pelarle e tagliarle in pezzi, quindi metterle in sacchetti per alimenti sigillati;
  • essiccazione: se si desidera conservarle per periodi ancora più lunghi, è possibile essiccare le castagne. Dopo averle pelate, tagliarle in pezzi e metterle in un essiccatore o in un forno a temperatura bassa fino a quando diventano completamente secche. Poi, conservarle in un contenitore ermetico.

I benefici delle castagne

Oltre al loro delizioso sapore, le castagne offrono una serie di benefici per la salute.

Ecco alcune ragioni per cui si dovrebbe includere questo alimento nella propria dieta autunnale:

  • ricche di fibre: le castagne sono un'ottima fonte di fibre alimentari, che favoriscono la digestione e la sazietà;
  • alte in vitamina C: contrariamente a molte altre noci, le castagne sono ricche di vitamina C, che supporta il sistema immunitario e promuove la salute della pelle;
  • buon quantitativo di sali minerali: contengono potassio, fosforo, calcio e magnesio;
  • fonte di antiossidanti: contengono antiossidanti come il manganese e il rame, che aiutano a combattere lo stress ossidativo nel corpo;
  • basso contenuto di grassi saturi: le castagne sono relativamente basse in grassi saturi, il che le rende un'opzione salutare per uno spuntino o un ingrediente nei piatti.

Mediamente le castagne apportano 174Kcal/100g, distribuite per il 79% da carboidrati, 9% grassi, 7% proteine ed il 5% di fibre.

Mattia Zamboni | Seo Content Specialist
Scritto da Mattia Zamboni | Seo Content Specialist

Ho conseguito la laurea in Scienze della Comunicazione con un particolare focus sullo storytelling. Con quasi un decennio di esperienza nel campo del giornalismo, oggi mi occupo della creazione di contenuti editoriali che abbracciano diverse tematiche, tra cui salute, benessere, sessualità, mondo pet, alimentazione, psicologia, cura della persona e genitorialità.

a cura di Dr. Luca Berton
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Contenuti correlati
Del pane
Il glutine fa male a tutti o solo in presenza di patologie?

Il glutine fa male a tutti o solo in presenza di alcune patologie come celiachia, sensibilità al glutine, malattie autoimmuni e patologie intestinali?

kefir
Kefir: scopri tutte le controindicazioni e gli effetti collaterali

Kefir controindicazioni ed effetti collaterali, ecco quando è bene limitare, o eliminare, questa bevanda nota per i suoi tanti benefici per la salute.