icon/back Indietro Esplora per argomento

Relazioni a distanza: possono funzionare? Ecco 7 consigli

Mattia Zamboni | Seo Content Specialist

Ultimo aggiornamento – 11 Novembre, 2022

Relazioni a distanza: possono funzionare?

Da anni, ormai, all’interno del mondo della coppia persiste sempre la stessa domanda: le relazioni a distanza possono funzionare?

Un amore a distanza non è facile da gestire, ma con una buona dose di comunicazione, impegno e fiducia reciproca si può instaurare un rapporto stabile e duraturo.

In aiuto delle coppie, inoltre, è venuta anche la tecnologia, che rende più facile accorciare le distanze e condividere la quotidianità e le esperienze.

Vediamo, insieme, alcuni consigli su come far funzionare le relazioni a distanza.

In cosa consiste una relazione a distanza? Le tipologie

Innanzitutto, è bene definire il concetto di rapporto a distanza.

Possiamo, quindi, dire che esso si può riscontrare in coppie in cui è praticamente impossibile vedersi quotidianamente – ad esempio se i due partner vivono a 300 km l’uno dall’altro.

Proprio in virtù della distanza, possiamo individuarne tre tipologie:

  • intermittente: ci si incontra solo nel week end. In questo caso, si deve avere ben chiaro che la relazione non può andare avanti così all’infinito, occorre avere ;
  • stabile, ma temporanea: un periodo in cui non ci si riesce a vedere a priori – magari per via dello studio per un esame universitario o un periodo di lavoro di sei mesi. Qui si può provare ad indagare se questa situazione si potrà ripresentare in futuro;
  • stabile, ma costante: simile alla precedente, ma la tempistica non è stata fissata a priori. Parlando di questa specifica situazione, sembra difficile si possa trattare di vero amore, quando gli interessi lavorativi prevalgono sui sentimenti.

In tutti e tre i casi di amore a distanza, i media giocano un ruolo importantissimo; ma attenzione, il contatto online non deve mai sostituire quello fisico diretto.

Vediamo, ora, alcuni pratici consigli per far funzionare una relazione a distanza.

7 consigli per far funzionare una relazione a distanza

Per far funzionare una relazione, anche se lontani, è importantissimo comunicare, condividere esperienze e fare progetti di coppia.

Ecco, dunque, 7 consigli (anche di psicologia) per gestire al meglio un amore a distanza.

Condividere esperienze

undefined

Grazie alla tecnologia, è possibile fare le stesse esperienze nel medesimo momento, aiutando la coppia a rafforzare il legame sentendosi più vicini.

Ecco qualche esempio:

  • guardare un film in contemporanea, con il partner inquadrato in videochiamata;
  • aprire un blog, insieme all’altra persona, per condividere passioni o storie;
  • leggere lo stesso libro, per poterlo poi commentare assieme;
  • cucinare una nuova ricetta in videochiamata.

Circondarsi di persone fidate

Nei momenti di sconforto, è utilissimo avere attorno qualcuno con cui confidarsi, che magari abbia avuto la stessa esperienza in passato.

Ricevere consigli da una persona amica o di famiglia sarà sicuramente d’aiuto e potrà far sentire meno solo chi ne ha bisogno.

Sorprendersi a vicenda

undefined

Potrebbe non essere sempre gradito farsi trovare senza preavviso sotto la casa del partner ma, lasciando qualche indizio, si potrebbe creare un piacevole e gradita sorpresa.

Un esempio potrebbe essere quello di chiedere al proprio partner di andare in un determinato posto con una scusa, e farsi trovare li.

Anche in questo caso, avere fantasia è fondamentale.

Le famose due F: fedeltà e fiducia

Per far funzionare una relazione a distanza, devono sempre esserci fedeltà e fiducia:

  • la fiducia è ancora più importante rispetto alle relazioni non a distanza: si crea tramite la sincerità, la chiarezza e l’apertura verso il partner. Mentire e nascondere qualcosa non serve a nulla;
  • la fedeltà è strettamente legata alla fiducia: se si è decisi a fare sul serio a distanza, dovrete entrambi impegnarvi a non tradire. Il dialogo è sempre la soluzione migliore.

Mai litigare per messaggio

Come nel caso precedente: è importante esternare i propri dubbi o lamentele con serenità e senza aggredire l’altra persona.

Litigare per messaggio non è la soluzione ideale, per una serie di motivi:

  • sono freddi e impersonali;
  • sbagliare la punteggiatura può causare fraintendimenti.

È bene, quindi, preferire un confronto al telefono o in videochiamata.

Un altro errore è quello di rimandare le discussioni a quando ci si incontrerà di persona, facendo, quindi, passare troppo tempo e perdendo l’occasione per affrontare e risolvere i problemi.

Vedersi spesso aiuta

Sembra scontato, ma per far funzionare una relazione a distanza occorre vedersi più tempo possibile.

Ecco alcuni consigli:

  • monitorare costantemente le offerte di treni o voli low-cost;
  • cercate di alternarsi, in modo tale che la distanza non pesi economicamente soltanto su uno dei due;
  • raggiungersi a metà strada, magari pianificando un fine settimana in una terza città.

Comunicazione e positività

Comunicare in maniera serena raccontandosi la quotidianità, comprese le uscite con gli amici e i problemi sul lavoro, è un modo per sentirsi vicini e per conoscere più in profondità l’altra persona.

In una relazione a distanza è importante anche riuscire a mantenere un atteggiamento di positività: evitare di crogiolarsi nel dolore della mancanza o tempestarlo/a di messaggi o telefonate può alleggerire la situazione.

Continuare il più possibile a vivere la propria vita renderà ancora più bello raccontare al partner come è andata la giornata.

L'importante è non essere troppo dipendenti dal proprio partner, imparando a stare da soli concentrandosi sugli aspetti positivi della storia a distanza. Questi possono essere:

  • quanto sarà bello riabbracciarsi la prossima volta?
  • di cosa parlerete?
  • quanto è bello non dover rendere conto a nessuno?

Quali sono i vantaggi di un amore a distanza?

La distanza in amore, e nella coppia, non è necessariamente un male.

A volte esistono dei vantaggi, come ad esempio:

  • migliora la qualità del tempo insieme;
  • favorisce la passione, dal momento che il desiderio cresce giorno dopo giorno;
  • si evita di forzare il rapporto, ovvero di fare obbligatoriamente delle attività di coppia solo per il gusto di essere insieme;
  • si prende in mano la propria individualità;
  • si litiga meno, almeno di persona.

Quali sono gli svantaggi di una relazione a distanza?

Come in tutte le relazioni, anche in quelle a distanza ci sono delle difficoltà da tenere in considerazione

Eccone alcune:

  • contatto fisico: un abbraccio o una carezza, in determinati momenti difficili, sono molto preziosi. È importante, quindi, dedicarsi il maggior numero di attenzioni quando ci si vede, per poi richiamare alla mente quei ricordi nei momenti di lontananza e di tristezza;
  • difficoltà comunicative: non vedere il partner mentre esprime un concetto ci impedisce di immaginare le sue espressioni facciali, rischiando di interpretare in modo errato quello che vuole dire;
  • scarsa fiducia:‍ è fondamentale fidarsi reciprocamente, condividere i pensieri e preferire un confronto faccia a faccia; non vedere per tanto tempo il proprio partner può rendere difficile fidarsi delle sue azioni;
  • solitudine: come già detto, occorre imparare a stare da soli. Ma in alcune circostanze tutti abbiamo bisogno della vicinanza della persona a cui vogliamo bene.

Come per tutte le relazioni, anche per gli amori a distanza ci vuole una buona capacità comunicativa, non fermandosi alla prima difficoltà: affrontare i momenti di crisi insieme è il primo passo per poterli superare.

Condividi
Mattia Zamboni | Seo Content Specialist
Scritto da Mattia Zamboni | Seo Content Specialist

Ho conseguito la laurea in Scienze della Comunicazione con un particolare focus sullo storytelling. Con quasi un decennio di esperienza nel campo del giornalismo, oggi mi occupo della creazione di contenuti editoriali che abbracciano diverse tematiche, tra cui salute, benessere, sessualità, mondo pet, alimentazione, psicologia, cura della persona e genitorialità.

a cura di Redazione Pazienti
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Contenuti correlati
Sindrome dell'abbandono: cos'è e come si supera
Sindrome dell'abbandono: cos'è e come superarla

Cos'è la sindrome dell'abbandono e da cosa è determinata? Si può risolvere e con quali soluzioni? Ecco tutto quello che c'è da sapere su questo argomento.

Che cos'è l'infatuazione? Scopri di più.
Infatuazione: cosa significa e cosa cambia dall’innamoramento?

L'infatuazione è una fase momentanea in cui la percezione dell'altro segue logiche irrazionali; può finire o evolvere in innamoramento. Cosa cambia? 

icon/chat