Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Influenza Suina

Influenza suina

Influenza suina
Curatore scientifico
Dr. Bruno Tozzi
Specialità del contenuto
Microbiologia e virologia

Che cos’è l'influenza suina?

L’influenza suina è una malattia respiratoria causata da virus che infettano le vie respiratorie dei suini, con conseguente secrezioni nasali, tosse, diminuzione dell'appetito, e comportamento svogliato. L’influenza suina produce la maggior parte degli stessi sintomi che l’influenza tradizionale produce nelle persone. L'influenza suina può durare circa una o due settimane nei suini che sopravvivono. Il virus dell'influenza suina è stato isolato nei suini nel 1930 negli Stati Uniti ed è stato riconosciuto dai produttori di maiali e veterinari come causa di infezioni nei suini in tutto il mondo. In un certo numero di casi, le persone hanno sviluppato l'infezione da influenza suina quando sono state strettamente a contatto con i maiali, e allo stesso modo, le popolazioni di suini sono state occasionalmente infettate con il virus dell'influenza umana. Nella maggior parte dei casi, le infezioni cross-specie sono rimaste a livello locale e non hanno causato infezioni nazionali o mondiali sia nei maiali che negli esseri umani. Purtroppo, questa situazione col tempo è cambiata. I ricercatori hanno definito questa influenza “H1N1” in quanto presenta due principali antigeni di superficie, H1 (emoagglutinina tipo 1) e N1 (neuraminidasi tipo 1). Recenti ricerche mostrano che gli otto filamenti di RNA della H1N1 hanno un filo derivato da ceppi influenzali umani, due dal ceppo dell’influenza aviaria, e cinque da ceppi suini. L'influenza suina si trasmette da persona a persona per inalazione o ingestione di goccioline contenenti virus con starnuti o colpi di tosse, e non si trasmette mangiando carne di maiale cotta.

Quali sono le cause dell'influenza suina?

La causa dell’influenza suina è il tipo di virus influenzale A H1N1. Ha questa denominazione a causa dei due antigeni principali (H e N) rilevabili sulla sua superficie con tecniche immunologiche (H o N o emoagglutinina e neuraminidasi). Nel 2011, un nuovo virus dell'influenza suina è stato rilevato. Il nuovo ceppo è chiamato influenza A (H3N2) e solo poche persone (soprattutto bambini) sono stati infettate.

Perché l'influenza suina può infettare gli esseri umani?

Molti ricercatori ritengono che ora due principali serie di eventi possono portare l’influenza suina a diventare una delle principali cause della malattia influenzale nell'uomo.

In primo luogo, i virus influenzali (tipo A, B, C) sono avvolti all’RNA con un genoma segmentato, il che significa che il codice genetico RNA virale non è un singolo filamento di RNA, ma esiste come otto diversi segmenti di RNA nei virus influenzali. Varie combinazioni di segmenti di RNA possono provocare un nuovo sottotipo di virus (questo processo è noto come shift-antigenico) che può avere la capacità di infettare preferenzialmente umani, mostrando ancora caratteristiche del virus dell'influenza suina. È anche possibile includere filamenti di RNA di uccelli, maiali, e virus dell'influenza umana in un virus, se una singola cellula si infetta con tutti e tre i tipi di influenza . In secondo luogo, i maiali possono svolgere un ruolo unico come intermediari per i tipi di influenza, perché le cellule respiratorie del maiale possono essere infettate direttamente con il virus aviario, umano e con altri virus influenzali dei mammiferi. Di conseguenza, le cellule respiratorie del suino possono essere infettate con molti tipi di influenza e possono funzionare come un crogiolo per i segmenti dell’RNA dell’influenza.

Quali sono i sintomi dell’influenza suina?

I sintomi dell'influenza suina sono simili alla maggior parte delle infezioni influenzali: febbre, tosse, secrezioni nasali, affaticamento e mal di testa sono stati segnalati nei soggetti più infetti. Alcuni pazienti possono avere nausea, vomito e diarrea. In Messico, molti dei pazienti inizialmente infettati con l'influenza H1N1 erano giovani adulti, il che ha lasciato ipotizzare ai ricercatori che una forte risposta immunitaria, tipica nei giovani, può causare qualche danno collaterale ai tessuti.

Alcuni pazienti sviluppano sintomi respiratori gravi e necessitano di supporto respiratorio. I pazienti possono avere la polmonite se l'infezione virale persiste, e alcuni possono sviluppare anche  convulsioni. La morte è spesso provocata da infezione batterica secondaria dei polmoni; antibiotici appropriati devono essere utilizzati in questi pazienti.

Il tasso di mortalità per le influenze di tipo A è di circa lo 0,1%, mentre l’epidemia di influenza spagnola del 1918 ha avuto un tasso stimato di mortalità tra il 2% ed il 20%. L’influenza suina in Messico ha avuto circa 160 morti e circa 2.500 casi confermati, che corrispondono a un tasso di mortalità di circa il 6%, ma questi dati iniziali sono stati rivisti e il tasso di mortalità in tutto il mondo attualmente è stimato in numero molto inferiore. Entro il giugno 2009, il virus ha raggiunto 74 paesi diversi in tutti i continenti ad eccezione dell'Antartide, e da settembre 2009, il virus era stato segnalato nella maggior parte dei paesi in tutto il mondo. Per fortuna, il tasso di mortalità della H1N1 è rimasto basso e simile a quello dell'influenza normale.

Il motivo per cui il tasso di mortalità è rimasto molto inferiore a quello previsto include una maggiore sensibilizzazione del pubblico e la mobilitazione governativa che ha prodotto un aumento di igiene (in particolare il lavarsi delle mani), lo sviluppo abbastanza rapido di un nuovo vaccino, l’auto-isolamento dei pazienti che hanno avuto lo sviluppo dei sintomi. 

Come viene diagnosticata l’influenza suina?

L'influenza suina è presuntivamente diagnosticata clinicamente dalla storia del paziente, per l’associazione con persone note per avere la malattia ed i sintomi sopra elencati. Di solito, un test rapido (ad esempio, un campione del tampone nasofaringeo) viene fatto per vedere se il paziente è stato infettato da virus dell'influenza A o B. Il test può essere negativo (nessuna infezione influenza) o positivo per il tipo A e B. Se il test è positivo per il tipo B, l'influenza non è probabile che sia l'influenza suina. Se è positivo per il tipo A, la persona potrebbe avere un ceppo tradizionale influenza o l’influenza suina. L’influenza suina viene definitivamente diagnosticata identificando gli antigeni particolari associati al tipo di virus. In generale, questo test è fatto in un laboratorio specializzato e non è fatto da molti studi medici o laboratori ospedalieri. Tuttavia, studi medici sono in grado di inviare i campioni a laboratori specializzati, se necessario.

Quale trattamento è disponibile per l'influenza suina?

Il miglior trattamento per le infezioni di influenza nell'uomo è la prevenzione, insieme con la vaccinazione. Il lavoro di diversi laboratori ha recentemente prodotto vaccini, ma quasi tutti hanno alcuni effetti collaterali, identici a quelli dei vaccini contro l'influenza tradizionale.

Chi è più a rischio di contrarre l'influenza suina?

La vaccinazione per prevenire l'influenza è particolarmente importante per le persone che sono ad aumentato rischio di gravi complicanze da influenza o ad alto rischio di contrarre l’influenza.

Quando la fornitura di vaccini è limitata, le campagne di vaccinazione dovrebbero concentrarsi sulla fornitura di vaccinazione per le seguenti tipologie in quanto tali persone hanno un rischio più elevato di contrarre l’H1N1:

  • bambini da 6 mesi a 4 anni di età
  • persone di oltre 50 anni e anziani
  • adulti e bambini che hanno malattie polmonari, cardiovascolari, renali, epatiche, neurologiche, ematologiche, o malattie metaboliche croniche.
  • persone con  immunosoppressione, causata da farmaci o da HIV
  • donne che sono o saranno in stato di gravidanza durante la stagione influenzale
  • bambini e adolescenti che ricevono terapia a lungo termine con aspirina e che potrebbero essere a rischio di sperimentare la sindrome di Reye dopo l’infezione del virus influenzale
  • residenti di case di cura d altre strutture di assistenza a lungo termine
  • persone patologicamente obese
  • operatori sanitari come medici e infermieri

L’influenza suina può essere prevenuta?

Un buon modo per prevenire qualsiasi malattia influenzale è quello di evitare l'esposizione al virus, e questo è possibile lavandosi spesso le mani, non toccando con le mani il viso (in particolare il naso e la bocca), ed evitando di stare nelle immediate vicinanze o a stretto contatto con le persone che possono avere sintomi influenzali. Dal momento che il virus può rimanere vitale e contagioso per circa 48 ore su molte superfici, è raccomandata una buona igiene e una profonda pulizia con acqua e sapone o con disinfettanti a base di alcool.

L'uso di farmaci antivirali può aiutare a prevenire l'influenza, se presi prima che i sintomi si sviluppino o al massimo entro 48 ore dopo che i sintomi si sono sviluppati. Alcuni ricercatori sostengono che la somministrazione di questi farmaci è ancora utile dopo 48 ore, in particolare nelle fasce di popolazione ad alto rischio. Tuttavia, l'assunzione di questi farmaci non è raccomandata di routine per la prevenzione per la popolazione sana, perché è possibile che i ceppi influenzali sviluppino una resistenza a questi farmaci. 

Può l’influenza suina essere evitata se il vaccino contro l'influenza H1N1 non è facilmente reperibile?

Sebbene la vaccinazione sia una soluzione valida per prevenire l’H1N1, ci potranno essere momenti in futuro in cui il vaccino potrebbe non essere disponibile. Attualmente, non ci sono carenze di vaccino antinfluenzale trivalente che contiene gli antigeni H1N1. Tuttavia, durante la pandemia H1N1 del 2009, questa situazione si è verificata, e la gente voleva sapere cosa poteva fare per proteggersi. Se, in futuro, le forniture di vaccino non soddisferanno le richieste, ci sono alcune cose da far fare per cercare di prevenire l'infezione. Senza vaccinazione, la strategia migliore è quella di non permettere ad alcun tipo di virus di venire a contatto con noi, attraverso ad esempio, il muco di una persona. L’eventuale quarantena di persone infette è una misura estrema che può funzionare in alcuni casi (ad esempio, la Cina utilizza questo metodo), ma anche con la messa in quarantena, il virus può ancora diffondersi tramite persone che hanno sintomi minimi o nessun sintomo.

Il passo successivo, che è il più facile da attuare da parte degli individui, è di mettersi in auto-quarantena fino a quando non si è guariti completamente (circa da 7 a 10 giorni dopo che i sintomi influenzali siano scomparsi). Le persone infette possono indossare mascherine per ridurre la quantità di goccioline di tosse e di starnuti e possono buttare via i tessuti contaminati.

Forse il modo migliore per gli individui per cercare di prevenire l'infezione da virus influenzale è una combinazione di metodi che hanno lo scopo di soddisfare il principio di base che, se il virus non riesce a raggiungere le cellule della membrana che genera di muco, l'infezione sarà impedita. I metodi sono i seguenti:

1.     uccidere o inattivare il virus prima che raggiunga una cellula umana, utilizzando acqua e sapone per pulire le mani, il lavaggio abiti e fare la doccia

2.     utilizzare un gel a base di alcool per disinfettante per le mani, se acqua e sapone non sono facilmente disponibili, e utilizzare disinfettanti sugli oggetti con cui molte persone possono venire a contatto (ad esempio, maniglie delle porte, tastiere di computer, telefoni, corrimano), anche se alcuni ricercatori suggeriscono che tali disinfettanti siano generalmente inefficaci

3.     non toccare la bocca, gli occhi, il naso, a meno che prima non siano stati messi in atto i punti 1 o 2 di cui sopra

4.     evitare le folle, feste, e soprattutto le persone che hanno tosse e producono starnuti

5.     non toccare o mangiare spuntini fuori dai contenitori sterili alle feste

Qual è la prognosi e quali sono le complicanze per i pazienti con influenza suina?

In generale, la maggior parte (circa il 90%-95%) delle persone che hanno la malattia recuperano senza problemi, come si è visto nei pazienti in Messico, negli Stati Uniti e in molti altri paesi.

Le persone con un sistema immunitario compromesso hanno risultati peggiori rispetto agli altri individui. I dati attuali suggeriscono che gli individui in stato di gravidanza, i bambini sotto i 2 anni di età, gli individui con sistema immunitario compromesso o debilitato possono avere una prognosi peggiore. Le complicazioni dell’H1N1 possono assomigliare ad una grave polmonite virale o alla SARS, sindrome respiratoria acuta causata da un ceppo coronavirus. All'inizio della pandemia dell’influenza suina, il numero di persone con malattia simil-influenzale erano più alte del solito e la malattia inizialmente ha interessato una popolazione molto più giovane rispetto all’influenza tradizionale. Quando la pandemia è progredita, sempre più bambini si sono infettati, ma le statistiche di mortalità sono diventate più simili al tasso di mortalità dell'influenza tradizionale, con la popolazione più anziana con il più alto tasso di morte. La buona notizia è che la maggioranza delle persone nel mondo che hanno contratto l'influenza H1N1 guariscono senza cure mediche e hanno una prognosi eccellente.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Botriocefalosi
La botriocefalosi è una malattia di genere parassitario, che insorge a causa del pesce crudo contaminato. In particolar modo è più sogget...
Anchilostomi
Con questo nome si indicano dei parassiti, che infettano polmoni ed intestino tenue. Questi parassiti entrano in contatto con l’uomo attr...