Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. 10 rimedi naturali contro le infezioni alle vie urinarie

10 rimedi naturali contro le infezioni alle vie urinarie

Ultimo aggiornamento – 14 Aprile, 2020

Cistite: i Cibi per Combattere l'Infezione

Le infezioni vescicali, o del tratto urinario, sono alcune tra le più frequenti tipologie cliniche di infezioni batteriche nelle donne.

Più del 50% delle donne, infatti, sviluppa almeno una volta nella vita un’infezione del tratto urinario o sintomi correlati e, dal momento che gli antibiotici costituiscono il metodo di trattamento standard più utilizzato, i batteri hanno sempre di più sviluppato fenomeni di antibioticoresistenza e le infezioni ricorrenti sono diventate un problema veramente rilevante in molti di questi casi.

Per questa ragione, è importante utilizzare anche metodi naturali ed efficaci per eliminare completamente i batteri responsabili dei disturbi alle vie urinarie, come l’Escherichia coli, riducendo così il rischio di sviluppare ricorrenze e recidive.

Come dire stop alle infezioni alle vie urinarie!

Fra i migliori rimedi naturali contro le infezioni troviamo semplici accorgimenti o comportamenti salutari da seguire, come bere molti liquidi, evitare di indossare indumenti intimi sintetici e poco traspiranti, e assumere cibi, come il mirtillo rosso, o sostanze, come la Vitamina C e i fermenti lattici.

Vediamo, dunque, quali sono 10 buoni consigli da seguire:

  1. Bere molti liquidi: bere acqua o tisane durante la giornata aiuta a “lavare via” i batteri dall’organismo. Uno studio, condotto nel 2013 dall’Università Southwestern Medical Center di Dallas, ha scoperto che un basso livello di assunzione di liquidi sembra essere un importante fattore nella patogenesi delle infezioni vescicali. Si consiglia di bere almeno un bicchiere d’acqua per ogni pasto o snack durante il giorno, per espellere i batteri che possono causare infezioni.
  2. Urinare spesso: urinare spesso, o almeno ogni volta che insorge lo stimolo, assicura che non si verifichi la crescita batterica dei microrganismi già presenti nell’urina all’interno della vescica. È anche ritenuto importante urinare il prima possibile al termine di un rapporto sessuale, per eliminare i batteri che possono aver raggiunto l’uretra. Studi dimostrano che trattenere l’urina per lunghi periodi di tempo consente ai batteri di moltiplicarsi nel tratto urinario.
  3. Mantenersi asciutti e puliti: le donne dovrebbero pulirsi dalla parte anteriore verso quella posteriore, specialmente dopo un movimento delle viscere. Questo semplice accorgimento assicura che i batteri fecali non finiscano nell’uretra. È, inoltre, importante indossare abiti e biancheria intima comodi, che permettano all’aria di penetrare e mantenere asciutta l’uretra. Quindi, non sono considerati salutari jeans stretti o tessuti sintetici.
  4. Evitare l’uso di spermicidi: gli agenti spermicidi possono favorire l’irritazione e permettere ai batteri di crescere e moltiplicarsi. Anche utilizzare profilattici non lubrificati può favorire l’irritazione; quindi, la soluzione migliore è scegliere profilattici lubrificati che non contengano spermicidi.
  5. Assumere probiotici: dal momento che i batteri tendono a sviluppare resistenza agli antibiotici, uno dei rimedi più promettenti contro le infezioni sono i probiotici. Una ricerca pubblicata sull’Indian Journal of Urology spiega, infatti, che la flora batterica benefica risulta cruciale per prevenire la crescita eccessiva di microrganismi. L’utilizzo di antibiotici distrugge questa flora batterica benefica, mentre i batteri patogeni sono selezionati positivamente a causa della resistenza per crescere sulle superfici interne ed esterne del tratto urinario. I probiotici aiutano a rinforzare la normale flora batterica nel corpo umano, che va a costituire una vera e propria barriera difensiva. Anche assumere cibi fermentati aiuta a ristabilire la flora batterica e a colonizzare di nuovo la vescica con microrganismi utili per la salute.
  6. Inserire i mirtilli rossi nella dieta: alcuni studi suggeriscono che il succo di mirtillo contribuisce a diminuire il numero di infiammazioni urinarie, in particolare nelle donne con infezioni ricorrenti. Il mirtillo, infatti, può essere utilizzato come “strategia preventiva”: indagini scientifiche dimostrano che i prodotti a base di mirtillo sono attivi nell’inibire la crescita e la colonizzazione da parte di batteri che causano infezione, come l’Escherichia coli, il più comune batterio osservato nelle infiammazioni della vescica.
  7. Consumare aglio: l’allicina, il più importante principio attivo contenuto nell’aglio crudo appena pestato, possiede una varietà di proprietà antimicrobiche. Nella sua forma pura, è stato scoperto che l’allicina mostra attività antibatteriche su una vasta quantità di batteri, inclusi i ceppi di Escherichia coli multi-resistenti agli antibiotici. L’aglio, inoltre, ha proprietà anti-fungine, soprattutto contro la Candida albicans.
  8. Il D-Mannosio: il D-mannosio è un tipo di zucchero simile al glucosio. È nella lista dei rimedi naturali contro le infezioni, in quanto può prevenire l’adesione di alcuni tipi di batteri alle pareti del tratto urinario.
  9. Assumere molta Vitamina C: la Vitamina C rende l’urina più acida, inibendo così la crescita di batteri e rafforzando anche il sistema immunitario.
  10. Olio di chiodi di garofano: una ricerca pubblicata su Phytotherapy Research indica che quest’olio essenziale ha proprietà antimicrobiche, antifungine e addirittura antivirali. Un altro beneficio dell’olio di chiodi di garofano è il fatto che possiede proprietà antinfiammatorie e può, quindi, essere usato per alleviare il dolore e facilitare la guarigione.

Può essere applicato per via sistemica per un ciclo ininterrotto di massimo due settimane, ma si raccomanda di seguire il consiglio di un medico.

In conclusione, possiamo affermare che alcuni semplici rimedi naturali e qualche attenzione in più allo stile di vita sono decisivi nel prevenire e curare le infezioni al tratto urinario, come la cistite.

*Contenuto di informazione pubblicitaria.

Mostra commenti
Sudore maleodorante e mal di testa: e se la colpa fosse dello stress?
Sudore maleodorante e mal di testa: e se la colpa fosse dello stress?
È possibile avere un aneurisma cerebrale e non accorgersi?
È possibile avere un aneurisma cerebrale e non accorgersi?
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Esami del sangue in gravidanza, cosa monitorare?
Esami del sangue in gravidanza, cosa monitorare?
Perché le ferite non si cicatrizzano? Forse la colpa è dell’età, forse del diabete
Perché le ferite non si cicatrizzano? Forse la colpa è dell’età, forse del diabete
Kiwi: un alleato prezioso per chi soffre di colesterolo alto
Kiwi: un alleato prezioso per chi soffre di colesterolo alto
Chemioterapia: c’è una cuffia di ghiaccio per salvare i capelli
Chemioterapia: c’è una cuffia di ghiaccio per salvare i capelli