Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. A Cotignola il magnetismo che cura le aritmie

A Cotignola il magnetismo che cura le aritmie

Ultimo aggiornamento – 16 Febbraio, 2012

L‘Ospedale Villa Maria Cecilia di Cotignola, in provincia di Ravenna, è un centro di addestramento internazionale per i medici che vogliono apprendere i principi del magnetismo nella correzione della fibrillazione atriale.

La tecnica prevede che al paziente venga inserito per via endovenosa un elettrocatetere (che sfrutta quindi il campo magnetico) che raggiunge il cuore ed elimina la parte che causa l’aritmia.

Il Dr. Pappone, già noto per aver realizzato diversi interventi chirurgici a distanza, spiega  i vantaggi di questa innovazione che utilizza il magnetismo: «Il vantaggio è che si eliminano completamente i raggi X perché gli oggetti si muovono all’interno del campo magnetico e quindi sia i pazienti sia gli operatori non vengono esposti a radiazioni».

Inoltre la pressione esercitata dal sondino sulle arterie è nettamente inferiore a quella della mano del chirurgo: questo consente di ridurre drasticamente (o addirittura eliminare) il rischio di perforazione.

Questa tipo di sala operatoria ha dunque grandi vantaggi:

  • consente di operare pazienti che si trovano anche a grandi distanze dal chirurgo, purché si possa ricostruire il campo magnetico in loco per il paziente in ospedale
  • ha costi contenuti
Mostra commenti
L’eccesso di zucchero nemico della salute
L’eccesso di zucchero nemico della salute
Radicali liberi e antiossidanti
Radicali liberi e antiossidanti
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Prostata infiammata: come curarla (e cosa evitare)
Prostata infiammata: come curarla (e cosa evitare)
“L’Alzheimer raccontato dai lavori all’uncinetto di mia madre”
“L’Alzheimer raccontato dai lavori all’uncinetto di mia madre”
Tumore al pancreas: perché è così aggressivo?
Tumore al pancreas: perché è così aggressivo?
La percezione del dolore: ecco da cosa dipende
La percezione del dolore: ecco da cosa dipende