Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Attenzione al veleno degli imenotteri: ecco cosa fare in caso di allergia!

Attenzione al veleno degli imenotteri: ecco cosa fare in caso di allergia!

Ultimo aggiornamento – 14 aprile, 2020

Puntura Imenotteri: ecco Cosa Fare
Indice

A cura di


La primavera è arrivata e, con essa, si riscoprono ogni anno le piacevoli abitudini di sempre, come il trascorrere le giornate immersi nella natura, per godere così il clima mite e temperato e un po’ di sano relax.

Concedersi qualche ora all’aperto è sempre una buona idea, attenzione solo a non sottovalutare alcuni inconvenienti che, se non affrontati con la giusta consapevolezza, possono provocare conseguenze anche gravi, soprattutto per i più piccoli: parliamo della puntura degli imenotteri.

Cosa sono gli imenotteri?

Gli imenotteri sono gli Apidi e i Vespidi, insetti da temere per chi soffre di allergia.

Se punti da un imenottero, il pungiglione, estroflesso dall’addome dell’insetto, entra nel derma, rilasciando il veleno. Più aggressive delle api sono, certamente, le vespe, che si avvicinano alle persone perché attratte dagli alimenti o dai rifiuti. Per questa ragione, prestate maggiore attenzione ai vostri piccoli, soprattutto nei momenti dedicati ai pasti, come durante i picnic.

Tra i vespidi davvero temibili troviamo, certamente, il calabrone, le cui dimensioni sono più grandi e, quindi, maggiore è anche la capacità di iniettare di veleno, responsabile di reazioni sistemiche anche molto gravi.

Imenotteri: cosa sono

Allergia alle punture di imenotteri: un rischio reale

Parliamo, dunque, di un rischio reale. Più di 500 mila bambini e adolescenti subiscono ogni anno una puntura di imenotteri e circa 25 mila (ovvero il 5%) sviluppano reazioni allergiche, che possono essere lievi o anche gravi e, in casi molto molto rari (1%), portare allo shock anafilattico, che può verificarsi dopo pochissimi minuti dopo la puntura e risultare, ahimè, anche fatale in assenza di trattamento immediato.

Qual è la stagione più a rischio? Come dicevamo, quella tardo-primaverile ed estiva, in cui è più frequente l’esposizione a questi insetti, che sciamano ed entrano facilmente a contatto con i bambini, soprattutto nei parchi.

Cosa fare per non essere impreparati a una puntura di ape, vespa o calabrone?

Esistono alcune semplici regole da seguire per ridurre, in primis, il rischio di essere punti. Solo nei casi più gravi si deve far ricorso al vaccino, che è considerato una terapia salvavita.

Scopriamole insieme, continuando a leggere l’approfondimento sul portale della SIP, e dando la parola con un semplice click agli specialisti della Società Italiana di Pediatria.

CONTINUA A LEGGERE SUL PORTALE SIP

Mostra commenti
Spese mediche detraibili: quali sono e come si scaricano dalle tasse
Spese mediche detraibili: quali sono e come si scaricano dalle tasse
Chili di troppo e obesità: le complicazioni da non sottovalutare
Chili di troppo e obesità: le complicazioni da non sottovalutare
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
5 cause di dolore all’anca (nelle donne)
5 cause di dolore all’anca (nelle donne)
Ipogonadismo maschile: cause, sintomi e trattamento
Ipogonadismo maschile: cause, sintomi e trattamento
Via libera alla selezione degli embrioni sani per la fecondazione assistita
Via libera alla selezione degli embrioni sani per la fecondazione assistita
Memoria e attività fisica
Memoria e attività fisica