Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Attenzione a ciò che mangiate: rischio salmonella!

Attenzione a ciò che mangiate: rischio salmonella!

Ultimo aggiornamento – 19 dicembre, 2016

salmonella: come si contagia
Indice

La salmonella è una delle cause più comuni di intossicazione alimentare negli Stati Uniti. Salmonella è un batterio patogeno appartenente agli enterobatteri a forma di bastoncello e muniti di flagello.

Questi batteri possono vivere in molti animali, come bestiame, animali domestici, rettili, e, talvolta, negli esseri umani. La salmonella può essere trovato negli intestini di animali, in particolare suini e pollame, e si diffonde attraverso le loro feci. Per esempio, se le feci contaminate vengono a contatto con l’acqua che viene utilizzata per irrigare le colture, quelle colture possono trasportare i batteri sul mercato.

Anche il pollame crudo può essere contaminato da questi batteri ed è per questo che bisogna lavare le mani, e gli utensili da cucina, accuratamente dopo aver maneggiato pollame crudo.

Quali alimenti hanno più probabilità di essere contaminati con la salmonella?

Ogni prodotto, crudo o poco cotto, di origine animale o vegetale può essere veicolo di salmonellosi. Carne, latticini non pastorizzati, uova, e frutti di mare, verdura, frutta e frutta secca.

Quali animali domestici possono essere veicolo di salmonella?

Tartarughe, rane, lucertole e altri rettili, anfibi spesso portano salmonella. Questo perché si diffondono i batteri attraverso le loro feci, ed è possibile essere infettati manipolandoli. Lo stesso vale per i polli da cortile, altro vettore comune di salmonella. Tali animali non mostreranno alcun segno di infezione. Bisogna sempre lavare accuratamente le mani dopo essere entrati in contatto con eventuali e potenziali vettori.

Quali sono i sintomi di avvelenamento da salmonella?

Alcune soggetti possono essere portatori senza essere ammalati. Tuttavia, in genere, la salmonellosi causa:

  • Nausea
  • Vomito
  • Diarrea
  • Febbre
  • Mal di testa
  • Crampi addominali
  • Perdita di appetito

Questi sintomi di solito iniziano 12 – 72 ore dopo l’infezione e durano da 4 a 7 giorni. In casi rari, salmonella può anche causare artrite reattiva, un tipo di dolore che può durare mesi o anni e alla fine può causare artrite cronica.

Come viene trattata la salmonella?

Di solito, l’avvelenamento da salmonella va via da solo, senza trattamento. Bere molti liquidi per rimanere idratati in caso di diarrea.

Si può evitare la salmonella?

È possibile proteggersi contro l’avvelenamento da salmonella in diversi modi:

  • Cuocere accuratamente il pollame, carne macinata, e uova. Questo uccide i batteri.
  • Evitare gli alimenti che contengono uova crude o latte non pastorizzato.
  • Lavare le mani, taglieri e altre superfici di lavoro, coltelli e altri utensili, con sapone e acqua proprio dopo la preparazione di carne cruda o pollame.
  • Non lasciate che la carne cruda o il pollame entri in contatto con altri alimenti.
  • Dato che i batteri salmonella crescono e si moltiplicano a temperatura ambiente, gli alimenti non dovrebbero essere lasciati fuori dal frigorifero per più di 2 ore.

Si può trasmettere la salmonella a un’altra persona?

È importante evitare il contatto con rifiuti fecali di soggetti infetti. Lavare e disinfettare le mani in caso di contatto.

Mostra commenti
Parto cesareo: meglio evitarlo per preservare la specie più forte?
Parto cesareo: meglio evitarlo per preservare la specie più forte?
Alzheimer: scoperta una nuova terapia per la sua cura
Alzheimer: scoperta una nuova terapia per la sua cura
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
La crosta del pane potrebbe contenere una sostanza cancerogena (presente anche nelle sigarette)
La crosta del pane potrebbe contenere una sostanza cancerogena (presente anche nelle sigarette)
Sbiancamento dei denti, dal dentista o fai-da-te? Un boom di richieste
Sbiancamento dei denti, dal dentista o fai-da-te? Un boom di richieste
Il rischio cardiovascolare nei pazienti con diabete
Il rischio cardiovascolare nei pazienti con diabete
Il laser per controllare la nostra alimentazione
Il laser per controllare la nostra alimentazione