Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Attenzione! Dilaga il contagio da pigrizia…

Attenzione! Dilaga il contagio da pigrizia…

Ultimo aggiornamento – 12 gennaio, 2021

pigrizia: ecco perché è contagiosa!
Indice

Secondo la scienza, non sono solo le malattie infettive a essere contagiose, ma anche gli atteggiamenti e i comportamenti, oltre alle abitudini di vita. Vediamo in che modo si possono trasmettere le proprie abitudini e in che cosa consiste la sindrome da pigrizia.

In che modo la pigrizia è contagiosa?

A rivelarlo è stata una ricerca condotta da un team di Parigi del Brain and Spine Institute, secondo la quale non solo la pigrizia, ma anche l’impazienza e la prudenza sono ad alto carattere “infettivo”. Il passaggio da persona a persona in realtà non è consapevole, ma agisce a livello inconscio.

La ricerca è stata effettuata su 56 volontari, sottoposti a diversi compiti che comprendevano la scelta tra molte alternative, ognuna delle quali implicava un atteggiamento di genere pigro, imprudente o impaziente.

Il compito successivo consisteva nell’ipotizzare la scelta di un’altra persona, in realtà un computer. Una volta rivelata la risposta, ai candidati è stato chiesto di ripetere i vari compiti, verificando quindi se fossero stati influenzati o meno.

Il falso consenso e l’influenza sociale

A seguito degli studi, sono emersi due atteggiamenti differenti:

  • il falso consenso, ossia la tendenza a proiettare sugli altri il proprio pensiero;
  • l’influenza sociale, l’emulazione di un comportamento.

Cos’è la sindrome da primavera e qual è il legame con la pigrizia?

Tuttavia, l’influenza sul nostro comportamento dovuto a fattori esterni non è un concetto insolito per l’essere umano, che da sempre viene influenzato dagli elementi meteorologici. L’organismo, infatti, è fortemente assoggettato alla luce solare, che attraverso l’ormone della melatonina, regola il ciclo di sonno-veglia, scandendo quindi i momenti di sonno da quelli di veglia.

La luce, in sostanza, inibisce la produzione di melatonina e sprona l’organismo ad effettuare un maggiore carico di lavoro. Questa risposta viene spesso avvertita come l’affaticamento durante il cambio di stagione, dovuta a un maggiore numero di ore di luce rispetto all’inverno.

Ma il cambio di stagione, da inverno a primavera, non si limita a questo. Con l’arrivo dell’ora legale, la giornata non viene più considerata “al termine” verso le 18-19, ma tra le 20 e le 21, posticipando così il riposo di ben due ore e aumentando il senso di stanchezza.

Questa sensazione viene detta “sindrome da primavera” ed è caratterizzata da:

  • irritazione
  • aggressività
  • ansia
  • scarsa concentrazione
  • sensazione di malessere generale
  • problemi intestinali
  • insonnia e depressione

Anche la pressione del sangue può subire delle modifiche, che contribuiscono al generale malessere. Infatti, l’aumento della temperatura può comportare un abbassamento della pressione, specie dopo i pasti. Tale sintomo può causare vertigini, sonnolenza e anche mal di testa.

Cosa fare per superare la sindrome da primavera?

Per riuscire a superare indenni questo periodo così stressante per il nostro organismo, abituato ai tempi più lenti dell’inverno, è consigliabile dedicarsi più tempo per il benessere non solo fisico ma anche psicologico, programmando attività fisica e hobby che possono diminuire tensione e irritabilità.

Inoltre, per combattere la pigrizia ed evitarla quindi di trasmetterla ad altri si consiglia di:

  • mantenere un’alimentazione leggera, in particolar modo la sera;
  • evitare sostanze eccitanti quali tè, caffè e cioccolata;
  • preferire alimenti quali cereali, insalate e agrumi;
  • bere molto per idratare l’organismo ed espellere le tossine accumulate durante i mesi invernali.

Infine, per uscire dallo stato di pigrizia inerme è altamente sconsigliato restare a “vegetare” davanti alla televisione e prediligere l’attività fisica, come corsa, passeggiate all’aria aperta, frequentare una palestra per eliminare i chili presi durante l’inverno, ma anche dedicare le giuste ore di sonno notturne necessarie all’organismo per far fronte alle attività in più.

Si ricorda che è fondamentale prestare attenzione a tutti i segnali che arrivano dal proprio organismo, perché anche i piccoli malesseri e i disturbi gastro-intestinali, come le difficoltà digestive, possono essere un sintomo di leggera depressione o di stress cronico in atto. Riuscire ad individuare questi segni permette di apportare i giusti cambiamenti nella vita, e gestire al meglio una determinata situazione in poco tempo, senza trascinarsi addosso i problemi, permettendogli di degenerare in qualcosa di serio e grave.

Parlare con il proprio medico curante può aiutare ad escludere delle patologie fisiche e a concentrarsi sui propri problemi psicologici.

Mostra commenti
Come prepararsi per la mammografia: la guida passo per passo
Come prepararsi per la mammografia: la guida passo per passo
Fiato corto e mani che sudano: due sintomi di…?
Fiato corto e mani che sudano: due sintomi di…?
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Paura dei posti affollati, ansia e agitazione: quando è fobia sociale
Paura dei posti affollati, ansia e agitazione: quando è fobia sociale
Pancia gonfia e dolore addominale: inizia a capirne le vere cause
Pancia gonfia e dolore addominale: inizia a capirne le vere cause
Nuovi punti di vista sulla schizofrenia
Nuovi punti di vista sulla schizofrenia
Ti fischiano le orecchie quando dormi? Fai così
Ti fischiano le orecchie quando dormi? Fai così