Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Bambini e Covid-19: vaccino, pericolo contagi e prevenzione

Bambini e Covid-19: vaccino, pericolo contagi e prevenzione

Ultimo aggiornamento – 08 aprile, 2021

Coronavirus e bambini
Indice

In collaborazione con

Società Italiana di Pediatria

Intervista alla dr.ssa Elena Bozzola, specialista in pediatria e Segretario Nazionale SIP.


Sale il numero dei contagi del Covid-19 e, soprattutto negli ultimi giorni, a causa della variante inglese, a essere colpiti dal virus sono anche i bambini e gli adolescenti. La massima prevenzione è, dunque, necessaria, anche tra i più piccoli che rappresentano un potenziale “veicolo” asintomatico dell’infezione

Abbiamo così cercato di fare chiarezza, assieme alla dr.ssa Elena Bozzola, pediatra e Segretario Nazionale della Società Italiana di Pediatria. 

Perché ad oggi bambini e adolescenti sono stati esclusi dal vaccino anti-Covid?

Bambini e adolescenti sono, per ora, stati esclusi dal vaccino contro il Covid-19 per una mancanza di studi specifici in letteratura, ovvero tutte le volte che viene messo a punto un vaccino, questo deve subire diversi step e deve essere validato sulla popolazione che lo riceve, per garantirne sicurezza ed efficacia. 

Gli studi sono stati effettuati sugli adulti, sia per il fatto che generalmente i test si effettuano prima su pazienti di età adulta, sia per la ragione (più specifica) che il  Covid-19  ha effetti maggiormente gravi sugli anziani e adulti, che sono quindi più vulnerabili. Anche se il vaccino è stato ottenuto in tempi rapidi, non si è saltata alcuna tappa di valutazione, ed è bene ricordarlo (fase pre-clinica, clinica, post-clinica).

Attualmente, sono in corso dei trial clinici – alcuni in fase due – per gli adolescenti (12-17 anni), svolti prevalentemente negli Stati Uniti. Ci vorrà, quindi, un po’ di tempo prima che questi vaccini siano approvati anche per i ragazzi, validati da AIFA ed EMA, e commercializzati  in Italia. 

Variante inglese: qual è l’effetto del nuovo virus sui bambini?

Il fatto che la variante inglese si si diffonda tra i più giovani è legato alla maggiore contagiosità del virus mutato. La cosa importante da sottolineare è che non c’è stata alcuna dimostrazione di una più alta aggressività della variante inglese sui bambini, rispetto al nuovo Coronavirus iniziale. 

Al momento, è importante proteggere i bambini, seguendo le indicazioni consuete: distanziamento sociale, mascherine indossate correttamente (naso coperto) e igiene delle mani. 

I bambini hanno una risposta immunitaria diversa da quella degli adulti?

I bambini fortunatamente sono meno aggrediti dal Covid-19. Non sono immuni, però sappiamo che i casi di infezione sono molto bassi; si pensa che siano inferiori al 2% dei casi totali. 

I motivi avanzati sono differenti: attualmente, una delle spiegazioni più plausibili è che i bambini abbiano una espressione più bassa di alcuni recettori, gli Ace2, che sono quelli attraverso cui il virus si fa strada nell’organismo. Sono, comunque, risultati preliminari e su un numero limitato di pazienti, ci vorrà tempo per capire di più. 

Coronavirus e contagi a scuola: quali consigli dare agli insegnanti?

In questo periodo, si stanno vaccinando gli insegnanti, ma non dovranno comunque continuare a rispettare le misure anti-Covid19, tra cui l’uso della mascherina. 

È importante una azione attiva sull’educazione sanitaria agli studenti da parte della scuola. Rispettando bene le regole, con l’uso corretto delle mascherine, un buon distanziamento tra un bambino e l’altro, con una buona igiene delle mani e una adeguata sorveglianza (il bambino deve tornare subito a casa, se compaiono sintomi), la scuola è un ambiente sicuro


Per maggiori informazioni sui vaccini anti-Covid, invitiamo a visitare il portale ufficiale del Ministero della Salute, cliccando qui .

Mostra commenti
Variante brasiliana: perché si rischia una seconda infezione
Variante brasiliana: perché si rischia una seconda infezione
Reflusso e mal d'orecchio: il legame che non ti aspetti
Reflusso e mal d'orecchio: il legame che non ti aspetti
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Come rafforzare legamenti e cartilagini (in modo naturale)
Come rafforzare legamenti e cartilagini (in modo naturale)
Sesto senso? Il nostro cervello può prevedere le parole di un interlocutore
Sesto senso? Il nostro cervello può prevedere le parole di un interlocutore
L’AIDS del ventunesimo secolo, la malattia di Chagas
L’AIDS del ventunesimo secolo, la malattia di Chagas
Lesioni cutanee e infiammazioni: perché il diabete può causare problemi alla pelle?
Lesioni cutanee e infiammazioni: perché il diabete può causare problemi alla pelle?