Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Consigli Di Viaggio India

Consigli di Viaggio in India

Ezia Campise | Blogger

Ultimo aggiornamento – 31 Gennaio, 2011

State partendo per andare a contemplare la meraviglia del Taj Mahal, le strepitose dimore dei Mahrajah del Rajastan, le escursioni in elefante a Jaipur, la tomba di Gandhi a Delhi, il Gateway of India a Bombay, il bar Leopold sempre a Bombay (avrete pur letto Shantaram), i strepitosi massaggi ayurvedici del Kerala, il misticismo dell’Hymalaia, il mare cristallino delle Laccadive, l’India vera di Calcutta?

Stupendo, sappiate che:

I-oltre alle solite precauzioni (non bere acqua sfusa, non mangiare cibi crudi, non baciare gente sconosciuta) dovrete stare attenti anche a dove comprate l’acqua imbottigliata (solo in posti sicuri, e controllate che il tappo sia originale: qui riempiono le bottiglie con acqua non minerale, incollano il tappino e le rivendono), a disinfettare la parte esterna delle lattine prima di aprirle (la linguetta va giù, insieme a tutta una serie di accidenti), a chiudere bene la bocca e gli occhi sotto alla doccia, a non mangiarvi le unghie ed a lavarvi le mani molto spesso. Comunque, un batterio intestinale lo ospiterete, nessuno potrà evitarvi questa esperienza. Starete un giorno chiusi in casa con il mostro a contorcervi le viscere, qualsiasi precauzione abbiate preso. Nella maggioranza dei casi tutto si risolverà in poche ore. Quello che dovrete avere con voi è un integratore di sali minerali per reintegrare, appunto, la perdita – cospicua, e mai vista prima – di liquidi ed evitare la disidratazione, una giornata di tempo da dedicare al riposo e del riso in bianco con cumino. Da avere a disposizione anche un farmaco da banco blocca dissenteria, ma da utilizzare solo in caso di vera emergenza (se dovete affrontare uno spostamento, per dire). Nei casi più gravi è consigliato un antibiotico intestinale.

II-malaria: premesso che non esiste nessuna profilassi farmacologica che offre una protezione completa contro la malaria, e che spesso i benefici dei farmaci vanno seriamente bilanciati con spiacevoli effetti collaterali, è bene rivolgersi ai centri Medicina dei Viaggi della vostra città per avere informazioni mediche dettagliate, anche se probabilmente dovrete far di testa vostra perché ognuno dice la sua. Da non-medico, considerando che – spero – non andrete a razzolare negli slum, vi consiglio di portarvi un repellente per le zanzare da usare sempre, all’aperto e al chiuso (la zanzara tiger gira anche di giorno, è grossa come un colibrì), e di evitare di venire qui nei mesi monsonici (da aprile a settembre). Se vi beccate la malaria, era scritto nel destino.

III-altri vaccini: non ci sono vaccini obbligatori per venire qui, ma se non vi sentite sicuri potrete sceglierne alcuni a seconda del “tipo” di viaggio che andrete a fare. Il vaccino per la “diarrea del viaggiatore” (vaccino anticolera e anti E. coli enterotossica) è consigliato per i viaggi brevi, dura poco, non è ripetibile ma vi salva la vacanza; il  vaccino per il tifo è consigliato se la vacanza si prospetta lunga o se avete in mente di vivere un po’ all’indiana, quello per l’epatite A è consigliato per chi non ha voglia di stare super attento a quello che ingerisce e quello per l’epatite B è consigliato solo a chi decida di venire in zona a fare il medico, il dentista, a drogarsi o per scopi di cui al successivo punto (il IV) , altrimenti non ce n’è motivo;

IV-qualora, affascinati dal mondo kamasutra, decideste di avere flirt in zona sappiate che: i preservativi costano pochissimo (20 centesimi la scatola da 8), la pillola del giorno dopo la potete comprare al minimarket senza nessuna formalità (I-Pill, costo 100 rupie, cioè un euro e 50) ed ovunque potrete trovare potenziatori della vostra sessualità a poche rupie (artiglio del diavolo, viagra, cialis, e varie altre polverine magiche);

V-la mia esperienza mi ha insegnato che per qualsiasi problema poco più serio di un mal di pancia è bene non andare in ospedale subito, ma fiondarsi in un hotel a 5 stelle (della catene Oberoi o Taj, presenti ovunque in India), chiedere di un medico e farvi visitare. Lo pagherete circa 1000 rupie (15 euro circa, un luminare) e vi saprà consigliare il da farsi…

VI-in generale, non c’è bisogno che vi portiate farmaci da casa. Tutti i farmaci sono reperibili in farmacia senza ricetta (non sempre è un bene, ma è così), sono altrettanto sicuri e costano molto poco (il 90% in meno!) grazie a numerose battaglie condotte quotidianamente da eroi (specie da Medici Senza Frontiere) contro le case farmaceutiche che pretendono di brevettare farmaci salvavita rendendone il prezzo inaccessibile per gli indiani…

Mostra commenti
Fit for school
Fit for school
La retinopatia diabetica: vedere e rivedere!
La retinopatia diabetica: vedere e rivedere!
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Yogurt? Ok, ma solo se è al 100% naturale
Yogurt? Ok, ma solo se è al 100% naturale
Diabete di tipo 2: i pro e contro della metformina
Diabete di tipo 2: i pro e contro della metformina
Sono arrivati i 60 anni? La dieta che riduce il rischio di mortalità
Sono arrivati i 60 anni? La dieta che riduce il rischio di mortalità
Vitamina A: non fa bene alle ossa, quando assunta in eccesso
Vitamina A: non fa bene alle ossa, quando assunta in eccesso